Sulle Onde Gemelle dell’ACQUARIO L’ArCANO delle Elezioni in una sola parola – nel XI°Segno dello Zodiaco et dell’XI° ARCANO & LA FORZA.

Tutto sta a bene memorizzare dei colori e delle simbologie, icone  e sia cum siderare – ovvero leggi Sidera (latino – Sidera- la Stella)come sia ai nostri tempi all’occhio ora opportuno considerare quale siano le ONDE , The Whaves  et HONDO et HUND (vedi precedenti files)et Nami (in giapponese Tsunami) in ogni altro NOMEA  che ALLE NOSTRE ORECCHIE HANNO I SUONI E LE FONETICHE  PLANETARIE , CHE INFATTI LE PAROLE così udite ora lambiscono i nostri sensi virtuali , astratte o fisiche come quelle reali che l’acqua che scorre portano i fiumi sino al Mare, all’Oceano OKEANUS allegorico che in terra come in cielo scorre da FIUME Cosmico che così chiamavano gli Antichi pure il NILO celeste e terrestre e anche l’ ERIDANO(Padus- il PO Padano) che è appunto come la Via Lattea – è l’icona del Fiume tra le stelle di stelle….nel mito greco il luogo dove precipitò il figlio al timone del Carro del Sole, quel mitico FETONTE sulle sue sponde…del fiume Eridano.

Antichi miti di Eventi celesti e umani del detto che in cielo : in Alto così come in basso, in Terra, da immagine riflessa che prendono Aedes- Sede Uranica, celeste, divina concepita dagli Antichi, il grande CERCHIO di Stelle (lo zodiaco) che fascia la volta celeste come un velluto o vello stellato trapuntato di Luci, luminari che hanno ispirato le antiche origini delle civiltà e rapite da tanto splendore celeste e moti siderali da vedervi la dimora degli DEI. Mito di una fascinazione che così alberga ancora come reminiscenza nello spirito umano oltre ogni Dottrina Sideralis e teoria astrofila dalla ENOCTURNA ONIRICA IPNEROTOMACHIA TRADIZIONE dei tempi di ricavare presagi dai segnali che la natura coglie e capta con deduzioni ed ispirazioni arcane !.Prassi qui esposta da tempo  seguendo i passi del Maestro…dei Secoli, The Century.

Quanto oggi rileggiamo con altro senso dopo la tanta acqua passata sotto i fiumi di disparate civiltà con le loro varie filosofie e religioni e dottrine. Rivoluzioni dopo rivoluzioni celesti i sapienti hanno stilato cicli di eventi storici e millenari secondo l’AION o l’EONE stellare che ha i suoi protagonisti in Icone e Animali- viventi del ben noto ZOE(VITA)DIAKUS, la fascia che avvolge “ periblemenos” il nostro pianeta. Il Grande Cerchio di costellazioni che ogni civiltà a dato un coincidente , affine logos.

Dei  latini  l’icona dell’Uomo che versa l’Anfora o l’Urnale che sfocia nel fiume dell’AQUARIO – detto Urnale , l’Urnale Vaucile & Vancile (nel Centurie) Vangile. Logos che in latino ha in ANCILE, lo Scudo di Marte ! Quello misterioso palladio di Marte in ROMA conservato nel tempio con altri DODEKAN…DODICI SCUDI ! Il mitico prezioso sacro Palladio  di cui si è persa la destinazione ? Abbiamo quindi tanto il VASO o l’URNA – la Giara p il Pitale – che evoca il Vaso di Pandora con tutte le nefandezze e le maligne sinistre sorprese, che appunto sappiamo uscire ad ogni tornata…turne – urne , consultazione Urnale . Onda dopo Onda , gemella , il che alimenta il sospetto già manifestato di un doppio turno semmai non ci fosse un vincitore ? Come abbiamo dedotto dal precedente analisi dell’anno del Canto del Gallo-(2017 anno del Gallo cinese) tradotto in greco ELECTOOROS … allusione fonetica all’eletto ed elettore e cosa sta al Bull o al TORO ? In Borsa indice di gonfie vele e Welfare ,Ottimo Fare- Fatto Fare(verbo) Kanos !!!Opposto alle malfatte del passato Malfare !

Ora la via è così una Porta Aperta dopo troppi anni di governi obsoleti per cui suona davvero la grande Ora dell’Elettorato e quindi dei TURNI ELETTORALI – le cui onde su onde dei sondaggi – si sono già fatte manifeste in Francia, in Germania, in Inghilterra (BREXIT) Austria etc. Tutto uno scenario che quindi a Marzo – porterà alla ribalta la sfida che abbiamo già tracciato dalla 3-63 sull’imitare un percorso elettorale messo nero su bianco sin da troppo tempo.

Strana coincidenza che ha sempre avuto attenzione al dire URNA e Sepolcro e Bara per chi subirà una tombale sconfitta E altre urne antiche lambiscono con le nostre news quotidiane di sepolcri passati allo specchio del tempo quanto di vecchio-antico così coincidente all’ideogramma cinese che traccia il segno di un 18 = Vecchio ! Le vecchie cose antiquate da cui sbarazzarcene ?

Tutto fila così bene poi abbinato all’anno 18- del 2018 ! L’esagramma XVIII° i cui contenuti e significati abbiamo già esposto un precedente file….sugli errori del padre che deve pagare il Figlio FLORenzi ! Sottigliezze che coincidenti alla perfezione di cui tutti tacciono nell’inverosimile morso che morde la Lingua ! Ma almeno di fatto sia questo il Tempo della Cura da Cavallo ,salvo che tutto non finisca in cavalleria senza il Medico e il Sanitario intervento della sua Amara Medicina che sarà stilata ad ogni Italiano.

Dunque Cosa giammai dobbiamo apprendere da questo segno Urnale ?Dopo l’Aria che Tira (segno d’aria ed Aries…Ares ?)o il Veneto Vento che soffia dal Nord alle porte della Capitale Romana ?

Poi come spurgato esser questo l’anno con tanta parentela con Canide o Cinofilia di chi sta a difesa degli animali domestici e sia il Cane o Gran Cane Venaticus opposto al Lupo o il Lupanare di vecchia data di chi non perde il pelo ed il vizio…sotto le stelle o le canicola in cui si abbandonano  tanti esseri viventi cari amici dell’Uomo, gli amici più fedeli !

Vedi in antico ANUBIS e la sua testa da sciacallo , funerea icona di rune e morti e mummie e sarcofagi egizi ,non scordando che oggi ci sono troppi che portano la maschera o altra innominata moda del celarsi come in  FACEBOOK e COMUNICARE …appunto mediante ogni sistema ad onde corte,internet e providers e chi e cosa via cavo e satellitare fa la tecnologia aquariana propria dell’Universalità globale mete tutti alla velocità del lampo faccia a faccia vis a vis per forza( VIS- VIM) di cose , teoria di vecchia anticipazione dell’Era dell’AQUARIO che ha suggestionato le generazioni dei Fiori , quella passata di Bernardino del BOCA che pubblicava la sua rivista con la copertina Blu, proprio a Torino, la fucina di quel sincretismo di filosofie e religioni ed altro, che allora contrastava negli anni Settanta con quanto invece il corso del fiume del Tempo PADUS AQUARIUS e di GIANO GALLICO = NOSTRADAMUS ,mi poneva già allora ben altre lungimiranze sul futuro dell’Umanità, per nulla rose e fiori come l’Era Aquario a detta di tali sostenitori doveva riservare splendidamente alle porte del Nuovo Millennio.Cose passate,giudizi che oggi hanno senso totale di quanti suonavano le trombe di un nuovo Avvento e Paradiso terrestre,prima ancora che crollasse il marxismo e comunismo !!!

Da allora quante bufale e buffali sono passati in lungo e largo, un vero fiume di onde du onde e dietro cui solo tanta tabula rasa- invece di credere agli scenari che dagli anni 1969 avevo tracciato sul divenire del pianeta,puntualmente collimati in sequenza successive perchè tanto vasto è il testo degli scenari futuri ulteriori per ben due mila altri anni(3979)! Tutti questi scenari futuribili dovrebbero far meditare..piuttosto di sentenziare le croniche fine del fondo sopratutto da oltre oceano, ove pullulano una infinità di sete esoteriche ed aquariane da strapazzo….ignoranti della profezia che svela:

Sulle Rive dell’Aquario fiorirà l’Arbusto della Rosa fruttifera!

L’Iscrizione posta sotto l’arco trionfale di Nostra Signora –

NOSTREDAME a Lourdes !

Ma la storia è più antica e lunga di quanto si immagini, se lungo tale fiume che le sue sponde che si incrociano i destini del Figlio del Sole, Fetonte o di altro Re Sole gallico sconfitto alle porte di Torino ed altra Eclisse e altro Sommo Primario Sole le cui radici affondato in questa terra ancora misteriosamente capace di arcani che provengono dalle sponde del Nilo ove Torino e al Cairo hanno sede i maggiori musei di antichità dell’antico popolo di Horus o Horapollo ,a cui lo steso Nostradamus ha curato uno specifico testo di esegesi,ancora ignorato dai grandi saccenti dell’egittologia.

Possiamo davvero quindi dire che non sulle rive dell’ARNO, fiorentine – ma sulle nostre rive Padane e della Padanja – che bisogna lavare i panni i panni sporchi – di tante macchie e polemiche passate e dietrologie, anche di tanti trapassati ottusi critici nell’Amenti o Restau o D.M.

Dis MANIBUS/ANUBIS ! Il regno dei Morti, la Casa dei Morti. Ecco quindi nuovamente parlare di Urne e Urnali riti funerei oltre ai rituali rito urna…che la semantica ovvero cronosemantica coincidere genau=giusto- esatto perfettamente con questo nuovo anno che bussa alla porta…anche di quel FLORA che la tiene aperta impensatamente…per entrare ancora in gioco o per uscire definitivamente ? E chi resterà allora bene a galla sul fiume del corso attuale ?

Tutto dipenderà dalle acque impetuoso del FIUME AQUARIO e chi et cosa e come trasposta lungo le sue rive sino all’OKEANO, al grande mare in cui la nave Italia dovrà barcamenarsi tra la forza nove dei flutti, lutti e barconi della morte e naufragi tra le onde delle tempeste.Ma non sarà la sola Nave , la Nef di tanta cattività afflitta. Non basta un salvagente o un salvini o un canotto , che svela chi sia migliore nel comunicare onda dopo onda, concentrica tutto ciò che serve ad ammaliare ed affascinare il grande popolare polare populismo e la marea umana affamata di nuove soluzioni, che inutilmente si cercano da destra e sinistra.La dura e cruda realtà della vita dovesse dipendere dai colori o da una o l’altra spalla , quindo invece occorre una testa che senza ossimori o antitesi chiuda le vene di tanto dissanguamento economico bancario, Stoppi il debito dell’Erario Pubblico, sotto la spinta di tali onde a cui nessuno può metter un freno o una sbarramento o un saracco alla Mosè.

Non sono nei colori di un partito la soluzione,la sola nera INTELLIGENZA bene ARTIFICIALE ? Ovvio al servizio della nazione, chi riuscirà a rimetter i cocci rotti del vaso di Pandora, è tale da meritarsi ben altro titolo di salvatore della patria.  Ma è troppo presto prima che giunga chi abbisogna dall’ADRIA et A(D)RIA specifica la quartina sotto osservazione da decadi ad ogni elezione e turno elettorale. Ansia e fretta nella Corsa o Curse Elettorale o Furia Aquariana Urnale elettorale ?Come è possibile distinguere sensi così drastici ?Ancora devo ripetermi che le quartine vanno viste allo Specchio die tempi se il maligno tempo rito ritorna ciclicamente da considerare quanto nella spirale gemella del DNA questa quartina racchiude e peserà sul nostro futuro ?

Da pagina 41 di Nostradamus -Ultime Rivelazioni 1994.

Vercelli e Milano donerà(donranod)nera Intelligenza

Entro Ticino-Torino sarà fatta la Paia

Correndo in Corsa per Siena l’Acqua (rio) e sangue e il Fuoco (acceso)per Firenze(fiorentino)L’Unica risoluzione – scelta dallAlto al Basso facente (faysant) Maye !

Intrigante quartina che sotto la dicitura di Sfida Sociale Elettorale ( 8-7) oggi possa far fare un salto di qualità per arrivare alla comprensione di tale telegrafico scenario che batte oggi come un Maglio o martello i suoi colpi cupi e rimbombanti ….. Così che letto e riletto ed oralmente discusso.

Tutto questo perchè quel Fare ovvero KANOS KANEI in greco coincide in greco appunto con quel FIAT e FATTO e FATTORE o MAX FACTOR di tanta scenografia allegra delle comunicazioni ed intrattenimenti televisivi, che poi oltre invece qui tratta del fare e dei fatti e FATTO quotidiano di cosa si pensa, si stampa e si dice, o dichiarano i politici. Quanto saranno importanti le città nominate in primis ?

Chi farà la Paia o il pareggio o l’accoppiamento ….incluso quanto corre di angoscioso quanto l’acqua del fiume o del rosso pompare del sangue che sale alla testa per tanta protesta , se accende il grado della polemica che corre da rush finale dalla città di Siena a Firenze ed al fiorentino ?Occorre vera e nera Intelligenza e Senno – da ossimoro o antitesi che cosa vuole alludere ?Una sfida e corsa non si placherà affatto dopo il FATTO degli scandali bancari e loro carie- corruzioni !  L’ultima riga…è quella lapidaria che resta finale che dall’Alto Vertice – al Basso... come svelerà l’esito esaustivo del logos finale.

Logo da bene tenere a memoria (in tedesco Errinerung – incluse le Erinni di tanta discordia civile)tutto in mente per giudicare il FATTORE e il FATTO del grande il FARE o tempo del KANOS KANEI del nostro futuro prossimo venturo.E non dite di non avere capito Knulla(leggi in svedese) !

Non è più tempo di fingersi – Musso o Mussi o ASS o Culi o Asini che ragliano al cielo fingendo di non capire.

Quindi ancora al prossimo File sul binomio Segno dell’anno del CANE e sia dell’Aquario secondo le nostre DODEKASTERON di casa “STELLE “ che abbia in questo Ciclo sessagesimale dei Cinesi( 1958+ 60= 2018).

Annunci
Pubblicato in NOMEROLOCIPHER, NOSTRADAMUS, RENUCIO BOSCOLO, SIGISMONDO FANTI | Contrassegnato | 8 commenti

JEROSOLIMA- GERUSALEMME Da : Nostradamus Presagi Terzo Millennio( 1994).

Eccoci ancora al Tema da sommare al precedente file sulla Città Eterna come la Santa al KUD o KADOSHEM i di cui eventi e scenari sono stati scritti così inconfutabilmente e sia particolarmente cari a Michel Nostradamus, data la sua discendenza ebraica anche esposta dal Sigismondo Fanti nel suo proemio e che giammai nessun altro ha scoperto e svelato all’Ombra del Leone di San Marco con tutte le implicazioni che tale XANTOS et SANTO evangelista sta legato all’Oriente(Egitto fonte di ogni arcano esoterismo e genesi divina)ed a tale data del (ve)nato sotto Leo ombre e giornata notturna urna … 

Il Giovane ebreo dal sangue Illuminato – CHELLIMBO (MICHELLIMBO)MILLE LUSTRO FE-(Milliade di versi-strofe) FEY Chiaro così mostra…Che non c’è Fede in questo mondo ingrato che possa assecondare la FEDE Nostra(damus)!< 1526!!!!!>

Allora qui di fatto constatiamo questo MAX FACTORE e FATTO del FARE avverso alla investigazione e giudizio sulla Profezia- tanto del Nostro e del Fanti, unici autori del massimo compendio profetico che è oggi  svelato VEL TROVATO al mondo che persiste e censura – perché contrario ala visione la sola che porta SPERANZA al rinnovamento del mondo e dell’Umanità ,        ad opera di chi sta opposto nel mondo alla FEDE stessa – che da secoli stenta a conciliare ed avere FEDE in DIO o alle sue illuminazioni o vaticinazioni su cui bene abbiamo posto (JESOD) la Pietra di Fondamento o meglio la Chiave di Volta !Perchè nessuno considera questo passo biblico ?Da quando gli architetti del Tempio  o meglio i costruttori hanno rigettato – sinché  alla Fine dei Tempi sarà ritrovata e riposta al suo giusto “lieu “der stelle (STELLA).

Queste sono le pagine che da tempo abbiamo con lungimiranza riferito al FUTURO dedotto da: quartina dopo quartina- quadrante scenario Sesceni(latino Milliades)così redatto da grande mosaico del tempo avvento VenturoProssimo .

Già – JADIS avendo bene dedicato come in altro testo L’Enigma Risolto (Oscar Mondadori)quanto esposto di un secolo di storia – Anno dopo anno gli eventi e scenari del Medio Oriente con le specifiche datazioni ed eventi maturati durante il mio corso esistenziale a testimonianza di quanto ancora non è riconosciuto e constatato come elencato in tante quartine, sestine presagi di Nostradamus a cui abbiamo portato chiarezza.Ed a cui si aggiungano ogni altra esposizione esegetica con i titoli composti decennio dopo decennio che siano da strada maestra come quella che il Nostro STRADA DAMUS Diamo con FEDE che è la sola che ci ha illuminato e retto sulla Strada di questa predestinazione.

La Prova di Forza che attende il Mondo …..

Pubblicato in NOMEROLOCIPHER, NOSTRADAMUS, RENUCIO BOSCOLO, SIGISMONDO FANTI | Contrassegnato | 7 commenti

AL KUD= la Santa = GERUSALEMME : un MULINO di PROFEZIE nel Vaso di Pandora….Speranza e l’Attesa di una vera Pace ?

GERUSALEMME – La PIETRA di INCIAMPO delle NAZIONI(ONU)

E’ strano come al ciclico riaprirsi di ostilità millenarie su Gerusalemme sfugga quanto scritto al principio dell’anno su :

Capi d’Aries, Ariel, Ares per Giove e Saturno turno.

DIEU ETERNE (DEUTER-Interprete)

Eternale City(Roma-Gerusalemme)

Quelles Mutations- Qwelles= Welles(in tedesco)

Le Onde = the Waves di tale grande MUTAZIONE !

Quindi per cui a ragione delle Mutazioni ai Sommi (GIOVE)Vertici Militari (ARES- Marte)nel Tempo di Saturno Turno (Urnale elettorale tempo ) per ARIEL = GERUSALEMME.

ARIEL – ARI – il Leone di EL- di DIO !

Avendo date tute queste specificazioni in vari mie precedenti testi sopratutto ala coincidenza di quel Saturno turno (delle Urne-Urnali)incluso della terra Saturnia(Italia).

La specifica è circoscritta agli USA dato che ARIES-ARES = Marte e ARIETE,il MONTONE (Colpo di ariete bellico proverbiale) è 美国Měiguó in cinese il MONTONE Bello l’ ideogramma per l’America.Il Paese dei Belli – la traslazione che appare sin dal 1984 nei miei vari testi.

Che appresso lungo tempo il suo maligno tempo(crono) retourne-ritorna rito urna !

Gallia e Italia .- Quali Emozioni ( 1-50).

(QUAL- Kamikaze-Martirio in tedesco)

Tanta telegrafica vaticinazione che così ciclicamente scandisce eventi a distanza di giubilei o di cinquanta anni o più a causa di tali Mutazioni ai Vertici dei responsabili delle nazioni e dei popoli dal Paese dei MONTONI (Usa)ai quello del Leone di Dio, ARIEL in ebraico- Israele…ma la mutazione include impensatamente pure quello di ASSAD,il Leone di Damasco(Siria).

Allora investigammo il logo mutazione in varie lingue facendo centro con il PERESMENJA in RUSSO avvento della PERESTROYKA !

Quale preannuncio eclatante che nessuno si è degnato di avvalorare !Omen Nomen !

Ma abbiamo premesso all’inizio dell’anno come MUTAZIONE sia tradotta in Cinese con 突变Túbiàn..……la TUBA in latino appunto TRUMP- TRUMPET, la TROMBA.Giammai quella di un Giudizio sul Mondo sordo alla Pacificazione SALAM !Questo è il suono dello Squillo e cassazione ed OSSIMORO stridente Eclatante ONDA e sua significazione che solo la semantica composta e coincidente con il tempo di TRUMP , i cui atti ora diventano peggio delle Trombe di Gerico..di antica memoria biblica. Che ben altro comporta e d evoca in campo infrasonico semmai ci sarà chi una simile tecnologia appronterà idonea (IKAN in greco IKAN = TEMPLUM in giapp.) quello che meglio si adatta allo scopo per eliminare le tipologie di armi a scoppio. Virtuale sia l’Utopia che finirà quando l’altra Tromba o Orecchio Formattato, suonerà e sarà lo strumento per tale scenario predetto dal Nostro capace di tanta meraviglia.

Ora dobbiamo invece constatare gli echi sinistrali non tanto di una Tromba del Silenzio, ma degli allarmi e delle sirene agghiaccianti delle HAMAS violenze irose e rancori dell’Odio millenario che si annida e serpeggia come l’arcaico SERPE INFIDA –

Temptation And Fall
William Blake, 18-8

Quella che ab antico – ha tramato e complottato nell’EDEN o persino nel Giardino del Mondo ?Chi voglia :

” metter l’uomo contro dio e fratello contro fratello come ai nostri tempi fedeli ed infedeli recitano ,l’uno come un Cane fedele, essere amico dell’Uomo ed altri Infedeli islamici nemici dell’Umanità  inclini al barbaro e bestiale approccio di vedere gli altri anche ed ancora invidiosi di benessere come lo fu per Abele e Kaino et kainos esaltati amano tramare contro e così all’opera – quanti oggi compresi nel giro giro così usano il nome dio DIO e dei Profeti per le loro vendette e vendicazioni e che solo DIO il SOLO DIO – possa annichilire quando ci metterà la Mano o chi sarà la sua Mano sul Mondo intero affinché infine allora GERUSALEMME diventi OMEN NOMEM la Città della Pace !”

Pubblicato in NOMEROLOCIPHER, NOSTRADAMUS, RENUCIO BOSCOLO, SIGISMONDO FANTI | Contrassegnato | 4 commenti

L’UNDECIMATICA FORZA ITALIA allo specchio ELEZIONI URNE di ieri e di DOMANI

PROMEMORIA STORICA Ed ICONOGRAFIA da Scenario antico ?

Almeno l’immaginare il futuro fu temerario , mentre altri il futuro lo architettavano blandendo le nostre attese. Chi mai può dire di avere  immaginato il domani con ogni arcano che la nostra storia comporta. Ma sono scenari vissuti e sfiorati e purtroppo ancora sulle nostre crude quotidiane esistenze , ci sono i segni gravosi e forieri di altri scenari che il grande veggente ha da tempo predetti. Non scoriamoli – semmai ci da il coraggio di ripensare ai tempi passasti e oggi puntualizzare con gli eventi presenti urnali,  elettorali, fanno eco alle  tombali sconfitte e tradimenti in ogni campo politico.Quindi ora così ricordiamo …..che sulla scena ci saranno meraviglie e grandi sorprese !

Noi – che abbiamo vissuto le decadi dell’ultimo secolo passato non senza la speranza green-verdeggiante della nostra verdade giovanile allora nell’euforia che almeno poi davvero al Mille più Mille ci portasse il vento di tanta innovazione tecnologica e psicologica a cavallo della Milliades o Killiades. Ma constatiamo che la storia si ripetete amaramente con tanto travail travaglio e lavorio o de labore d’altra assonanza con il Lavoro (18 articolo  chiacchierato e vilipeso …).

L’entrata in campo di Silvio Berlusconi, ecco il ventennio remoto poi i non tanto.

Le immagini passate che fissano bene l’esultanza di chi scese in campo secondo interessi e finalità che sino ad oggi ben altra luce e suoi personali motivazioni e interessi economici e televisivi  di allora nessuno possa negare bene celavano, le ben altre finalità che alla luce della storia hanno macinato altri protagonisti, ormai scomparsi.

Oggi ancor peggio di allora la situazione politica ed economia italiana è diventa ancora più complessa con il suo traguardo del debito pubblico inarrestabile che sta per toccare la sinistrale cifra dell’esagramma XXIX (29°)ovvero in latino dell‘UNDANS- Undaquadraginta che marca la storia di WALL STRETT ed ogni Piazza affari della Grande Crisi planetaria ad ogni finale copia del “29-92 (2029) ABISMES – gli abissi dell’infero spalancato peggio del Tartaro dell’ECONOMIADES (Ades-infera) che ci vede toccar il fondo così tanto a basso…per colpa di tante mani bucate dei politici marci e corrotti.

E chi mai riuscirà a chiudere questa porta o Moloch infernale che da vampiro sanguisuga SANGSUE – cola grasso e ci succhia tanta ricchezza a ragione degli interessi pagati alle banche straniere.E che ha oggi ogni neonato soffiare sul collo da precoce debito di oltre 70 mila euro !

Ogni popolo per quanto laborioso e formica laboriosa all’opposto delle cicale canterine che balano, cantano,allegramente incoscientemente cieche della tenebra, senza più olio nella lampada e il grande freddo e stridore di denti..o quanto il messaggio avverte il Vangelo nella parabola delle Sette Vergini Folli e le Sette Vergini Sagge ! Chi è oggi ad essere ingannato ?

Quando ancora come sempre –  dai pulpiti ci vengono solo promesse che a pesci in faccia i ricchi , i soliti benestanti ciechi della povertà ed indigenza di tanti italiani , allora  condannano il rancore del popolo o dei populismi che se oggi si manifestano. di certo hanno una ragione d’essere. E che poco contano quando i vecchi Leaders ancora fanno promesse, disco rotto o la fotocopia del passato , siamo ormai stanchi o stracchi e provati da tante polemiche che hanno in comune sempre la vita privata,il sesso e feste canterine come le vergini folli o le cicale.Chi emenderà il grande guasto ?Chi sarà idoneo, capace (IKANOS in greco)a sanare tanto malessere ? Ed intanto la Barca Italia è nella tempesta. La coincidenza vuole che per chi è osservatore attento di tanti anni di storia ci sono cifre che si ripetono dall’anno 1978 all’attuale 5778 ….anni del cavallo e poi del cavaliere o cavalli di razza che nella nostra storia più cupa hanno un Cavaliere o il Musso Mussolini che ha affascinato questa nazione.Qui casca l’Asino et l’Asinum delle tante speranze e sana democrazia che ha avuto tutto il tempo per sfornare leaders su leaders. Benedetta Libertas o Scudo Crociato che ha avuto l’auge e il suo Tonfo sinistrale, al cui annuncio e visione ho solo constato tanta polemica e rancore per avere visto il Futuro,m tanto declamato su libri e poster..sula fine della D.C. E poi di di Craxi(1992)Tutto inutile, non sono stato ascoltato Parole e al vento ?

Indelebili sono le pagine dei libri e copertine, Le covers e i posters eclatanti …..che proprio a nulla sono servite ? Dopo Bis et Elezioni dopo elezioni a cui abbiamo sempre dato ed anticipato l’esito,per quanti hanno la memoria corta.

Ma già allora abbiamo messo a l’ESEGESI NUDO – di tanto politico andazzo e soqquadro alla faccia di tanti scetticismi…sino alla Grande Carie Bancarie.

Sopra la banca la capra campa, sotto la Banca la capra crepa !

Oltre a Quartine su quartine suoi Destini d’Italia , la nostra Italia che Nostradamus ha prediletto per una causa e ragione unica per chi bene poteva attingere da vera fonte entro la città IADI ( del Toro le 7 Stelle)da interprete ! Rileg bendo così le Pagine di testi gettati alle ortiche ma per quanto ancora?

Perché mai ci vuole che si manifesti la ROVINA COMPLETA- INTERA di una nazione L’Erario pubblico per terra,aria e mare gettato -Pisa, Asti , Ferrara Torino terra Interdetta(Fiat TRONCA):

E quella (3-63)Il Romano Potere del tutto a basso ….di tanta attualità in relazione all’esito della Manche Sinistrale in Francia, Per Cosa avverrà allo specchio del tempo allora in Italia ?

Semmai sia questa la Coda o OURA LA RUINE O OURANOS -celeste ovvero quanto dal Cielo “URANO “ sta sulle nostre teste, ovvero il Colpo di Coda del Dragone Asiatico. Tradotto questo preso di peso dal testo dell’Apocalisse – ci sia il Dragone e quindi chi in Coda ad esso possa mettere in atto questo colpo exploit explorer oratore maligno che minaccia con le sue folgori balistiche l’Occidente ?

Ci vuole un interprete per capire cosa questo sta a significare ?O peggio ancore ripetere sin dal lontano 1980 calco dai miei testi- cosa di Gemino e DUM ALTISSUMUS della DUMA l’Altissimo – bisogna esser asini per non capire chi sia tale altissimo leader-Zarputin ancora ai vertici della DUMA Russa oltre che indice di : OURA et O…URALE ROVINA diventerà la Spade di Nostradamocles che la maggioranza (leggi in olandese )meerderheid- di merda finge di non capire !

Ormai i protagonisti sono giunti ad un limite o quadrante in cui in questo biennio si giocano le svolte, le grandi MUTAZIONI

che ci obbligano a toccare con mano le parole roventi ,ovvero le righe che riguardano i destini d’Italia.

I vecchi senex che ancora riemergono e vorrebbero decidere la politica e l’economia che loro hanno invece dimostrato solo di avere le mani bucate. Fassino Fassina, Fascine e frassini o quanto altri Arbusti-Alberi dell’Ulivo o della Quercia alla cui ombra nessuno spera più di stare.Dall’epoca della chêne(quercia in fr.) alla scena o pro scena et Sesceni e Senescenza bancaria oltre la prossima prochaine o chaine – catena al collo di tanta cagnara o del grande Cane o DILAN DOG, il Cane (CHIEN)errante per cosa si cela in così poche righe, insidie ed altri inganni cinematici o cinofili ancora le icone del passato sarà bene ricordare ?.

Promesse mendaci o MENDHOUSE in casa e fuori casa !Siamo stati scottati e alleggeriti dei nostri patrimoni dalla notte all’alba. Non dimentichiamo la rapina dell’Europa con l’EURO(PRODI, proditore consiglio di consultare un dizionario di latino).

Ognuno a perso e pagato abbastanza sostanza e patrimonio.

Il soldi non piovo dal cielo e neppure il lavoro se questo si è rivelato essere un problema del malessere tanto spinoso come l’arbusto della Rosa – Rodus un greco e che ha in giapponese RODOUSA il Lavoratore,il Lavoro ! E ROSA in sanscrito poi in latino IROSA da essere la “ VIOLENZA-RABBIA RANCORE- L’incredibile senso letale assume la fonetica nell’altra faccia del pianeta.Oggi si liquida tanto rancore malcontento popolare con tale polare, raggelante giudizio del populismo, l’onda ad alto rischio di tale cagnara o protesta che in passato ha visto opposizioni ben più tragiche( 1978)e nessuno immagina chi possa in questo URNALE TOUBILLON dissestante corsa per avere il POTERE capire se ancora il VECCHIO o il NUOVO farà il grande passo.

La semantica insegna che i senatori o i senex sono stati messi al limite(ancora preservati)ma il Parlamento prochian-prossimo che colore avrà ? Se si sommano i colori secondo cui

i rossi assomeranno i rossi …

Diventa un paradosso se cosi tale fazione e colore perde i pezzi da ogni parte. Palese l’imperando del 23° esagramma lo SGRETOLAMENTO , la FRANKTUMAZIONE dall’anno TERME 7/8 ( pure anno termale del caldo climatico e secco XEROS) Così come abbiamo da tempo esposto e dettagliato coincidere attualissimo.

Chi divide Impera. Chi Unisce…ovvero l‘UNIONE FA(Fare =Kanos Kanei) la FORZA …piacerebbe quindi ai FORZISTI di FORZA Italia.

Dovranno f are i conti con l’UNDECIMATICA XI° La FORZA VIS VIM VIMINALE FELINA -LEONINA 

E chi SALVO…chi saprà dividere e invece collegare, ligare-gare ogni logos che a questo scopo combacerà con i Liguri ed Adriatici, ma questo è il capitolo senex, antico , strano e arCANO ideogramma cinese l’incredibile tratto come il 18 acquista affinità nell’anno 2018 e la 18 legislatura su cui pesano i mil ti presagi repubblicano nelL’anno del Cane cinese, che sta di guardia Cave Canem  posto innanzi alle Porte della città Celeste -proibita  cane o Leone che sia – qui senza scordare anche che Cerbero sta a guardia delle Porte Infere come il Grande Cane , il Veltro che dovrà mettere la Fuja= la Lupanare maledetta da cacciare all’Inferno...

che ha dissanguato il popolo.

Quindi la storia non è semplice come qualcuno promette, come sempre, promesse da marinaio con la Nave in alto mare e grande Tempesta,come predice Dante – che ha bisogno di un Ulisse che non si faccia ingannare ammaliare da i fedeli amici o da infedeli islamici o dal prossimo cerchio magico o da altre stregonerie …perchè ne sesso e tempio sarà perdonato.

In Greco novità ed NOVITA’ NOUVEAU o INNOVAZIONE si dice KAINOS KASINOS KINOS KANOS…quanto basta pesare le parole che nulla ci sarà di nuovo senza la Killiades all’angolo la storia che si ripeterà a costo di Sangue eccellente, perchè Knulla si è imparato dal PASSATO KAINO.

Pubblicato in NOMEROLOCIPHER, NOSTRADAMUS, RENUCIO BOSCOLO, SIGISMONDO FANTI | Contrassegnato | 12 commenti

CAVE CANEM ……QUO VADIS ….. EUROPA & VOLTAFACCIA di BRONZO ?

( da Conoscenze oltre il Confine- presegnalazione)

Qualche giorno fa, alcuni dei più importanti intellettuali europei – tra i quali il filosofo britannico Roger Scruton, l’ex ministro polacco dell’Istruzione Ryszard Legutko, lo studioso tedesco Robert Spaemann e il francese Rémi Brague, docente alla Sorbona – hanno firmato la “Dichiarazione di Parigi”.

Nel loro ambizioso manifesto, hanno respinto “la fasulla Cristianità di diritti umani universali” e “l’utopistica crociata pseudo-religiosa votata a costruire un mondo senza confini”.

Che hanno invocato un’EUROPA basata sulle “radici cristiane”, che s’ispiri alla “tradizione classica” e bocci il multiculturalismo: I padrini dell’Europa falsa sono stregati dalle superstizioni del progresso inevitabile. Credono che la Storia stia dalla loro parte, e questa fede li rende altezzosi e sprezzanti, incapaci di riconoscere i difetti del mondo post-nazionale e post-culturale che stanno costruendo. Per di più, ignorano quali siano le fonti vere del decoro autenticamente umano cui peraltro tengono caramente essi stessi, proprio come vi teniamo noi. Ignorano, anzi ripudiano le radici cristiane dell’Europa. Allo stesso tempo, fanno molta attenzione a non offendere i musulmani, immaginando che questi ne abbracceranno con gioia la mentalità laicista e multiculturalista“.

Nel 2007, riflettendo sulla crisi culturale del continente, Papa Benedetto XVI disse che l’Europa stava “dubitando della sua stessa identità”.

Nel 2017, l’Europa ha fatto qualcosa in più: creare un’identità post-cristiana e pro Islam. Le sedi istituzionali e i musei ufficiali dell’Unione europea, in realtà, stanno cancellando il Cristianesimo e accogliendo l’Islam.

Uno di questi musei ufficiali che di recente è stato aperto dal Parlamento europeo, la “Casa della storia europea”, è costato 56 milioni di euro. L’idea era quella di creare una narrativa storica del Dopoguerra, costruita attorno al messaggio pro-Ue di unificazione. L’edificio è un bellissimo, esempio di Art Deco a Bruxelles.

Ma come ha scritto lo studioso olandese Arnold Huijgen, la casa comune europea è culturalmente “vuota”:

Sembra che la Rivoluzione francese abbia dato vita all’Europa, sembra che non ci sia nulla prima della Rivoluzione. Viene data grande importanza al Codice Napoleonico e alla filosofia di Karl Marx, mentre la schiavitù e il colonialismo sono considerati i lati più oscuri della cultura europea. (…) Ma la cosa più incredibile della Casa è che, per quanto riguarda la narrativa, è come se la religione non esistesse. Di fatto è come se non fosse mai esistita e non avesse mai influenzato la storia del continente. (…) Non si tratta più di laicismo europeo che combatte la religione cristiana, viene semplicemente ignorato ogni aspetto religioso della vita“.

La Insana burocrazia di Bruxelles ha anche cancellato le radici cattoliche della sua stessa bandiera, azzurro campo con le Dodici stelle prese di peso dal testo della Rivelazione – DODEKASTERON – che simboleggiano quali moti simboli celesti quali capisaldi stellari come XII Nazioni maestre degli ideali dell’unità, della solidarietà e dell’armonia tra i popoli dell’Europa.

Perché l’emblema e stato disegnato dall’artista cattolico francese Arséne Heitz, che pare si sia ispirato all’iconografia della Vergine Maria. Ma nella versione ufficiale dell’Unione europea, sulla bandiera non c’è traccia delle radici cristiane. Oltre che ad avere poi una Donna come la prima Presidente dell’UEROPA CRISIANA (SIMON VEIL).

l’ora propizia per la DONNA “KAIROS” = L’OPPORTUNA CHANCE

Presa di posizione da bastian countrari inspiegabile ha avuto il l dipartimento monetario ed economico della Commissione europea, ha persino ordinato alla Slovacchia di ridisegnare le sue monete commemorative, eliminando i santi cristiani Cirillo e Metonio.

E così che non si fa una sola menzione al Cristianesimo nella bozza abortita di 75 mila parole della Costituzione europea.

Il ministro dell’Interno tedesco Thomas de Maizière, membro dell’Unione cristiano-democratica, il partito della cancelliera Angela Merkel, ha proposto di recente di introdurre le festività islamiche. “Perché non si dovrebbe pensare di introdurre una festività islamica in parti del paese dove vivono molti musulmani?”, egli ha detto.

La sottomissione sta avanzando”, ha replicato Erika Steinbach, già autorevole presidente della federazione che rappresenta i tedeschi espulsi da vari paesi dell’Europa orientale, durante e dopo la Seconda guerra mondiale. Beatrix von Storch, una dei leader di Alternativa per la Germania, (AfD), ha laconicamente twittato: “No no no!” NO MAN possa essere condivisa !

La proposta di De Maizière dimostra che quando si tratta di Islam, il laicismo europeo ufficiale “post-cristiano” è semplicemente latitante.

Poche settimane fa, a Bruxelles è stata ospitata una mostra finanziata dall’Unione europea e intitolata: “L’Islam è anche la nostra storia!”. L’esposizione traccia l’impatto dell’Islam in Europa. Un comunicato ufficiale afferma quanto segue: “La prova storica mostrata in questa esposizione – la realtà di un’antica presenza musulmana in Europa e l’interazione complessa fra due civiltà che hanno lottato l’una contro l’altra, ma che si sono compenetrate a vicenda – sottende un impegno educativo e politico: aiutare gli europei musulmani e non musulmani, a comprendere meglio le loro radici culturali comuni e a coltivare la loro cittadinanza condivisa”.

Isabelle Benoit, una storica che ha contribuito a ideare la mostra, ha dichiarato ad AP: “Vogliamo rendere chiaro agli europei che l’Islam è parte della civiltà europea e che non è un’importazione recente, ma ha radici che risalgono a tredici secoli”.

Allora di fatto – l’istituzione ufficiale europea ha voltato le spalle al Cristianesimo. L’establishment sembra essere ignaro di quanto il continente e la sua popolazione continuino a dipendere dall’orientamento morale dei suoi valori umanitari, specialmente in un momento in cui l’Islam radicale ha lanciato una sfida di civiltà all’Occidente. “È semplicemente un problema di ‘pieno’ e di ‘vuoto’”, scrive Ernesto Galli della Loggia, nel quotidiano italiano Il Corriere della Sera. :

È impossibile non considerare che mentre dietro il ‘pieno’ si stagliano i profili di due grandi tradizioni teologico-politiche – quella dell’ortodossia russa della Terza Roma da un lato, e quella dell’Islam dall’altro – dietro il ‘vuoto’, invece, c’è solo la progressiva evanescenza della coscienza cristiana dell’Occidente europeo”.

Ecco perché è difficile capire la “logica” alla base dell’animosità ufficiale europea nei confronti del Cristianesimo e la sua attrazione per un Islam essenzialmente totalitario. L’Europa potrebbe essere tranquillamente laicista senza essere ferocemente anti-cristiana. È più facile capire perché migliaia di polacchi hanno partecipato a una manifestazione di massa lungo i confini del loro paese per protestare contro “la laicizzazione e l’influenza dell’Islam”, che è esattamente la linea dell’assurdo credo ufficiale dell’Ue.

Durante la Seconda guerra mondiale gli Alleati evitarono di bombardare Bruxelles, perché doveva essere il luogo della rinascita europea. Se l’élite europea continuerà con questo rifiuto culturale della propria cultura giudaico-cristiana e umanistica, la città potrebbe essere la sua tomba.

RINGRAZIAMENTI a : Giulio Meotti – redattore culturale del quotidiano “Il Foglio”, è un giornalista e scrittore italiano. Pezzo in lingua originale inglese: Europe’s New Official History Erases Christianity, Promotes Islam

Traduzioni di Angelita La Spada per https://it.gatestoneinstitute.org

Fonte: http://www.imolaoggi.it/2017/11/04/la-nuova-storia-ufficiale-delleuropa-cancella-il-cristianesimo-e-promuove-lislam/

Pubblicato in NOMEROLOCIPHER, NOSTRADAMUS, RENUCIO BOSCOLO, SIGISMONDO FANTI | Contrassegnato | 14 commenti

VENERDI’ 17 ….post DIX-SEPT ! La DISETTE o Spaniotita del DUEMILA……DICIASETTE. L’EPTAKADEIKAFOBIA.

Anzitutto come insegna la nota enciclopedia L’eptacaidecafobia (dal greco ἑπτακαίδεκα “diciassette” e φόβος phóbos = la paura che fa novanta ! Tale sta al numero DIX SEPT abbinato all’infausto VENERDI’ di alcuni eventi storici e leggendari..Ma esiste anche la fonetica anch’essa complice di tale scaramantica addebitazione disgraziata (vedi la cabala napoletana)popolare .

 

In francese l’anfibologia semantica del DIS – SETTE O DIX SEPT confina con la Miseria e le Chagrin o Ellen (Ellade vedi la  Grecia)der Elend quale The END = FINE e Clima globale vissuto che ha constato l’impoverimento a cui siamo giunti sotto tale cifra esattamente dopo un secolo, dal 1917 , rivoluzione di Ottobre in Russia e quindi poi DATA storica da cui siamo usciti dalla nostra infelice e Primaria(UNDANS) inondazione di sangue umano, dopo che Marte era in Quaresima (1870)” Mars en Qaresme “ quanto poi questi tempi così collimarono – al fatale decennio dopo decennio del –

Dopo Quarantanni dal corso della Belle Epoque l’Iris* sarà visto tutti i giorni e per altri quaranta anni poi …invece Par Parqua(Parca) Quaranta anni Irisna no apparirà(la Pace-Irene )e tous les jours (giorni) URSS* sera visto (manifesto * L’ Unione Repubbliche Socialiste Sovietiche)!

( IRIS nota icona della simbologia Liberty floreale della Bella Epoque e Fiore della Pace e logos dell’Arcobaleno,The Rainbow multicolore antichissimo simbolo biblico dell’Arco celeste ,quello apparso sopra le Acque – dopo il Diluvio di NOE’, dopo i leggendari quaranta giorni…Tessarakonta in greco.)

Di nuovo ribadiamo la stupefacente elencazione di periodi della nostra storia passata dal 1870 oltre l’epoca della Bella Epoque sino al 1910 oltre cui si scatena l’eclisse dell’Iris, simbolo della Pace mondiale che la quartina bene racchiude come enumerazione “ 17 “ (Uno – 17) che oggi ancora ricorda come questa quartina come tessera di un mosaico secolare o centenario o kentara o Century delle Centurie stesse che sia, non si possa ignorare quanto ci consta questo computo e i quarantenni successivi , dopo cui negli anni QUANTA per la stessa PARQUA- PARCA (Klotos, Lachesis e Atropos)si snoda così il filo della Parca della STORIA HYSTORIA umana presagio dopo presagio, sestina e quartina dopo quartina come abbiamo operato e unico dal secolo passato , da tempo dimostrato nell’opera NOSTRADAMUS & L’Enigma Risolto, (Oscar Mondadori)che consigliamo rileggere ed analizzare per toccare con mano i dettaglia della storia planetare anno dopo anno almeno per un Secolo dal 1900 al 2000.  E come nelle stesse righe chiaramente le l’etere stesse “vocali e consonanti ” del testo originale genuino contengano il logos di URSS di quel Quarantennio in cui la Pace mondiale o Guerra fredda , ha la terra, questo pianeta vivre in aridità, sterilità…sopratutto dopo il II° Conflitto degli anni Quaranta…l’URSS che sarà vista tutti i santi giorni a discapito dell’arcobaleno o dell’IRIS così eclissata, adombrata dall’ideologia che tale lettere URSS – hanno pesato sulla nostra comune esistenza. Basta una parola a diventare un lampante segnale del corso degli eventi dimostratesi esatti nello scorre del tempo storico dal 1917, al 1940-5 e oltre altri tessarakonta annate sino al compimento allora del SAECULUM SECULORUM del ...2017 !

Tanto quanto ogni parola e lettera del testo del Nostro non possa essere assolutamente prevaricata dalla sua stesura originale . Qui si dimostra che solo la traduzione eseguita con somma ARTE del suono e della fonetica ,porta scoprire a descouverte sul desco ,tavolo ,piano di lavoro come ogni riga dell’opera parola ,somma tra le righe stesse , altra parola che racchiude tra due valve dell’ostrica la PERLA!. Detto questo, chi non rispetta tale sacer rito “ procul sunte “ s’allontani da tale sapiente Arte dei Calembours dei poeti e profeti. Quanto bene abbiamo ne nostro sito, esposto più riferimenti a tale enumerazione di una cifra che hanno già da tempo quanti hanno bene enfatizzato gli studiosi sul Diciassette, la cui somma 153 è esattamente la sequenza chiave di san Pietro o di Giano ???così qui esposta e grazie a quanto hanno anticipato tale esegesi- di 1+2+3+4+5+6+7+8+9+10+11+12+13+14+15+16+17= CENTOCINQUANTA TRE! E perché non calcolare anche tres….17x17x17 = ?????

Questa è la citazione presa di peso dai Vangeli dopo la pesca nel lago di Tiberiade dei 153 Pesci !

Simon Pietro salì nella barca-e trasse a terra la rete(NET ?)

piena di  grossi PESCI (Giovanni 21,11)  grandi pesci ?

L’Idea di grossi Pesci IKAN PAUS , altra definizione semantica che ho colto alla coincidenza di questo margine del secolo (1917-2017) ovvero del pesce più grande MEGA ICTHUS …dovrebbe oggi far meditare l’antico simbolismo cristiano da cui alla pesca ed ai pescatori ed tale pesca miracolosa a cui sono chiamati e hanno Pietro in primi primario ruolo di pescatore di anime nel mare del mondo, ha nell’IKAN PAUS = Il Pesce del Papa, il Grande Pesce tra i tanti Pesci da Padre della Chiesa !(1+5+3= 9 = IX= Nono segno sagittario -Centauros – Sapienza, maestria – la fede, la chiesa,i cieli, la morale, la filosofia…astronomia -astrofisica e suoi affini…celestiali )

Quanto vale allora questi coincidenza centenaria dei CENTO e + CINQUANTA TRE Pesci ? Qui di fatto c’è in gioco un Secolo oltre che la cifra del cinquanta , vero crogiolo(5O esagramma dei Ching e sia simbolo del Power – to can ovvero il Potere- Governo Imperiale )che ha la sorprendente configurazione in cui il carré del 17 da tempo pubblicato allora compone. 17+17+17 vedi icona.

(Invece il 51 nei CHING è il terremoto, sisma con il soqquadro di ogni quadrante…sistema,struttura etc. )

Da ogni lato con cui si ha la somma la cifra o logos che possa qui CINQUANTUNO…Sinkantune ..incantare, suggestionare non senza escluder ogni altro evento che sia legato alla cifra CINQUANTA o SINKANTA o SINKO- che ancora lega la fede cristiana alla (dal greco) PENTEKOSTE (50) quanto suggerisce del CUNCTA , del computare del TUTTO che in latino è CUNCTA , e comporta sommare tanto la FEDE (Shinkò in giapponese)e il QUINTO (arcano maggiore- massimo = il Sommo Pontefice) che allude a Pietro, il pescatore autore della Pesca Miracolosa che giunge arriva con il pescato, che verrà poi condiviso tra i Sette discepoli ed il Maestro Gesù che attende sulla riva per sfamarli con il Pane(Lem in ebraico) ed i pesce pescato. Santi e padri della Chiesa hanno nei millenni offerta la loro esegesi cristiana in chiave universale.  Qui in verità occorre l’ICTUS in colpo illuminatore degno della Pen(e)tecoste (Cinquanta)come sula riva e costa del lago di TIBERIADE..per svelare l’ICTUS del KRICTUS di CRISTO!

Sulla sponda e riva e costa del lago (in greco Lagos- Popolo coniglio) eccoci alla grande disette , allo sfamare gli affamati primi i sette discepoli …nella primaria in riva al lago “CRISTORAZIONE “ in cui il Maestro Gesù è l’Ottavo con attorno ai SETTE Apostoli con cui spartisce il Pane e la Cane del Pesce o metafora di se stesso ICTUS CRISTUS !.quanto in una divina tavola rotonda in cui viene celebrato nuovamente il rito del cenacolo

Non manca neppure il Vento del deserto CINQUANTA = Khamsin (in arabo)che soffia come ala Pentecoste ad illuminare i Discepoli, l’Amenos Aletheja o Spirito Santo RUACH KADOSCH !<Il Vento della Verità.

Abbiamo già esposto come il XVII° o Dix SEPT o DICIASSETTE riserva secondo l’ispirazione orientale (dei CHING) sia ideogramma ed esagramma tanto di HUA, Fiore (FLORA) come di MUTAZIONE; Scambio,METAMNORFOSI, CAMBIAMENTO , The CHANGE.La qual cosa bene si soma con i tempi del FLORA e della DICIASETTESIMA LEGISLATURA, cosa lampante e lapalissiana cifra e datazione per il 2017 e lo stesso 17 che finisce a monte ormai così tutto quanto ! Poiché emergerà altro senso  all’approssimare del XVIII° quanto altra faccia delle cose poi verrà a galla ????:Quadrante dopo quadrante, quartina dopo quartina e ogni altra numerologia inclusa la prossima della XVIII° carta del grande Arcano Lunare- Diana, Cintia. Selene. Selina etc.

Vale allora il Detto – che più Carré o CARREFOURS incrociante  EN CROIX KAPRAZ  del tempo che avrà Saturno in Capricorno  così   da essere inquadrato nel Quadrato di un quadrato perché non c”è che il Quadrato o la Quadratura del Cerchio in terra e nei cieli a farci da ago della bussola.!

Di quel Carré che ha del 17 appunto la somma triangolare del CINQUANTUNO !

(LI in latino …..invece LI in cinese = Grande Numero-Cavallo nero-separarsi…braccio di Forza-Dissociazione-chiesa,rito-cerimoniaIl Libro dei Riti di Confucio etc…)

Ma se vogliamo leggervi un senso universale di questa Pesca Miracolosa del lago di TIBERIADE,

cosa dopo un secolo (100)e cinquanta e più comporti riflettere su tale grande pescata o grosso Pesce INKAN PAUS…..così intrinseco al Pesce PAPA o ala stessa CHIESA e al la simbologia del Pesce e di CRISTO ….. sino alla stessa BALENA (il grande Pesce)MEGATEROZAS , la grande Megattera, che è anche il nome di una grande metropoli millenaria di una capitale dell’ASIA !

Eppure il filo del destino o l’amo di tale pesca, o tale da richiamare la gomena o il filo scambiato per cammello da far dire ai traduttori che è più facile per una gomena, corda(perchè erratamente fu tradotto gamel – gamal per cammello) per entrare nel Regno dei Cieli, attraverso la Cruna dell’ago che per un Ricco TIKOON !  Abbiamo lasciato alle spalle il secolo del : LI-51 …5751 anno biblico calendario( = 1991) e cosa abbiamo anticipato esattamente allora ? Quanto avvenne di ÉTONNANT nel mondo e gli Imperi dell’Est e dell’OVEST USA ed ex URSS -Russia. Sono datazioni che nell’Almanacco di Nostradamus abbiamo allora così anticipato …tra il menefreghismo indolente generale…come l’anticipazione della defenestrazione di Gorbaciov !!!!  Pazientiamo ormai da decenni e nessuno più si stupisce, anzi la gente dorme o vive come in coma nell’indifferenza totale a dispregio della profezia!!!  Procediamo come sempre a passi silenti , qui la nostra esegesi o interpretazione in cui spesso abbiamo sviscerato il segno della Balena ovvero di Giona(vedi nel Sito). E sia evidenziato che la Grande Balena,MEGATTEROZAS del MYTERION (TERION – BESTIA) così grande quanto i 153 grossi pesci dell’enumerazione e computo del 17 ( con il 153) alla coincidenza del secolo 1917-2017….foriero di tale grande MUTAZIONE per il Dio ETERNO predice la 50-51(?) quartina delle CENTURIE , sarà solo caso o invece è un indizio ?. Resta già spiegato che il 51 (LI) o il 50 = ELLI – in turco ELLE “ L” in latino etc.. esposta da tempo in vari file su cui bene sia fatta Luce Clarté , in tedesco= HELLE=BRIGHT- Illuminazione ……..alla Fiaccola per fare LUX Luce. O HELLESSE – LES (vedi in russo)! Non è possibile fare Luce se non c’è MUTAZIONE o Grande Cambiamento sotto il Segno di GIONA ? Ovvero il Segno di Giona o della Grande BALENA o Baleno- Lampo – ΚΕΡΑΥΝΟΣ(in greco)FULMINE …a ciel sereno quanto collega alla Chiesa ed a CRISTO l’ IKAN PAUS , la BALENA nell’anno 2771…(17?) le nouveau dalla fondazione della Città Eterna e quanto appresso il seggio o Apres l‘ESIEGETE(ESEGETA)NUDO Diciassette- Dieci Sette(70)Cambieranno (CINQUE) in tale Rivolto Lutero Termine-Fine- Compimento!.

UPDATES- L’ISIS il 17 venerdì(il giorno dei mussulmani) 2017.

La minaccia contro il Papa…per Natale ! Quante sono sacrileghe le idee ad opera di bestie umane  a cui permettiamo tanta libertà….e invece bene mettono la museruola ai profeti sicché al lupo al lupo + nessuno crede e così Babilonia impera e i lupi solitari sbranano nuovi martiri della Fede.

Pubblicato in NOMEROLOCIPHER, NOSTRADAMUS, RENUCIO BOSCOLO, SIGISMONDO FANTI | Contrassegnato | 14 commenti

NOSTRADAMUS E IL MITO DELLA FENICE sino alla NEW della Camera della Piramide e le anticipazioni inconfutabili sulle Cartuche dei Faraoni su cui l’egittologia ancora tace.

Nel municipio di Salon in Provenza c’è un ritratto del celebre medico veggente accanto ai suoi più illustri concittadini succedutisi lungo cinque secoli. Sotto spicca il motto “Ex Antiquitate Renascor “. Dall’Antichità IO Rinasco…rinascere-risorgere come era d’uso sotto ogni medaglione il motto o detto che racchiudeva nella simbolografia i riferimenti di un casato o d’illustre famiglia del tempo. Una raccolta monumentale di motti, latini o altra lingua è quella di Boschius: “Symbola Aenigmatyca Inscriptiones. Notae, Cifrae” del Secolo Sedicesimo. Qui si ritrovano i motti riferiti alla Fenice “Phoenix in suo Rogo – Invito funere vivet ” – Pur morire immortale fiamma – che indicano l’uccello del mito dalla notte dei tempi – in Eliopolis la città solare egizia, ove così l’uccello reale rinasce dalle vampe innalzandosi in cielo. …da cui la leggendaria Araba Fenice !

Nessuno ha dato sinora il senso compiuto a tale leggenda che fissa oltremodo i termini di tale Rinascita o paradossale Risurrezione che avviene calcolata –computata ad ogni Cinquecento (il Cinquecento= latino “ D “ ovvero in francese La Renaissance)proprio ancora infatti compiuti questi Anni dopo “longtemps” o LOIN (lontano-distanza)et LION di leonina distanza Leontas o Leo felina che ha il tempo stesso nell’EONE o L’EONE una sua antichissima IKONA.

Poi ben bene (Ben Ben Bennu – la Fenice in Egizio) constatiamo che nelle mille e più iconografie del celebre testo di Boschius , la raccolta conferma ogni disegno o motto accluso da grande enciclopedica di motti in molte lingue e sia datazioni che arricchiscono tale libro-manuale con le sue pagine ovviamente ricche d’illustrazione in cui la Fenice è regina , come nel medaglione raffigurante nel cielo il lancio di un razzo o meglio diremmo, oggi un lungo missile che si innalza nel cielo con un lunga scia luminosa, quella della vistosa retro spinta. Così nel XV° Secolo questa era la tecnologia che qualcuno già conosceva ? Colpo divino dell’immaginazione umana a metter le Ali come sognava possibile Leonardo da Vinci . nulla impedisce di correre se alludeva al Grande Uccello di cui sarà coperto di Gloria o al Cigno o alla Fenice nei cieli come al “Deus ex Machina”, che appare improvvisamente fulmine a ciel sereno, la novità inattesa e declamata dagli ufologi da oltre un secolo ? (Vedi Uphos in greco….Light e Light con doppio senso in inglese – che sta al contrario di pesante…Haevy inglese e che invece leggero vola nei cieli UFOS !)
Quanto all’Occhio umano da tempo viene – infatti ad offrirsi come lampante Visione, relegata all’incredibile e non scaricata da psicologica cronica allucinazione da parte degli scettici. Corpi celesti che sfidano ogni teorico dato ed OBJECT corpo ed Obiettivo e progetto di Chimera non solo più della Fantascienza. Ormai tempo di spazio e cieli e mondi altrove di cui è zeppo il Cosmo – per cui ipotesi per nulla azzardate l’uomo ne ha fatte sempre, cominciando a mirare nel suo futuro di giungere sulla Luna che è il sogno antico, cullato dal tempo dei greci…e come nella favola o poema rinascimentale abbia ilo suo Cavaliere in sella all’Ippogrifo o Pegaso volante. Da allora ad oggi, ogni popolo ha cullato visioni, oracoli e profezie che sono fiorite sulla bocca di tanti geniali pensatori, ante litteram da esser anche i padri del fantastico. “Non c’è uomo che non abbia un sogno, non c’è sogno che non abbia affascinato l’uomo “infondendo una nostalgia infinita che ha fatto leva sull’immaginazione, il seme o DNA ante litteram che ha condiviso ogni genio come Leonardo. Mistero dell’inconscio che trapela mediante il Sogno o l’Ipnerotomachia che ogni mente umana esperimenta e mescola con la reminiscenza preterita(il passato)di volare come la Fenice, nei sogni o in una dimensione che se è un ricordo , questo forse appartiene alle epoche remote, ma non solo di cinquemila anni fa , ma molto più all’indietro, se ancora perdura sino ad oggi come evocano le storie dei testi indiani in cui la leggenda e descrizione tecnica delle navi volanti, i Vimana o Garuda si accomuna il volare di questo mito ecco quindi prefigurato – l’Uccello glorioso” che spicca il volo innalzandosi sul rogo delle vampe… altro non è che il primordiale BENBEN da cui sono discesi sulla terra gli Dei o sia il Falco di Horus d’Oro che vola nel cielo quale araba fenice , tra le fiamme e fuoco sino a rinascere elevandosi in alto nei cieli sopra la Città di Eliopolis (la città del Sole)!Ci sono sufficienti papiri in cui la descrizione del Falco di Horus, tuona e esplode innalzandosi nel cielo tra le fiammate, che poco si accordano al battito delle sole sue Ali ! Allegorie e metafore che stridono . Anche i latini avevano l’Aquila di Zeus o la Macchina volante o carro celeste o i clipei sferici scudi celesti della nostra arcaica leggenda latina. Questa analogia, oggi istintivamente ci porta all’Era dei cieli e dello spazio perché così il grande millenario sogno umano di volare è una realtà che non ha bisogno più di Miti.
Per gli egiziani volare verso le stelle con la barca solare era l’unione in eterno con gli Dei. Ora il Mito si ripresenta sotto una altra veste temporale, quella di Giano, dio del tempo dalla testa Bifronte, che guarda dal passato all’avvenire futuro. Figura o emblema che è, sta all’idea e simbologia usata nel “Giano Gallico”, il primo libro curato dal discepolo di Nostradamus, Chavigny che riunì la raccolta dei presagi e quartine ed altri suoi scritti, come le
Pronosticazioni, il brogliaccio in cui il Nostro lasciò le intuizioni e visioni incomplete.
Il paragonare Nostradamus alla Fenice è dovuto anche al suo motto personale che ha due Falconi e due Stelle (se letti come Geroglifici Egizi). Questi segni nei dizionari geroglifici ci indicano il Doppio “KA” lo Spirito, o doppio dell’anima di chi sta alla Stella Binaria (Sirio – Sothis )verso cui deve salire-risalire il Faraone nell’Olimpo celeste degli Dei con va intrinsecarsi nell’Eternità per milioni di anni.

Sono quindi citati dal Nostro prima di Champollion , i geroglifici che servono a determinare il nome di costellazioni e sostantivi connessi alla misurazione temporale (valore fonetico “Sba”… oltre che significare Scienza e Alimento, nutrimento). Inoltre il geroglifico della STELLA che ha un maggiore numero di punte Sette… è il geroglifico riferito alla Dea Seshat, la Musa della Storia. La stella racchiusa nel Cerchio è l’Altro Mondo Ultraterreno o Infero o Celeste. Queste spiegazioni non sono estranee alla vita di Nostradamus perché Lui si rivela profondo conoscitore di questo linguaggio, allora obliato come quanto ha scritto sul mito della Fenice e della città di Heliopolis (Egitto) e su altri enigmi del passato, se inizia il suo Geroglifici di Horapollo proprio dall’Astronomico….peccato i sia sfuggito alla pletora degli studiosi della Dottrina Siderale…come Lui così la Astronomia che informa in prima istanza sulla stella del Grande Cane(Sirio) in egiziano Sothis !.
Oltre ogni mito da Lui esposto allora va sommato al motto
“Ex Antiquitate Renascor”, che acquista di colpo il significato, di una rinascita nel tempo, una novella chance o Risurrezione di queste conoscenze del passato antichissimo che dopo cinquecento anni abbiamo rinascita…dal Rinascimento o Renaissance o chi farà ferra Renaistre-rinascere astre naice-nice dall’antico sangue ? .

Eccoci quindi a chi e cosa bene detta qui rinasce , l’uomo eccezionale…l’esegeta dell’antico linguaggio dei Faraoni o dei Re il cui impero è nato sulle rive-sponde del Nilo….chiamato anche Eridano e che poi la nomea è passata ad altri grandi Fiumi…su cui il mito egizio si lega a reminiscenze taurine (HORUS)sino sulle sponde, rive dell’Aquario l’Eridano Padus…

L’uomo di Salon Aix en Provence – si è pronunciato sia con versi poetici e con lunghe lettere in prosa. Ha scritto manuali già prima come medico e varie ricette culinarie e di bellezza. Le sue incredibili prevenzioni contro la peste, ovvero le prime efficaci cure sanitarie, le cure contro le febbri con l’anticipare il rimedio dalla corteccia del salice, il ritrovato più in voga l’aspirina. Ha lasciato descrizioni delle sue osservazioni astronomiche (meteore) ed Eclissi e indagato sui siti archeologici non senza preziosi indizi su tesori nascosti come sulla Lampada Eterna.
Ha composto testi sulle portate di succulenti banchetti. Maestro di culinaria. Ha anticipato le tendenze moderne del mito di Venere con i suoi manuali di belletti e di ricette e confetture e accattivanti elisir di potenza erotica, dentifrici e paste per colorare capelli o sbiancare la pelle, che allora andarono a ruba. Incluso un trattato di medicina sullo sport atletico tradotto dal greco di Galeno, celebre medico dell’antichità.
Le traduzioni di testi latini di cui era notoriamente abile stando a gomito con eminenti prelati della Chiesa e Curia di Avignone e quella romana. E sia traducendo in francese volgare la prima stesura latina di Erasmo da Rotterdam
dell’ “Elogio della la Follia”, pubblicato a Parigi. Dal testo classico latino così in francese di allora che fece scuola come bene compose e descrisse – all’orma del suo compagno di Università Rabelais nelle sue prime Pronosticazioni(1553), le più feconde. La Vogue o moda di allora che anno dopo anno, con un talento inimitabile, accese i caratteri della stampa di cui si servirono a comporre la serie dei suoi successivi Almanacchi incluso quelli di Nostradamus così tanto invidiati per il loro successo e quindi plagiati e rieditati sino a Venezia, la prima a stampare i suoi Almanacchi del Tempo !E così sino alla oltre la sua scomparsa. Il testo che lo ha reso immortale, sono le “Centurie”, la più incredibile palestra per la mente umana di enigmi e segreti e annunciate scoperte nel tempo della storia.
La sequenza di eventi giudicati prima impossibili, poi accaduti e dei quali poi è facile come in un gioco scrivere fiumi di inchiostro. C’è una Cosa che più di tutto deriva dall’Antichità obliata che ha fatto clamore, e così Rinata dall’antichità stessa. Appunto l’Egitto dei faraoni.
Ieri come oggi il fascino delle Piramidi non conosce tregua sin dal Rinascimento, a cui si deve la diffusione maggiore delle teorie e delle filosofie religiose che ci sono giunte dopo millenni grazie ad autori greci che hanno ispirato una pletora di menti italiane nella sua stessa epoca.
Nostradamus ha composto questo studio partendo sia dal testo greco sia dallo scritto druido “I Geroglifici di Horapollo”, essi sono di genuina ispirazione egiziana per i dati ed i riscontri avvenuti dopo secoli dalla pubblicazione a Venezia (Aldo Manuzio 1505).
Il manoscritto giunse in Italia a Firenze nel 1422 ad opera di un viaggiatore cartografo fiorentino Cristoforo Buondelmonti, dall’isola greca di Andros. E’ considerato il miglior sunto dell’antichità sulle decifrazioni e narrazione che gli antichi facevano dei geroglifici in maniera però parziale e con pure date le copie che circolavano tradotte in latino zeppe di aggiunte apocrife di altrui convinzioni o simbologie o manierismi.
Perché un altro libro che aveva fama di svelare tali segreti. Altra pubblicazione che vantava di spiegare ogni genere di geroglifico antico, tratto dai vari obelischi romani e dalle citazioni dei svariati autori greci e latini e gli ultimi arrivati dello stesso Rinascimento (Vasari, Crinito…) dando un corso nuovo, quello di assumere nuovo ruolo di Summa Simbolica “Hieroglyphica”. Proprio ispirandosi al mistero del libro più bizzarro “la Hypnerotomachia Poliphili” del Colonna – (1499 Aldine a Venezia- vedi file su tale tematica qui nel sito) che ha contribuito così a fondo nel nostro Rinascimento ad accrescere il fascino e la suggestione sulle antichità egizie.
I segni questo linguaggio divino, erano tali da incantare cardinali, papi (chi addirittura si è fatto fare una stanza su questo stile, Paolo III Farnese!) e abati per secoli a venire.
Da ora che l’imitazione frenetica degli Emblemi ispirati agli obelischi romani per dar corso ad altri linguaggi e codici cifrati di sette misteriose. Molte decorazioni nate allora apposta per i Principi ed Editori, frontespizi e incisioni o “
cartouche” emblematiche da marchio di riconoscimento, diremmo oggi “marchio di fabbrica” di casate e artisti (come Bosch) e i vari Duchi e Principi,Abati,Cardinali e Papi che ne facevano bella mostra.
Il curatore Francesco Colonna ha raccolto la sua miscellanea, senza ne capo e coda, privo di distinzione e competenza, che quella immaginaria. Una nuova torre di Babele nata dalla spinta dell’immaginario esoterico, frutto del fantastico, che solo molto più tardi farà i conti con il rigore scientifico della comparazione linguistica.
Intanto da quando il primo geroglifico è nato all’ombra dei templi di Thot (Trimegisto) sulle sponde del Nilo è anche nata la madre della storia, la Dea Egizia “Fiore” il cui geroglifico è la stella a sette punte, sette pianeti, sette soli?
Ma per lungo tempo molti poi hanno confuso il geroglifico del serpente per una lingua, un’oca per un’anitra, perché i glifi risultano troppo simili tra loro. Perché trascurato Horapollo che già indicava chi è figlio di…, il glifo dell’anitra, il disegno della Casa per indicare il Re, il Faraone. La lingua per serpente e l’occhio accanto con la bocca, per dire Discorso.
L’elefante e ogni distorta proverbiale sua memoria come porta il peso dei secoli quello dell’Obelisco in Roma, il peso della sapienza, rifacendosi al Testo di Horapollo.
Troppi erano convinti di avere trovato la chiave o addirittura il trattato perso dell’esegeta di Nerone, Cheramone(AMON la suprema divinità Egizia), entrambi studiosi di lingue antiche, Nerone stesso, anche autore di un singolare preziosissimo trattato sulla lingua etrusca, purtroppo definitivamente perduto.

Le “parole” della Fenice Bennu o BEN BEN !
Maggiori esponenti del Rinascimento sono stati affascinati sia dall’architetto Leon Battista Alberti sino al grande Bramante, al filosofo Erasmo da Rotterdam, Giorgione, Tiziano, Annibale Carracci, Pietro da Cortona, e lo stesso Leonardo, e quanti inseguirono questo filone che ingrossò la schiera dei lettori e degli editori che ripubblicarono nei secoli la “Hieroglyphica” di Horapollo, che divenne il cavallo della fantasia egittologia dal Bernini, osservatori, ieri come oggi dell’elefantino di marmo che sostiene l’Obelisco del VI secolo a.C., in Piazza Minerva in Roma.
Ma nonostante questo ci ha pensato Nostradamus, a tradurre dal greco e fare dei pungenti commenti e note del suo originale manoscritto (pubblicato solo nel 1968) che si trasforma in un atto di accusa contro la superficialità dell’analisi che hanno trascurato questo suo lavoro, perché in esso c’è la prova lampante e sua dimostrazione di una conoscenza, tardi riconosciuta, come sempre.
Di fatto qui, che scopriamo commenti e informazioni che sbalordiscono.
Ci sono sezioni dedicate al Mito della Fenice, cosa che mi ha aiutato moltissimo a sviscerare quartine e sestine del Nostro in cui è citata la Fenice.
Così scoprendo d’avere fatto
l’an plein, condividendo con altri studiosi che hanno bene sospettato, che Lui aveva nascosto ad arte, inconfutabilmente dati o note oggi bene collimare già prima – in chiaro sulla via della decifrazione presa da François Champollion. Il vero decifratore dei testi geroglifici. Qui c’era la soluzione della lettura della lingua Egizia poi avvenuta sotto Napoleone, perché decifrata dal genio francese… grazie alla spedizione in Egitto e il recupero di reperti utili a tale scopo (La Stele di Rosetta).
Dalle sabbie del deserto, dalle ceneri del passato ecco quanto rinasce!
E tutto si intreccia con strane coincidenze che indicano la cifra Cinquecento dal Cinquecento e dalla moda di appiccare i roghi, quanto tempo è passato!
Oggi contando giusto Cinquecento anni dall’ultimo rogo che ha incenerito… spiriti coraggiosi al rogo abbagliante da cui spicca il volo l’immaginazione, che fa mettere le Ali alla Fenice o fa ruggire il leone o la Tigre nel motore (così diremmo oggi!).
E di fatto dall’Era del Rinascimento che è stata suonata la Diana del risveglio, della Rinascita, ovvero di quel Rinascimento che ha acceso il suo motore proprio dall'”Hypnerotomachia”, dall’ipnosi e dai sogni cupi e neri, lì proiettati con questi simboli dell’inconscio umano. Quello più occulto, infero e plutoniano che sta al nostro inconscio, da cui deriva ogni Daimon o il genio stesso d’ogni umano da allora ha mosso i passi sulla via della scienza e delle scoperte tecnologiche (Leonardo e il suo compagno il Fanti. Chi è mai costui?)

Il messaggio celato
Ogni cosa ha il suo principio e il suo scopo e termine, perché dunque Nostradamus riserva su questo testo riferito ai misteri egiziani, elementi che si intrecciano con altri enigmi che portano dritti alle Centurie ed ad una iscrizione da
descouvrire – discoprire riferita D. M.? Lettere che della latinità sono sempre presenti in testa ad ogni epigrafe mortuaria (della Domus MORTUI- Casa dell’Eternità)
Ci sono reminiscenze che Nostradamus cita in modo singolare, che pochi hanno visionato e compreso.
Oltre a decifrare dei geroglifici sono mescolati dei segreti diversi, proprio nell’ultima pagina (i primi saranno ultimi, gli ultimi saranno i primi, i libri orientali incominciano al contrario dei nostri usi, l’ultima pagina diventa la prima!) ed è così compresa la celebre iscrizione della D. M. l’epigrafe dei “DIIS MANIBUS” (fatta incidere a Torino nel 1556) riferita agli
Dei Infernali o Mani (tutelari) che bisogna avere conoscenza dell’Oltre Tomba (egizio) a cui si collegano questi suoi Documenti Medesimi, come è sentenziato fatti per essere Testamenti!
Tutto quanto è gravée, inciso sulla lapide, bene qui enuncia a Torino, dalla Domus Morozzo o D. M. come è testato: “NOSTRADAMUS ALOGE ICI –
ONILYALEPARADIS – ci sono – i tre regni ultraterreni dell’oltretomba chiamato dai cristiani: “INFERNO, PURGATORIO – PARADISO”– che richiamano concezioni egizie dell’Aldilà e poi accolte nelle cristiane e sia parafrasando il sommo poeta Dante per quel viaggio sino ai cieli – “a vedere fuori le stelle” proseguendo ogni volta o serie di gironi infernali, quelli che la corpo e mente devono affrontare nell’avanscoperta immaginaria che solo i grandi poeti sanno architettare colmi trattati e versi di incomparabile suggestione, quella che ha modulato le visioni e l’Arte da Dante in là(Paul Gustave Louis Doré etc.)

Perché qui ICI (dell’epigrafe) IYCI ( Inner, dedans)che parte o inizia il Safar , il Viaggio nella “Selva Oscura …sino alla Vittoria” o “Nike” in greco che bene coincide con anche il Nome NIKE del la divinità Infernale di “Chi-Qui Mi Onora” come predice e sentenzia Nostradamus…il Solo Mono – su cui nessuno vuole dare risposta pertinente…e che conduce bene a chi non parla al Vento o ai Quattro Venti bensì qui chi lo ONORA nel diffondere il Verbo di Nostradamus ICI, qui , senza scampo punto di partenza(Torino). .
Ma nessuno vuole spiegare chi sia costui. “Nessuno o Nemo propheta in Patria”, bene direbbero i latini. Vi è forse altra persona a Torino che abbia dedicato così tanta passione allo scopo? Piuttosto emergono quanti fanno il contrario. Da tempo che qui si provvede al viaggio temporale dell’avventura che chiama in causa la nostra Storia e quella del mondo che è inarrestabile.
Ma ci muoviamo nel fare sempre dei passi nel ginepraio di una foresta piena di insidie. Tresche o “ramage” o vinci o altri gironi di cui tutti ignoriamo la regia finale, salvo mai abbastanza riflettere sulle Lettere dei quadranti che dipingono quanto sta per succedere sulla scena del mondo con i suoi protagonisti glorificati o condannati, anticristi o tiranni, santi o legislatori. Una scacchiera di pezzi come in un Mosaico o rosario che sfila e in cui tutti si possono perdere senza il filo di Arianna… o la bussola o altro meccanismo sofisticato che ancora esiste, che distingua il tempo passato, presente, futuro.  C’è chi afferma che sia impossibile presagire o intuire il futuro.  Cosa che spazia troppo fuori il senso ordinario e che quindi occorra una inesorabile costanza a votarsi al compito, in cui è facile perdersi per le troppe quartine o sestine con eventi singolari.
Salvo avere una fortuna cieca e incrociare la quartina giusta? Ma non è questo altrimenti molti riuscirebbero a farlo.  Nostradamus informa che già in antichità: “I Sacri scribi (antichi) possiedono un libro sacro chiamato
Ambres col quale sono in grado di far previsioni sulla vita e sulla morte”.

(da Horapollo, “Hyeroglyphica”).
O meglio “I Geroglifici di Horus-Apollo” ci trasportano di colpo all’ombra delle piramidi o ai piedi dei tempi o delle statue colossali, sulle cui colonne e mura perdurano a tutt’oggi quei segni che tanto hanno acceso, lungo i secoli, dibattiti ed interrogativi e tante fantasie di ogni natura per fra luce sulla storia e sulla religione antropomorfa dei tanti misteri egiziani.
Se dunque i Misteri Egiziani hanno sin dal Rinascimento influito chiaramente sulle menti di un grande numero di studiosi, ognuno a suo modo ha offerto una decifrazione inaugurando così quella dottrina della futura archeologia e studio sulle molte civiltà sepolte, prima fra tutti quella mummificata civiltà sotto le dune dei deserti ed all’ombra delle piramidi. Tutto è racchiuso con “Parole e foglie” nel Libro Sigillato (Biblion Esphragismenon) così “indicano l’Antichità” gli antichi egiziani. Queste note e spiegazioni di Nostradamus ci svelano che:

“Les Chose très ancienne faisoient descripture feuillez oraisons et livres cloz scelés à l’ancienne De très antique note donnant raison- Plusieurs e divers et extranges notables du très antique signe que nous faisons iyci nouter par moultes notes vèritables.

(da les “Hieroglyphiques” di Nostradamus)
Riportiamo il testo originale che sovente viene ignorato in barba al profeta così altri spesso modificano o peggio vogliono giostrare sensi che nulla hanno a che fare con quanto insegna Nostradamus.
Questo dimostra intanto che,- non basta affatto, tradurre semplicemente una quartina in un’altra lingua, come nell’inglese, tedesco, italiano, slavo ecc. senza tenere conto di questo semplicissimo avvertimento, avere sempre in vista o a mente, il testo originale, la fonte o calco che ancora conserva nei versi in lingua originale le anatomiche di parole da sapere ricomporre allo scopo e “non gettare alle ortiche, quanto e se
(insegna Dante).
Ecco perché è detto messaggio Ermetico, altrimenti perché si chiamerebbe così? Da cui bisogna sempre iniziare a centellinare i sensi di ogni parola.
Individuare quindi i sensi reconditi celati negli stessi versi e non ricavare dalla semplice traduzione i giudizi così parziali che comportano le traduzioni in altre favelle.
“Qui – Ici” nel testo dei Geroglifici Egizi bene vengono chiamati segni sacri (scrittura sacra) appunto: “du très antique signe que nous faisons. Ici nouter par note veritables”. 

Ogni geroglifo è trèsantique (saint) ovvero Santissimo (in francese) “très saint.. antique” pure Antichissimo, che “Noi” (francese: “Nous-Nos” in greco: “Mente”) Nostradamus facciamo ICI (qui) notare. Evidenziare con glosse, note, veraci (tables) tavole: “Carta in tavola! Carta Canta”. O meglio di ogni altra prepotente dimostrazione: “Cartouche” Canta! L’abile verità “veritables”!
Il vero elemento reale e chiave solutrice che ha dato la svolta al grande Champollion.  Tutti hanno sviscerato a modo loro il personaggio e la sua veggenza, con fiumi di inchiostro e titoli ormai senza numero da superare la stessa tiratura delle Sacre Scritture. Ma sinora non ho letto in alcun trattato moderno che prima di Champollion, il decifratore dei geroglifici, qui bene Nostradamus aveva già spiegato molto prima così esposto nel trattato come nel “Cerchio”, esattamente in egizio il Cartiglio che circonda i geroglifici, da essere un determinativo per “circuito, anello” e più tardi “nome”.
Ecco la preziosa informazione presa sottogamba del testo: ”  

Au milieu du ronde le nom du roy mis. Voulant entendre le roy net, pur et munde Seigneur et maistre sens vice e sens si Ung tel serpent se nourrist plus à l’unde. Par ceulx d’Egypte est appellé (Ra)Mesy.”(Ramesse faraone)

Ecco la rivelazione sinora taciuta della véritable esatta affermazione di Nostradamus che ha poi Champollion.

E cioè: “Al centro del rotondo (cerchio) il Nome del Re posto Volendo significare-intendere il Re, puro, nudo e crudo. Il signore e il maestro senza difetti e senza nulla così un tale serpente si nutre più all’onda. Per quelli d’Egitto è chiamato MESY.” (“Mesi” in geroglifico è nome di donna ed il Verbo: “Nascere, parto”)geroglifico presente nel nome del Faraone Ramsete.
Ecco la dimostrazione inconfutabile che queste poche righe del testo greco dell’Aldine (il testo di Venezia) pure arricchito da Nostradamus con altre fonti a cui ha attinto (greche e druide) e che non appaiono in nessun altro testo ulteriore, rimaneggiato di Horapollo.
Constatiamo l’esatta indicazione fondamentale, che ha fatto scattare la molla giusta, la reale decifrazione dei glifi o Geroglifici egiziani, di Champollion nella maniera scientifica, tagliando la testa al toro come a tutte le fantasie esoteriche dei circoli di grande moda in Parigi.
Allora culla di ogni mesmerismo ed evocazioni medianiche e poi teosofiche a tradurre i geroglifici. Nulla di più perfetto che un Cerchio, le Ronde o esattamente l’anello o “into” (sta per “Her” in egizio) “The ring” che spezzato, ha rotto l’incanto millenario sulla lingua egiziana.
Dalla “Cartouche” dei francesi, dal “Cartiglio da cui” sono stati svelati i segni fonetici dei nomi dei Monarchi, appunto cosa attuata da Champollion mettendo a nudo e a crudo i
Nomi (Rnw) dei Re, dei faraoni e regine delle dinastie d’Egitto.
Questo è il punto dolente di non avere ponderato il testo di Horapollo secondo le note di Nostradamus così diverse da tutti gli altri. La svolta è avvenuta con Champollion che ha superato tutte le controversie dei tanti inglesi o detrattori rivali o rosacruciani linguaggi ancora fortemente emblematici, che seguaci d’Ermete Trimegisto a cui si sono attributi troppi saggi e tanti essoterismi ingannevoli, che hanno nutrito anche come gioco dei grandi arcani egizi, da cui si fanno derivare i popolari tarocchi.
Troppi scrittori hanno fatto rivelazioni sulle piramidi e loro profezie, abilissimi a tal punto e senza neppure conoscere un lemma da dizionario di egizio.
Qui il destino allo scadere dei “Cinquecento” anni, ha acceso un’altra fiammata, visto il grande boom dell’autore francese Christian Jacq, con novello fervore il buon dilagare di milioni di copie. Questo fatto l’ho considerato di buon segno oltre poi alla strana frenesia che qualcosa stava per capitarmi, proprio a dosso di questo fine e principio di millennio.
Quasi una cosa che correva anch’essa doppia o gemella sotto una doppia stella?
Intanto ecco nuove teorie sulle piramidi da Orione a Sirio. Onde di un interesse che mi galvanizzava sempre più e che sapevo avrebbe avuto un legame con lo stesso Nostradamus.
Coincidenza anche questa se ho trovato questo commento in Horapollo:

“Noi volendo ante l’anno antlan(te) mostrare con note oneste
Rappresentavano ISIS come loro Regina e dea.
ma che per quelli d’Egitto era un Pianeta
detto nella loro lingua SETHOS con Verità esplicita
ASTROMYUN detto per quelli della Grecia
sopra tutti (gli ) altri(pianeti) d’esumante forza e potere
Qualche volta grande o minore come LA(là) si può osservare
Mostrando bagliore alla sua prima apparizione
Che al suo levare sovente si possa prevedere
Nel tempo futuro la giusta conoscenza.”

I misteri egizi spaziano oltre lo spazio noto oltre lo stesso cielo quanto il corso della Luna e del Sole e la corte delle altre Stelle divinizzate come i loro Dei e Faraoni, che ha fatto anche ipotizzare conoscenze astronomiche insolite sia per il sito che hanno le piramidi e i templi in relazione all’astronomia.
Teorie che hanno grande fascino nei nostri tempi con incredibili concezioni extrasolari (Sirio la stella doppia).
Questo sospetto resta intatto ed aumenta il mistero dei cieli e dello spazio fuori della terra, leggendo appunto questi versi.

Il cielo degli Egizi
Siamo ancora in parte carenti di dati astronomici per scoprire bene come gli antichi Egizi riconoscevano i pianeti, soprattutto da Alessandro Magno in poi (Dinastia dei Tolomei) la nota città centro di conoscenza e biblioteca metropolitana della cultura greca , oltre a tutto il sommare che è venuto a fagocitarsi tra i miti egizi e greci così fusi insieme il sincretismo che si manifesta con queste affermazioni sul pianeta Sethos(SOTHIS?) che i Greci chiamavano in proprio ASTRONOMYUN e che doveva apparire superiore a tutti gli altri (“aultre”… oltre-tre )oltre i noti Giove, Saturno, Urano, nei cieli ?
Un corpo che è ancora ai nostri riscontri ignoto e che mostrava tutta la sua forza e potere a volte grande ed a volta minore, secondo le distanze o il suo avvicinamento alla Terra- Violati i passati misteri che oltre nei
cieli sapevano che esistevano altri corpi stellari.
Questo pianeta è qui catalogato al femminile “LA” tanto visibile al suo sovente, ripetuto levare all’Orizzonte che si possa quindi bene anticipare, sia prevedere il suo corso come nel tempo futuro si avrà la giusta conoscenza.
Questa è una nozione che oltremodo si associa agli astronomi greci che appunto avevano già teorizzato l’esistenza di dieci pianeti… e che tale ipotesi ha quindi in queste righe, l’ulteriore conferma di pianeti giganti di forza e potenza, ma questo intruso così abbagliante che potrebbe essere confuso con la stella del mattino, Fosforo o Venere (al femminile) simbolo di una divinità che va oltre ISIS se tale era anche considerato un pianeta o una luminare dei cieli, o quell’altro fratello chiamato SETHOS (Seth, il Male) l’avversario malefico di HORUS, figlio di Osiride (Sole) e di ISIS (la Luna).
Da qui ha inizio la saga di un mito più che ancestrale, che nella memoria egizia arriva sino alla cifra persino iperbolica di milioni di anni di eventi temporali, che sono rievocati nel Libro dei Morti, quello scritto da Thot, tanto da sospettare anche dei Tempi remoti, forse non escluso più antecedenti alla stessa narrazione biblica, che ci racconta la discesa dell’Enneade divina che scesa lungo il corso del Nilo… sino al bacino del Mediterraneo, ha dato nascita a questa colonizzazione o civiltà ed ogni nuova teologia che ha in quel Seth fortemente assimilato abbinato al ruolo di Satana, il celeste che diventa il prototipo del maligno che complotta e giunge come assassina il fratello Osiride (Sole) ma che verrà soccorso dalla sposa Iside e vedova che pellegrinerà per i vari paesi sino a ricomporre il corpo del divino sposo e così farlo risorgere, nell’altro mondo.
Seth si rivela essere il malvagio fautore di ogni discordia. L’avversario di ogni situazione tra il Bene ed il Male. La stella del firmamento che come un Angelo dei cieli, dalla luce malefica come Lucifero precipita sulla terra per tormentare gli uomini. Ma non bastano solo delle
coincidenze?
Troppi miti antichi si rispecchiano o sono essi stessi ad aver dato Principio a tutti gli altri compresi quelli Biblici? Questo forse è il tempo che mescola le carte e le cose della storia che man mano vengono a galla ad ogni scoperta. Forse delle dita invisibili tracciano sulle sabbie del tempo e dei mondi altri Segnali?
Ma non tutti sanno vedere o decifrare se poi questi cerchi o “cartouche” in terra o in alto non li comprendiamo. C’è chi sa davvero decifrarli ? Allora occorre scoprire cosa c’è sotto, semmai qualcuno ci prende in giro quanto è narrato in Horapollo con i suoi enigmi remoti e senza tempo perché è proprio del
TEPI(TEP)Tempo crono stesso, quello primordiale.
Di certo ci sono dati riferiti al tempo presente-futuro. Questo è certo, se ha posto l’enigma della D. M. (delle Centurie)indicato nell’ultima pagina di tale testo greco- egizio , alla fine al compimento alla rovescia delle stesse pagina, infatti questo è in uso nel Corano e altre culture orientali. Tutto ha un senso a per chi saprà cogliere queste informazioni che non si possono lasciare “sottogamba” (la gamba è il geroglifico della lettera B in egizio come la stessa Faccia VISO del testo Geroglifico abbia la Testa e i DUE fuori (dalla testa )OCCHI del “
Peygamber“… “Profeta” (in persiano).E gli occhi la Cifra di SETTANTA , per l’anno, mese, e quanto altro cela. OGNI enigma come quello all’Ombra della Sfinge, o ARMAKIS, la Madre del Terrore denominata così in Egitto – poi quando poi vedremo cosa allora finisce in GLORIA (dice la Lapide del Nostradamus) KLIOS in greco o DOXA… la Gloria del LIOS…del Leone ? Solo se davvero ogni arcano ha la soluzione dell’enigma preso così dai commenti di Horapollo-Nostradamus, e compresa quella della rinascita della FENICE e dei suoi Cinquecento anni, da cui esce dal Sonno dei Secoli per portare a galla un altro Enigma Risolto. Quello della Camera nella Piramide di cui esiste la specifica quartina di Nostradamus c che deve allora essere il segnale eloquentissimo di giunger alle Memorie degli Antichi Faraoni, come dice anche Sigismondo Fanti in singolare quartina…che indica anche i tempi astronomici-astrologici.
Quindi trascorsi “Cinquecento anni” dalla nascita del Nostro (1503-2003) che ho visto accadermi attorno e sono coincidenze, che non si possono liquidare come un miraggio, una chimera, ma un sogno che ha trovato riscontro nella realtà.
Ho atteso da tempo, l’ho promesso ai miei lettori che passati “i cinquecento anni”, alle soglie del Duemila, all’inizio del Terzo Millennio avrei portato alla luce una “
Summa Prophetica“… quando ancora non potevo che contare su un “Déjà-vu“. Ho creduto ciecamente in una quartina in cui Lui annunciava nel prossimo futuro…. Mille altre cose sono ancora in serbo come nel cuore della

Piramide Biblios dell’Eternità.

Pubblicato in LEONARDO, NOMEROLOCIPHER, NOSTRADAMUS, RENUCIO BOSCOLO, SIGISMONDO FANTI | Contrassegnato , | 1 commento