Non dormire sui Libri…BIBLOS Antichi o Biblion(LION) capaci di infiammare Amore e Curiosità e Conoscenza.

E’ più facile cadere tra la Braccia di Morfeo che cadere su un libro sfogliato tra l coltri di un letto morbido , tanto accogliente ed allettante “materasso” di gomma piuma così sofficissimo odierno. Ideale epitalamo ove davvero la più antica onirica hypnerotomachia ha la sua culla persino nella storia antica e poi rinascimentale. C’è infatti una fonte che offre lo struggente resoconto fantastico + sconfinante immaginazione con la più famosa suggestione teatrale quella composta dal celebre drammaturgo colpo di lancia ovvero l’immortale William Shakespeare autore di Giulietta e Romeo. Solo che nella Hypnerotomachia di Francesco Colonna ( 1499 Venezia -Aldo Manuzio)i due protagonisti Polifilo e Polia i due amanti vivono le disavventure ed ostacoli come reali pericoli sino alla morte di uno di Essi. Romeo invece di Giulietta e sono gli Dei che intervengono per far vincere l’amore della coppia.Ecco la favola del romanzo degli amanti ch è il filo conduttore di tale antico testo che ha le sue origini che sconfinano come calco sino all’era dei babilonesi.Quasi il Mille e una Notte del favoleggiato libro composto sotto i cieli della Mezza Luna araba. E qui ricordiamo chi ha immortalato nei movies Romeo e Giulietta ,il nostro grande fiorentino Zeffirelli che ha preso il volo verso The HEAVEN degli immortali.

Ma se tale trama è così granda a tal punto e universale commedia e dramma che ha come in The LOVE STORIES del passato sempre infiammato e calamitatola sfera dell’immaginazione grazie allo sconosciuto o famoso che sia il grande drammaturgo incluso quello della trama dal filo conduttore del libro rinascimentale ovvero l’arcana HYPNEROTOMACHIA che secondo Orfeo narra degli amanti che viaggiano in un labirinto costellato di temenos, templi, lapidi e geroglifici. Misteriosi templi e culti e tanti sono cosi’ i linguaggi morti. Da essere una biblioteca di colte citazioni antiche ma che è di fatto ignorata, perchè troppo arcana e difficile per ogni lettore che non abbia dimestichezza relata alle tante immagini che nel testo sono proposte.

Il Carro così guidato dall’auriga che con le sue ruote falciate avanza nella foresta e smembra i corpi delle Donne che trainano come come l’images mostra alla vista di chi osserva e spia dietro le fronde l’evento sanguinario.

Studiosi di oltre oceano in casa nostra hanno cercato di discoprire cosa dietro il dramma di questi sfortunati innamorati così immortalati poi dal calamo successivo dello shakespeariano come tanto ha fatto di VERONA la calamità di questo mito dell’Amore + struggente di tanti innamorati.

Ma forse e senza forse il VERO “AMOR” , ROMA voce greca che si traduce con la FORZA davvero motore che circonda ed avvince il corpo di questo libro, che ha avvinto lo stesso Leonardo da Vinci sopratutto per tutte le citazioni di linguaggi remoti e i misteri racchiusi che sinora nessuno a svelato. Un Amore che quindi secondo al vignetta allora ogni donna …Strazia a tal punto con il moto in avanti del CARRO (ARMAH in greco) che avanza nella foresta da CARRO AURIGA TRIONFANTE dell’EROS Virile – il FALLUS DEI o VIRGA CADUCEA? Qui mostra la sua Gloria. La Gloria del Mondo che a mezzo dell’AMORE marcia trionfante nonostante tutto: AMOR VINCIT!

Abbiamo da tempo in rime in time così portato alla Luce la suggestione degna di meritare l’attenzione che questo è veramente il testo degli enigmi geroglifici o caldaici – da paragonarsi ad un Codice VINCI e tutti gli altri simulatori fioriti in questi decenni.

Intanto dalle appena passate Celebrazioni Shakespeariane sono obliate indicazioni – senza che alcuno abbia colto quanto è stato scritto e ipotizzato in questo blog da tempo. E’ come parlar di Bacone o di Leonardo da Vinci e ignorare la lungimiranza di una era cui cui le MACCHINE marceranno sotto la Luce del Sole grazie a questi precursori della tecnologia.Quando verrà allora chiaro come – itali tali lungimiranze tecnologiche forse erano considerate allora cose diaboliche e la SCIENZA stessa demoniaca , poi non tanto se dal tempo di Leone XIII° i Fratelli Lumieres con il loro cinema vennero apostrofati come diavoli che facevano ricomparire i morti come fossero ancora Viventi. Ecco perchè dire prodigio e tecnologia o meraviglia che così bene si accorda con Giulio Verne e Robidà. Ed allora perchè la favola dei due innamorati oltrepassa i secoli e millenni per focalizzare tali amanti o diamantes o adamantes (in greco ) durissimi irresistibili ad ogni contrarietà e avversità sino alla Morte o oltre la Vita ? Forse sarà bene spiegare che per dire come due amanti si calamitano tra loro, è appunto il geroglifico del magnete o della galena. Mistero del magnetismo dei corpi che i sacerdoti conoscevano e utilizzavano secondo fini magico cerimoniali per e smuover statue e mostrare agli stupefatti fedeli i simulacri divini degli Dei che si animavano !

 

Quindi il geroglifico egizio che bene indica la galena o il magnetite delle miniere egizie che bene era utilizzato, ma questo resta l’arcano magico che nessuno egittologo affronta. Poiché tra costoro manca l’umiltà di analizzare il testo sui Geroglifici di Horapollo esposti da Nostradamus con maggiore pragmatismo sino a indicare come nella Cartuche siano inseriti i nomi dei Faraoni, la scoperta successiva di Champollion,il grande francese,il decifratore della civiltà Egizia dei Faraoni. La rivelazione era contenuta da secoli , sino dal tempo di tanta rinascimentale + precursora passione = amore fiorito all’ombra dell’Egitto e delle Piramidi , gli Obelischi ovvero nel campo dell’egittologia.

Nessuno dimenticherà allora Papa Farnese Paolo III°- Il cultore nel suo tempo he ha fatto abbellire delle stanze in Castel sant Angelo, oltre che essere un pallino dei suoi discendenti detentori di una gamma di papiri (in Vaticano ?)o che ancora restano riposti segretamente e che solo gli eredi discendenti conoscono l’ubicazione. Quindi da Secoli ci sono testi, libri che dormono benissimo ancora sub rosa i segreti della materia. Perchè abbiamo di pugno del Sigismondo Fanti quanto collima sul mistero del magnetismo, campo (ovvero dizione greca di curvo = campo curvo spazio tempo) La Curvatura che li attira= l’attrazione curva dei corpi...del popolo Universo !

Sono degli stralci o spezzoni di frasi sibilline del Nostro che così sposano la quartina del testo su cui ancora troppi ci dormono sopra….e fanno sogni d’oro ? O invece porta a nudo + l’abilità di chi svela cognizioni astrofisiche paragonandole all’attrazione umana del maschio e la femmina, del polo positivo con quello negativo. L’Attrazione dei Corpi che secondo NEWTON il grande astronomo che focalizzò la gravità terrestre con la celebre mela caduta dall’Albero, secondo Lui la Gravità che attrae i Corpi era Dio e non l’Amore.Qui la disquisizione diventa affascinante ed appassionante investigazione che unisce il microcosmo umano al macrocosmo celeste, ovvero alle stesse stelle. E così che i poeti sommi hanno definito l’Amore divino essere il Grande motore dinamico così pilotato dall’Auriga: Dio. Il Cosmo ha la sua grande notte in cui DIO appunto sogna tutti i mondi possibili nella sua infinita ipnerotomachia & motore che rota tra luce e tenebre tra il positivo e negativo(bene ed il male) ? Ma il mistero oscuro dei DJELLEMENTI COSMICI…..ovvero la materia stessa oscura e luminosa ci riporta alla poca cognizione umana così spiega Sigismondo Fanti:

La puoca(caco-cattiva)cognition ignition che si ha dei Metalli (metallage = mutamenti in greco)

De amicitia e inimicitia ignorante

Sia per le erratiche stelle a te dinanti

Il Potere ti veggio con tutti i suoi negativi mali(effetti)

< 14-LXIX Ptholomeo)

Siamo nel cinquecento è tale è l’informazione che ci viene offerta dal dotto Fanti astronomo e matematico con le sue dissertazioni racchiuse in molte quartine e qui specificatamente riguardo ai METALLI che si attirano, calamitano come è l’esatto ossimoro = l’Amicizia & l’Inimicizia , ovvero l’antitesi tra due corpi come tra gli stessi umani. Corpi che si attraggono quali metalli di cui c’è ancora kacos(in greco) cattiva cognizioni ed ignoranza.Questo vale quindi anche per le stelle, ovvero i pianeti erranti soggetti a tale attrazione e repulsione stellare come abbiamo inanzi ai nostri Occhi il POTERE di osservare compresi tutti gli aspetti negativi e i mali che da tali corpi ne derivano, pericoli(asteroidi. Comete, impatti celesti ?)!

Qui dall’Amore per la scienza delle stelle e dei corpi celesti alla conoscenza degli elementi ovvero dei metalli terrestri. Informazioni disseminate in questi testi per caso o come iceberg che vengono a galla solo per chi coglie tra le righe queste nozioni ed cognizioni abilmente e poeticamente lasciate ai posteri. Ecco perchè vanno riesaminai questi testi ricchi ala luce di queste induzioni stellari e capaci di illuminare altre lungimiranze, semmai lo sono davvero o hanno origine per ben altra ragione e cognizione spazio temporale.

Quindi sono proprio i libri in cui l’amore non è solo la PHILOSOFIA per Sofia la sapienza , ma amore- passione da primario protagonista nelle sue molteplici maschere e vesti che sono mascherate dalle umane vicissitudini narrate secondo una recitazione che stravolge stupefacentemente come avvince i lettori nelle più svariate trame. Che è il sale delle molte peripezie tra amanti e i pericoli che devono fronteggiare in capo al mondo. Quindi l’AMORE che è cieco ovvero desto – perciò tiene svegli !I romanzi rosa sono i più letti a milioni di copie perchè sono un mulinello di eventi rocamboleschi degni quindi di essere sceneggiati e riproposti senza pausa alcune giungendo così anche alle antitesi tragiche come è avvenuto tra Lady Diana e l’amante d’Egitto Dodi al Fayeth .

Ripeto come il medioevale Il Romanzo della Rosa ha i due amanti contrastati a raggiungere il loro desiato traguardo ovvero abbraccio – congiungimento,che si manifesta come bravura di reconnnaitre leurs connaissances...della filosofia dell’amore ovviamente messa a dura prova. La sapienza dell’amore stesso con rigore e fervore vissuto dai protagonisti.

Ma i libri proprio questi sono stati abilmente rivestiti di tale trame come principio estetico quasi frenetico di una etica che l’Amore quale fuoco dell’ammirazione non certo astratta , ma fulcro di espressione di altre idee universali che oltrepassano l’amore stesso che calamità tanto uomo e donna, anima e spirito.

L’amore è come una lampada accesa che spande luce attorno e così man mano l’alone luminoso offe sprazzi o razzi(raggi) delle civiltà passate, templi, culti, rituali, iscrizioni misteriose latine, greche, egizie etc…ebraiche i cui fondamenti oscuri dovrebbero far discutere,portare ad indagare.Frammenti dei tempi d’oro dei grandi classici e le loro divinità segrete. Molta sarà la strada facendo del racconto per tali disgraziati amanti…in cui nessuno si sofferma sulle erme,pilastri, carri, culti, liturgie al punto da mostrare il Carro del grande Pomposo Fallo o Fallus DEI ?Ecco che non c’è EROS-ROSE senza SPINE….dolori. 

Quali grandi concetti allora si celano mascherati nei passati e riproposti Miti e queste images o vestigia antiche ?Qui bene è caduta o tolta così bruscamente la Foglia di Fico ? Tolto il velo antiquato dei vecchi sacristi o barboni scandalizzati dalla Madre Natura , invece ecco ‘LOUVRE ANCIENNE , l’Opera plastica marmorea con ogni lineamento e forma cosi in ogni sua parte ( vedi Michelangelo ) che chiaro mostra il Davide Nudo, da fatto morale e non amorale.

Il concetto del Bello non può essere censurato da nessun Dogma biblico o accusa di pornografia La Bella FLORA o  Firenze FLORENTIA . La capitale del Rinascimento della Renassaince e reconnaissances….rinascita delle Arti Olimpiche allo specchio della civiltà Greca che miracolosamente ha creati quell’atmosfera di amore per la verità perchè gli uomini sono diventati più intuitivi e lungimiranti (Leonardo da Vinci- Sigismondo Fanti)coltivano un segreto in comune tra grandi e piccoli che vivono i concordia e baldoria senza il Savonarola.

Eccoci così nell’ETA’ dell’ARTE fiorente (flora) così’ salita tanto in alto dice il Vasari.L’Arte Natura, vera, profonda, reale,images con tutti i lineamenti che in essa potessi produrre come opera e disegno del Maestro Leonardo.

Quindi via gli stracci sebbene Michelangelo sarà costretto a subire la censura anatomica su ogni corpo del Giudizio Universale.Ma ci sono altri stracci e veli che non sono stati mai tolti.Troppe ombre offuscano l’orizzonte dell’arte e delle idee che invece almeno sono rimaste incise sulle lapidi, sui marmi, sui bronzi imperituri di cui Francesco Colonna elenca e grazie a Lui hanno valicato così oltre cinque secoli. E’ come destarsi da un lungo letargo dal Grande Somneil quasi come una Fenice da oltre cinquecento anni. Vi è forse un solo studioso che abbia elencato tutte le iscrizioni citate dal Colonna per decifrarne il messaggio o l’ipotetica allusione al segreto dei segreti in cui sia riposta la maggiore collezione di antichità romane e non parliamo del Vaticano,poi diventato sede di Musei e papi amanti collezionisti. Ma quanto già allora faceva grande gola.E che nessun dorma allora se tanto tesoro è nelle Pronosticazioni di Nostradamus preannunciata la futura scoperta e non solo questa sino ad un tempio in cui sta riposto tanto oro e altro !

l’Urnale Vaucile (scudo)d’oro e lampada eterna !

Siamo di fronte ad un testo in cui è facile scivolare in interpretazioni chiaroveggenti che a noi sembra quasi impossibile, secondo la rigorosa semantica che riconosce alle parole un carico totale e determinato del vero per non cadere nell’intrico di principi falsi che lasciamo ai faciloni apprendisti che sognano ad occhi aperti di diventare esegeti di Nostradamus o delle sue PRONOSTICAZIONI O dei Geroglifici di Horapollo di cui mai hanno sentito nominare o potuto leggere e consultare salvo imparare anche leggere le cose antiche.(Originale collezione privata del tempo di Papa Farnese).

Annunci

Chi ha più SAL & Il SALE in ZUCCA da essere il VINCENTE ?Retroscena Italico con il Pd-Piede in EUROPA

Rileggo l’ultimo rigo del presagio 9 JUILLET racchiude pigiato come in un Torchio tutta l’ebbrezza e l’ubriacatura di una situazione che sconfina con una enumerazione che, da sola mette a dura prova ogni mente o sana cervice o INTELLIGHENTIA ESEGETICA.

HUICT, QVINZE & CINQ =

QVELLE DESLOYAUTE’

……………..Peur , Frayeur Papautè

L’OCCIDENT TREMBLE TROP,

TROP & PORT FERRE & SERRE

VINSALIN(SALVINN)?????

Una citazione che ha …riscosso il suo effetto che richiede anche di capire cosa questi numeri, cifre o rakam(arano) numerologia investa i nostri tempi.

Quello delle SEICENTO (sestine determinanti ) o in latino SESCENI (DC)o della Milliades ovvero attuale nuovo millennio in cui le sestine hanno chiara collimazione e dimostrazione.Ma tale constatazione è percepita solo da quanti seguono assiduamente solo anno dopo anno allo sviluppo degli eventi così man mano decifrati e sempre anticipati come bene dimostrano le PROVE e le interviste negli anni passati.

Le quattro righe del Presagio sono come scenari compressi , orizzonti semmai ci sia anche un logaritmo che abbia affinità con l’enumerazione in testa.Se c’è un genio matematico si faccia avanti.

La cifra ha una sua sommante già svelata da decenni 8x15x5=600 !E anche 8155 ala quadra si dice essere Novanta = la PAURA!Cabala o numerologia fate a mente !

Dunque intanto questo si rivela il tempo delle SEICENTO o SESCENI è quindi in moto la Rota dei Quadranti che stanno alla serie-gamma delle SESTINE, lezione impartita così bene prima nel secolo finale, quello già(Giano-Tempi)Passato come in quello ora del nuovo corso attuale – in cui noi siamo precursori e i testimoni di tanta storia che ha ormai superato il traguardo del mezzo secolo e di un GIUBILEO (49-50 anni 605 lunazioni !)ed + oltre ogni altra Pentecoste o Illuminazione che possa il cielo prodigare.

Abbiamo ripetuto tale finale rigo per quanto si stato individuato al nome VINSALIN…SALVINI decisamente il Vincente !

Sopratutto dopo il blocco marino del Serra-ferra Trop…dei Port- ancoraggi, porti navali e sbarramento al traffico dei profughi africani !  Quindi il presagio arriva alla fine (TAU) con tale ultima versione ora della riga .  Orbene così di dispiega quanto diventa collimante a leggervi da tempo + incluso la Vittoria (VINS) Ora Tempo e sia Quella et Qwelle fonte di Matteo Salvini che decisamente diventa CARA = SALATA quanto il MARE STESSO ! Quindi barcamenandoci tra le onde per stare a galla validamente dobbiamo in poppa ala nave Italia – osservare come SALIN & SELIN allerta le sentinelle secondo i molti files, perché in turco…( svelano gli accaniti lettori)leggiamo come Selene = la Luna = Selina poi il logo si traduca in DILUVIO…incluso l’Onda Undaquadraginta padana (PO = Onda in cinese esagramma ) appunto della LEGA- Padanja che non EGAL..eguali in questa epoca di QWELLE(=FONTE)di ILLEGALITA’ (DESLOYALITE’ Lite=Conflite & Conflitto !) 

Dopo la sopra detta vittoria di Matteo (senza scordare l’altro Matteo che così include l’idea di una fase gemella e gemente —abbinata poi a quando Roma attualità presente delle Due Teste di cui è bene pesare bene quanto conta e conte e conti siano in ballo. Ossia per quanto ne deriverà secondo lo scenario che ha all’Orizzonte VENEZIA. Ma ogni cosa è da snocciolare senza fretta alcuna datochè questi scenari sono stati maktub- come un rosario così anticipati da decenni nei miei testi.

Quindi una Vittoria Salata che si pagherà a Caro Prezzo ?

Ci costerà a noi tutti tributariamente – fiscalmente salvo Salvini ? Perchè così è determinato per chi scorda le quartine disegnano questo scenario :

Sebbene convinta- presa di volte “con vincente” la Città Solare

(Nap = sole in magiaro)O Sole Mio MIO !E chi è dunque il Vincente della città del Sole Napoli o il disastrato astro di tanta storica polis ?.C’è in gioco il potere o TO KAN the PoWER !Il VERO POTERE tosto a costo di :

Sarà CHAN(CANE)Change-Cambiante (Changeant=gigante– cambiamento)

delle Leggi (Legislature) in barbare- bare et vane(vaines=Frusta- Mataios)frustranti!-  Il Tuo Male si approssima (roche-rocca) perchè più sarai tributaria (tasse)

Il Grande ADRIA- (αντικαταστήσετε- antikatastesete)Re-cover- ricoprirà le tue frustrazioni(vanità).  A conti fatti lo scenario è così leggibile e indice dei protagonisti in campo.

*****

Tra Vincente il primo e vincente il secondo e il conflitto dei vice Premiers !

Chi la dura la Vince !

Ecco quindi come il Detto Predetto che – così a detta degli antichi basta mutare di un solo lettera “Jota” ed ogni sentenza o proverbio acquista altre indicazione qui di natura vincente. Che così per la cronosemantica coincide infatti anche con il Motto Leonardesco in questo cinquecentenario rinascimentale LEO & VINCI !-  Da Firenze “ Flora- Florentium” alla futura foriera aspettazione che avrà VENICE. VENEZIA qui Indice e (in latino U= V) VINDICE et QVINDICE del famoso verso dantesco del Cinquecento Dieci e Cinque (XV°)!-  Quanto basta a prefigurare lo scenario sul CANE KANEIS / del verbo FARE in greco che deve lottare contro il malaffare e il grande male che ha oggi l’Italia degente a causa dell’Erario pubblico svuotato per cielo, terra e mare ! <2-15>

O a causa del potere Romano così a basso …la curva del collasso dovuto al debito pubblico.

(A)La main plus corte et sa percée glose-lose + les Occultes haines civiles et debats Retarderont aux bouffons leurs (EURS) (CRAZY…=)follies .< 3-63>

Ma gli italiani hanno snobbato le sentenze di Nostradamus ed il suo interprete che ha posto in faccia a tutti, gli avvisi di tale bousculement scombussolamento economico e politico. Ora stiamo male tutti quanti davanti alla sproporzione di quell’immane buco che corrode i nostri investimenti ci ha impoverito. E chi aveva investito sperando di avere un sicura vecchiaia, ora trema perchè non ricava un bel nulla.E ogni scelta diventa insicura anche per chi si appoggi allo scudo di un sussidio di cittadinanza.

Chi sarò allora il genio che riuscirà a ricoprire tale scandalo se costui è indicato come il Grande ADRIA secondo a NESSUNO.…che cosa altro possiamo auspicare che una mente veneta possa svelarsi artefice di una ripresa economica ?Chi sappia metter in campo una nuova FARMS tecnologica e produttiva ?Ma ci vuole l’Invenzione per forza di cose di una nuova macchina,motore,congegno, apparecchio ? Manco la Cina potrebbe fare tanto per lìItalia salvo il Grande CANE cinofilo ? Chi mai riuscirà a cancellare l’enorme gigantesco “ huge” immenso sperpero dovuto al passato per colpa di quante mani bucate “percées “ per le bustarelle + tangenti e quindi l’Era della Tangentopoli che così pesa lordamente e fiscalmente ormai in ogni tasca degli italiani.

La Storia insegna che le rivoluzioni montano tra i popoli quando i diritti inviolabili sono minacciati e ancor più minacciati se si arriva alla fame senza lavoro ed entrate. Impiccati dai debiti e non certo basta la Fede del cristiano orare il Padre Eterno di condonare i nostri debiti come noi condiamo ai nostri creditori !

Il sistema bestiale dei MOLOCH bancari non hanno coscienza alcuna dell’individuo. E questo è così evidente da quando ci sono allargati a macchia d’olio quanti sono stati ingannati, blanditi,truffati dalle banche come quella di Siena. Almeno dopo tanto Vaso di Pandora l’esile speranza è quella di ricuperare mediante lo stato o una parvenza di Giustizia almeno un accontentino. Questo evento Toscana Siena era predetto nelle PRONOSTICAZIONI nel quadro del tempo di colui che interpretava i suoi presagi e sia da sua volta da interpretare e considerato la vera fonte !

Ma questo non basta dimenticare i colpevoli di così grande truffa quali essi siano REI e in MEDIA TRIBOLAZIONI che secondo Giustizia – costoro devono pagare tale ladrocinio( Aladra …in arabo VERGINE)- Non siamo qui ha invocare la barbarie ma ben altro che la Vergine di Norimberga ci vorrebbe per questi malfattori che hanno causato in Toscana ed a Siena così tanto MALE….KAKOS (n greco) sociale !

Ma la lezione ormai iscritta sula nostra pelle di Italiani dovrebbe farci aprire gli occhi che solo chi sia idoneo e capace a fare i CONTI…a tenere il Conto e questo la dice lunga sull’OMEN NOMEN che in ogni quartina e presagio a volte appare e non vine recepito..che solo dopo !

Invece questo NOMEA è stata fatta specificatamente su chi CIONTA e deve contare in questo tempo di Roma testa GEMELLA…a sua volta diramazione di uno scenario che i cieli stellari determinatamente nefasti-infausti ! Lo abbiamo predetto e scritto con decenni di anticipo.Ma sebbene ci sono dettagli – ci sono ancora troppi orbi che preferiscono malcelata indifferenza e corrono invece dietro ai maghi e maghetti o esperti del giorno dopo che soloni spiegano dai pulpiti gli eventi secondo la propria destra o sinistra ideologia piena di buchi (Percèes)in testa semmai già allora non seppero leggere le deduzioni sulla politica di allora 1976 ed avanti forza sulla nostra Italia.Ma sono cose ormai del passato !

Dagli ANNI FUTURI -NOSTRDAMUS….quanto scritto era solo agli inizi precoci da alunno e discepolo alle elementari, ma dopo tanto tempo immutabile così resta NOSTRADAMUS la mia Colonna portante sulle onde del Tempo Matefisico e Metafisico che già da tempo GIANO GALLO GALLICO si immagina ogni scenario concepibile, e nessuno altro ha mai dato tanto spazio e visioni lungimiranti – Ma che oggi a ragione dobbiamo scovare pure nominando quanto avviene UNDER LE STELLE di questa EUROPA che è diventa l’Anfiteatro in cui recitano oggi i BUFFONI-CLOWNS- COMICI quali promotori di nuove finali FOLLIE !

*****

La Questione COSMOI AMARTIAS ET DEGLI UFOS dai Mondi o Milioni di AION-ANNI LUCE verranno alla LUCE, Allora CADRA’ IL VELO ( CIA& PENTAGONO)?

Lo abbiamo da tempo riportato che Sigismondo Fanti il matematico, architetto, ingegnere “ferrao o fabbro”e pure Astronomo- Astrofilo celebrato dall’urbinate Raffaello SANTI-SANZIO nella Scuola “ Didaskalion di Atene “ nella Camera della Signature Vaticane ( 1519)come ZOROASTRO ( antico saggio persiano dotto nella scienza dei cieli)che ha una stretta affinità temporale storica così con lo ZOROASTRO , ancora elusivo e ovo indagato compagno + spalla di Leonardo,anche nominato conoscitore dei cieli, così da ricordarlo d’essere presente nelle piazze-fiere dei paesi per svelare il destino mediante gli astri.

Tale simbiosi con Leonardo da Vinci va ben oltre perchè la testimonianza sua è appunto racchiusa in quel l’arcano tomo TRIONFO di FORTUNA, che abbiamo portato alla luce del Sole ELIOCENTRICO e Pitagorico.

L’Ermetica filosofia astronomica della Scuola Platonica , che poi Niccolò Copernico porterà a nudo nel corso rinascimentale dopo aver studiato all’Università di Ferrara, ove Sigismondo Santi-Fanti era professore

La prova è nel Thesauro degli Scrittori e la primaria sua  citazione superba nell’inizio del proemio stesso dell’Opera.Carta Canta. Quelli erano i tempi della grande    fase o lungimiranza leonardesca che sposata e svelata oggi + così ai documenti alla mano e scritti di pugno di Leonardo che evidenzia la singolare presenza e così da essere una testimonianza che coinvolge tale Zoroastro. Perchè se è stato nominato da Leonardo senza equivoci da sua spalla e compagno di viaggi e di volanti congegni per sperimentazioni tanto alla volta di Milano (1580 in poi) e poi nel ritorno a Firenze per provare- esperimentare il Grande Uccello !

Ovvero – Il Volo Umano mediante quel Triangolare Aliante-Deltaplano, di cui bene esiste la testimonianza in una quartina così esposta nel trattato del Fanti , la fase dell’evento occorso.E sia la struttura volante e la stessa seta occorrente e la forma dall’imbracatura umana necessaria e così l’apparecchio volante triangolare.

Ma c’è persino del FANTi disegno di se stesso insieme a Leonardo o quanto abbia voluto intendere con tale tavola così persino geograficamente Milanese che con essa abbia come allo specchio. Posto i due Due Volti in confronto come Platone e Aristotele (Raffaello) ma con altro beneficio di inventario – ricalcando il Volto del grande genio fiorentino così imitando Raffaello proprio prendendo spunto dallo scenario della Scuola di Atene e inserendo anche un altro famoso protagonista. Celebre   allora quanto mai in grande auge.

Lo scultore Michelangelo che è posto al centro della scalinata e opera pittorica in un idem inconfutabile composizione.Noi possediamo tale disegno inconfutabile dell’anno 1526 ! Carta Canta.

Bene il tutto collima propriamente come nell’opera pittorica di così tanta folla e numerica Assemblea dei 50 Sapienti della Scuola di ATENE e sia con i tanti indizi sfuggiti da secoli ai grandi soloni dell’Arte.

Ecco quindi lo Zoroastro ( e non il cardinale Bembo veneziano che non ha mai scritto alcuna opera di astronomia o dottrina siderale)Magister – Master ASTER Maestro della Dottrina Siderale a fronte ha la mano reggente la sfera celeste che sta infatti contrapposto a Claudio Tolomeo di schiena.(Teorico del Sole che ruota con i sette pianeti attorno alla Terra).  Siamo nel 1526 quanto basta capire quello che soffrirà poi Giordano Bruno e poi Galileo Galilei ( 1606)a proporre la Teoria Copernicana del Sole, Centro del sistema planetare..sebbene la teoria avesse ancor prima da secoli con Niccolò Cusano, dotto matematico astronomo e sia Cardinale che aveva già intuito il tutto, grazie alle nozioni attinte alla scienza pitagorica ed arabo orientale.

Fa brevissima lezione di cognizioni che ancora oggi sono trascurate da radicalismi mnemonici bibliografici e che quindi ci ripetiamo attendono di essere onorati testi inconfutabili alla mano.

Tutto ciò che ci stupisce a causa di quanto avviene sule nostre teste è di fatto un fenomeno su cui hanno scritto libri, testimonianze, dato corso alle più grandi fantasie galattiche ed extraterrestri.Poi la TEORIA SIDERALE dei cosmografi avanza a tutto SKEISPACE bene oggi coi dati sostenuti dai nuovi occhi o congegni capaci di illimitate Osservazioni. La tecnologia così oggi colma ogni vuoto ed esplora la vastità di quella topologia cosmica con le sue dimensioni come il CERCHIO posato sull’Orizzonte che è infatti il geroglifico egizio per INFINITO !.

Una Linea orizzontale da Nodo o Cima-Filo-Corda formante un CERCHIO oltre cui passare per entrare nei Regno dei Cieli – Ovvero il paragone è questo come sia arduo far passare una Cima (Corda)attraverso la Cruna-RUNA dell’AGO.

Ma l’arcano celeste tanto dibattuto e su cui raccapezzarci ha visto milioni di fans ufologici sparare balle spaziali. Nientemeno chi ha persino svelato di avere parlato faccia a faccia con i VISITORS. Una Realtà che non è per qualcuno soltanto, ma un faccia faccia con INTELLIGENZE…..

              (SUB NUVOLA INTELLIGENZA)

Così spiega NOSTRADAMUS , cosa scritta da decenni :

Palese questa Teoria esposta da cinque secoli – per quanto ora non si possa ancora inchiodare dietro le culisse dei teatranti, quanti hanno la trave  sugli Occhi e poi ne inventano di ogni natura. Liberi di “Dissentire” ma poi d’essere illecito all’Infinito…innanzi alle Prove segregate. Tutti i dubbi vanno dispersi se bene consideriamo quanto Lui, il Veggente che nel suo Schermo specchio miroir ardente lumiere luminoso lattiginoso ha visto clamorosamente scorre i grandi eventi del corso di tanta storia. Ma la sua testimonianza come sempre gli struzzi – preferiscono metterla sotto la sabbia o anche sotto il cuscino di Morfeo.

Ma non è sogno quello quello che vediamo ad OCCHI APERTI. E sia con ben altro OCCHI tecnologici, fotografici impressionati flash, sia pellicole o digitale etc. Ben altro di cui ognuno all’occasione disponiamo ad eternare, fissare, filmare inconfutabilmente sulla terra e poi anche nello spazio esterno orbitale. Tutto ciò che è visto bene dai nostri sensi interiori ed esteriori è accaduto e si ripete da sempre.Ecco cosa manifesta, palese così Sigismondo Fanti: E non ci vole una intelligenza superiore per capire cosa si cela dietro a tante nuvole….nephtalis (in ebraico) sin dai tempi biblici..se il profeta Isaia, ha scritto...Chi sono costoro che volano come nuove e volano ai loro Colombari (peristerion &perasterion?logos greco tanto affine all’idea di chi perigei-orbita attorno alle Stelle -Asterion).

Ed a ragione di varie Stelle e catalogo di corpi celesti ovviamente delle Castella stellari che Sigismondo Fanti nella sua opera enumera molte più quartine con “citazioni” determinanti in merito alle stelle LEBENIE Doppie(BIS) LIBENIE degli esseri LIBEN (in tedesco)mutaformi...(dato astronomico che deve portare ad identificare l’esatta posizione della stella con tali pianti abitabili) ed quanto altro più da tempo abbiamo sviscerato riservato ad un tomo avvenire.

CUM SIDERA… da Ora più che mai che non UFOS con l’eccoci a riportare quanto sta in relazione alle news quale fonte updates attualissime da oltre oceano. Acquista così maggior peso e senso questa lapidaria quartina dl Sigismondo Fanti(62-11):

Quel- VEL che la police in la man ChiUSA tiene(serba segrega)

Astral altre(3 stelle)Dete (details)havendo posCIA GIOVE

Dannato*oroscopante Acquario PROVE

Farà qual non UFO mai gente da(dare)Bene.

Quindi per Quel – Q-VELOVELO che la POLICE segreta detiene in sua mano , ha in suo possesso e chi USA così da TOP SECRET perchè cela, segrega all’opinione pubblica- infatti la mole di altri dettagli Astrali come avendo di altre possedendo così la stessa CIA e GIOVE,il sommo POTERE, di fatto dannato e condannato “ Orosco-pante” di quanto si osserva – telescopio + all’ORIZZONTE dell’Acquario ….segno zodiacale o costellazione su cui mirare bene tale ricerca delle PROVE !Un Fiume di PADUS ACQUARIOUS. Verrà quindi il tempo detto delle Acquariane PROVE =ovvero il fiume di DIMOSTRAZIONI CELESTI *TOOROS CHIARO !.

La semantica insegna che : DIMOSTRAZIONE = PROVA in greco =

PARADEIZA – PARADIS !HEAVENS !

Quindi verrà allora alla luce – CHI sarà o chi farà qual non UFO , mai ed assai al popolo così bene da dare Bene, portare Bene (GOOD…o GOD ?)DIO !

Chi fuori dal potere o Da DENEB (CIGNO la stella mitologia greca = Giove mutatosi in cigno )possa da così lontano portare al popolo a e da DENEB bene un risposta?

Ci sono quartine che parlano degli ALTI REGNI CELESTI – Cosmici ?da cui giungono segnali….ma tratteremo a suo tempo questo tema ancora da decifrare il segnale giunto che gli scienziati ancora non riescono a capacitarsi…ma l’inconscio planetare dei popoli non è tonto da immaginare che lassù dimorano benissimo tante altre astrali intelligenze.

QUINDI CHE IL QUEL & VELO

SIA SOLLEVATO ……

(ANSA) – NEW YORK, 23 MAG – Il Pentagono ha finalmente ammesso che sta tuttora indagando sugli Ufo. Lo rivela un portavoce del dipartimento della Difesa, il quale ha parlato di un’iniziativa governativa segreta denominata Advanced Aerospace Threat Identification Program (Aatip), che “ha condotto ricerche e indagini su fenomeni aerei non identificati”. Il Pentagono finora aveva sempre detto di aver chiuso l’Aatip nel 2012, ma il portavoce Christopher Sherwood ha riconosciuto che il dipartimento sta ancora indagando sui presunti avvistamenti di astronavi aliene. “La Difesa è preoccupata di identificare tutti gli aeromobili nel nostro ambito operativo, nonché di identificare qualsiasi funzionalità straniera che possa rappresentare una minaccia per la patria”. “E continuerà ad indagare attraverso le normali procedure le segnalazioni di aeromobili non identificati rilevati dall’aviazione militare americana al fine di garantire la difesa della patria e la protezione contro il fattore sorpresa da parte dei nostri avversari”.

**********

Non si muove Foglia che Dio non Voglia per battere alla nostra UMANA SOGLIA.

Quanto è di questo DETTO-DETTO= L’ OMEN NOMEN…che così stimola i nostri miliardi di neuroni come l’amo gettato tra le onde di un fiume o le maree di un oceano. Affinché ogni volta che riflettiamo o meditiamo possa così accendersi la cierge(candela)una scintilla alla Bosch nella nostra caverna o coscienza oltre la stessa barriera onirica dell’inconscio.O meglio dare lo slancio alla tigre,al cuore dei ricordi del nostro motore umano. Abbiamo bisogno sempre di uno stimolo la scossa violente opportuna dell’impulso cardiologico per non continuare a fare i morti. Ma non bastano i DETTI o le Parole gravi o sagge e lapidarie , quelle accumulate secolo dopo secolo.

Non basterà il parlare forbito di chi cerca il conforto e consenso dell’uditorio.Ma di questi nostri tempi, milioni sono i sordi o compagnia delle tre scimmie , anche semmai+ non si improvvisano comizi negli angoli delle strade o strilloni vaganti o testimoni a coppia che portano volantini biblici o suonatori di citofoni inopportuni alle porte di casa abbondano.

Perché viviamo benissimo frastornati dalle trombe pubblicitarie in ogni circostanza del giorno e della notte. Trionfano i mezzi di caotica comunicazione incessante e ritmatica-xismatica che ci magnifica ogni nuovo prodotto senza pari ad ogni altra marca e concorrenza. Basta aver il portafoglio gonfio per cambiare macchina, vestito, o altra diavoleria tecnologica tutto fare. Tutto solo per il quotidiano comodo e facile vivere.

Detto e fatto , tutto GOG MADE…partorito del consumismo dilagante , all’erta sempre alla sfavillante et prossima stagione poi sarà superato da altra novità ultra tecnologica – Flash cronico così proprio a scatto di tempo . Tappa dopo tappa cominciando dal digitale -vocale vostro fone

Ricettori animati da fiumi di parole, squilli che propongono cambi di server,vantaggi e mega-giga ….ma tutto ciò ben poco serve a chi del secolo passato e a cavallo del nuovo secolo ha nostalgia del passato degli anni Cinquanta.

Così bello questo vivere ? Ma tutto ad alcuni veterani  invece – appare sovvertito, ci ripropongono la storia passata, come se avessimo scordato di averla vissuta, sudata e finita tanto da essere per gli Ultimi pura dileggiata  reminiscenza. Niente affatto. La nostra Memoria di quel tempo non è polvere o cenere o sabbia volata via tra le dune del tempo.E’ Storia l’Osso il LUX biblico della nostra schiena incorruttibile dopo l’esistenza…dicono da cui rinascer al Giudizio Universale . Ma è quindi la dorsale che ha il tempo stesso ha inciso come su un tronco , cerchio dopo cerchio come su u disco ,le cose sapienti che sempre solo il grande maestro il TEMPO vissuto . così macina delle tante memorie di ognuno. Le toste  circostanze della vita, sia felici che amare. Le ore tragiche o i sogni e le altre fantastiche mete sino ieri fiction, oggi all’Orizzonte Celeste (Luna, Marte).Noi abbiamo avuto dei grandi sogni…Paramount……..siderale spaziale !

che possiamo contare sule nostre dita , anzi con quelle dita abbiamo visto avverarsi molti DETTI, PRESAGI, OMENS a nuocimento e detrazioni di quanti non hanno creduto ai sogni, ai grandi sogni che l’Umanità senza distinzioni di razze e di fedi ha secondo il DETTO più antico riposto nella mente o “by heart – nel Cuore !  Ma il Cuore umano batte in unisono con la nostra stella il Sole e nell’Armonia( EROS-ARMONIA= VENERE la Beltà) delle SFERE è ancora cosa e filosofia antica (Pitagora) a cui nessuno ha ancora dato riposta.

Ma ci giriamo a vuoto così solo in tondo perchè non sappiamo ancora dov’è il Centro del Tutto.Non siamo ancora arrivati al KER, al Nocciolo di noi stessi come del creato. Sebbene alcuni teorizzano di saperlo meglio di Dio stesso.O forse il segreto è proprio nel KER come dicono in greco antico, il centro, il cuore,il KER, è il dato, il destino che si snoda sul filo , le corde che tessono in grande sia in piccolo(umani ) o esseri intelligenze superiori ,tutti compresi – avvolto nello stesso ricamo dell’Arakne Cosmica con le sue branche-braccia branches da Principio(con Clotos, Lachesis, Atropo)ovvero le tre-tree(albero) parche che filano le diramazioni “ramaiges” dell’albero,tronco delle corde, le stringhe cosmiche nelle infinite direzioni ed orizzonti.Propagazione  ondulatoria onde gravitazionali ? Quanta invisibili della fonte o continuum campo spaziale ?  

Ma non senza la MUSICA ,il Fiat LUX del VERBO, il LOGOS, la LUCE ondulatoria – quella / quelle = FONTE( in tedesco) passo dopo paso passo. Nel Ritmo del Pentagramma. La Quinta Semaion Quintessenza(Shinkō =Fede)della Musa che a Passi Lenti-Silenti, fa vibrare l’anima cosmica e la nostra interiore di mille sinfonie tracciate dai maestri della sublimazione. Manifestazioni della umana ispirazione dell’ARTE che è il filo, le note, le cifre, l’aritmetica della scala udibile e oltre ogni suono che in natura bene pervade ogni cosa,essere, atomo e vibrante cristallo, foglia, cellula o langue ressaisie– delle Chiavi … sino alle occulte sfere microcosmiche e macrocosmiche del nostro spazio-tempo ancora einsteiniano con una faccia pluruniversa o con dimensioni parallele….per ulteriori teorie in arrivo se nessuno per la tanta incommensurabile magnificenza osa rinnegare un posto al potere dell’anima o del grande Spirito.Quello che ancora tanto light leggerissimo quanto un OUPHOS(in greco leggero)volante…bene proprio alla SOUPHOS o SOFI saggio-sapiente sia antico come quello che da sempre balugina nei cieli…ai nostri occhi mortali. E’ predetto infatti che questo avviene da Nostradamus + per stimolare la razza e la nostra anima o intelligenza interiore, oltre i sensi fisici nell’arco dei cieli da semaion superiore ed eccelso a ogni altra visione che non si armonizza con la vastità del regno dei cieli di antica promessa e detto che mal si concilia con chi crede che lassù ci siano cinquanta o quaranta Uri a soddisfare i suoi piaceri carnali nel giardino delle delizie,farcito di tanto medioevalismo misticheggiante.

Chi sarà il novello Leonardo ?

Sarà opportuno essere PRAGMATICI meccanici coi ferri del mestiere e sia + doverosamente avere i Piedi in Terra – perchè ora il regno dei cieli, è quello da conquistare con il genio leonardesco arietino o taurino – di chi ha una meta eccelsa : The Paramount ,quella di elevarsi nei cieli, volare alla conquista des NOUVEAUX – NUOVI ORIZZONTI lungo i futuri secoli e millenni. bene ha ragione Nostradamus e il Fanti che precorrono la storia zeppa delle Centinaia di DETTI e Quadranti astrali delle note quartine. IL Tutto CUNCTA(in lat.) per serbare bene il conto onde così stimolare ogni altro verace genuino et futuro esegeta che già muova i passi lenti silenti nell’avvenire sin dai tempi primordiali.……

Leonardo da Vinci: Odranoel. Il Genio della metamorfosi che scriveva all’incontrario -Trattazione di Renucio Boscolo su Leonardo da Vinci…il Calembours dal suo nome da CULTURANATURA & LA STAMPA.

Così se leggiamo al rovescio Odranoel-Noël-Leonardo. Allora la mente corre subito alla lingua francese ed alla Francia dove il Maestro ha vissuto i suoi ultimi giorni. Quanto così celebriamo in Francia e l’Italia da allora, i 500 anni dalla sua scomparsa. Ieri le nostre nazioni erano così divise tra ducati e principati che si accaparrava i migliori maestri dell’arte, e il papato invece trascurò l’incompreso scienziato dei suoi tempi, fecondo ma spesso incostante nel portare a termine gli incarichi. Diremmo un Leone solitario, che trascriveva nei suoi taccuini (codicilli) tutte le sue intuizioni, ovvero i suoi lampi di genio di vena ingegneristica, fattore di congegni meccanici strabilianti, invenzioni e scoperte. Non voglio scrivere un panegirico, ma inseguire quel senso contrario di annotare dettagli, foglio su foglio, di ogni sua impressione, così crucciato nei suoi segreti in questo modo di scrittura da renderli indecifrabili ai profani. Ormai sono secoli che una schiera di studiosi si sono votati al culto di Leonardo da Vinci. Il suo nome il principio nel suo luogo natio Vinci, dal latino Vinco, il Vim, Vimine intrecciato con cui si fanno le ceste. Usava il suo pennello come un Vincastro da pastore, pittore osservatore della natura fiori, piante, cime, vallate, paesaggi, uomini, muscoli, sino ala volta celeste. Astronomia celebrato tante significazione nella Volta di una sala del Castello Sforzesco di Milano, con “les fitte lussureggianti ramaiges”chiamate dai latini VINCO da cui VINCI! Le intrecciate, propria della simbologia e dendrologia a Lui tanto cara eternata nelle volte del Castello Sforzesco e non solo ma anche al castello di VIGEVANO , che ho ammirato con i miei Occhi con accanto un altro intreccio enigmatiCODIpinto.

Lo comprovano i suoi Rebus e i paesaggi misteriosi, a cui ha dedicato i suoi studi Augusto Marinoni che con lui in passato ho avuto uno scambio di opinioni in merito alle tante opere incomplete o sconosciute di Leonardo, che ancora restano obliate ……diamanti lasciati come carboni – ma anche con Luca Garai bene da allora mi stimolò sulla strada di quel Odranole et Ranole che avevo scoperto nelle Centurie di Nostradamus.L’essere citato come  colui che  è stato l’Italo Ornamento del suo Tempo TEMPO e ORNAMENTO in greco COSMOCRONOS !E sia ornamento del Mento barbuto ! 

Qui giusto al 500 anni abbiamo le retourne ovvero ritornando al Noel o Leon…nardo detto anche Giglio o ardente passione felina ? Qui il foco sposa giusto il segno e logos arietino del Leonardo, ricordo che Luca lo studioso di Leonardo è passato al pragmatismo tecnicista perchè ha realizzato in pratica il famoso Leone meccanico, primo robot che percorreva il salone sino ad arrivare d’innanzi al Re di Francia per poi giunto al suo cospetto aprire il petto così esternando i Gigli LYS di Francia.

Lo riporta il vocabolario Rocci, il Giglio in francese si dice Lys, ma in greco Lys equivale a LYON- Leone.

Quindi è lecito domandarsi perché mai anche un richiamo al Giglio di Firenze o di altra stirpe o casata? I misteri vanno visti spesso al contrario o nei “revolu terme”, nelle letture capovolte, ovvero da destra a sinistra, al rovescio, alla Verseaux, come di norma nelle scritture in arabo ed in ebraico. Sia l’invito a rivedere le opere di Pico della Mirandola, altro genio poco considerato ormai ai nostri tempi,. Ossia mai trascurare le tante cabale o i calembours di moda tutta rinascimentale. Abbiamo con il Da Vinci , quel Leonardo, essere anticipatore della applicazione meccanica in ogni verso possibile . Una fabbrica o ferramenta e fabbri ferrai così all’opera quando ancora non si chiamava Tecnologia. Quella a noi oggi nota a tutti i livelli poliedrici della Scienza, che si ricava da ogni suo disegno che è ancora carico di sorprese e colpi di scena , di rivelazioni che troveranno o avranno il loro tempo e tutto sia quindi tenuto in grande considerazione.

L’uomo il genio e l’artista è celebrato per la sua naturalezza e il suo soffuso tratto , quello che lo distingue, grazie alla sua tecnica del colore in tempi in cui altrove Kranas Lucas il Vecchio (un altro Ranoleo Ranas ?) eccelle nell’Arte che è la Madre senza confini se la pittura ci giunge così ad Olio proprio dal Nord Europa e che così viene maestralmente assimilata anche in Italia.

L’impatto della pittura leonardesca si rivela come un’onda di colore e di forma che richiama la realtà, non più ieratica di tante altre rituali raffigurazioni, ma il percorso che portava l’artista a proiettare nella tela l’immagine sempre più perfetta e umana di Madonne, Neonati, Santi, come in uno Specchio. Le sue pitture immortalano, trasfigurano, fanno emergere la soggezione psicologica di stare davanti a delle persone reali, divine, al punto tale che alcuni andavano in Estasi di fronte alla maestria dell’Arte della folta fucina italiana. Una Galleria di volti e corpi in cui si colleziona la Donna, Trionfo dell’Eleonore, affine alla Musa dei poeti, degli artisti, e le altre Muse di cui arte Leonardo era affascinato e illuminato così mancino magistralmente dotato.

La Nomea e Rebus dendrologico(Flora e fauna ed alberi) si sposano perfettamente nelle sue figure di Donna, Gioconda, Madonna, Mater et Vergine, e l’Amante di Duca.

Oggi ammiriamo il Salvator Mundi e le varie copie, segno di tanta attenzione alla scuola Leonardesca o sia del Boltraffio e dei più intimi compagni del Team milanese, dei quali abbiamo elogiato le imprese in articoli che illustrano la Giocondo Nuda (in Germania). Ci struggiamo di amarezza invece quando altri capolavori usciti da Milano con la Caduta del Moro nel 1499 non sono mai rientrati a casa. Tra questi ben sette San Sebastian che sono stati tramutati in fiorini, man mano postati nelle Chiese o in case,dimore singolari di Abadesse coatte delle famiglie nobili, Grandi dame allora esiliate nei conventi, a cui non restava che la consolazione visiva dell’Effige del Santo Martire Ignudo Homo, da , martire trafitto. Lo stesso citato esistere anche nello studio del celebre Monsignore della Casa che ne aveva una di queste copie di Leonardo, già al tempo quale segretario del Cardinale Alessandro Farnese, il Capo della Curia Romana, fratello di Paolo III°(Farnese).

Non manca l’esatta composizione del corpo del santo trafitto. Anzi appare nel Codice Atlantico, ma specificatamente il modello o disegno ne fa parte della collezione Windsor di Elisabetta II.

Oggi dopo tanto clamore sull’ultimo giudizio dell’opera – il Salvator Mundi – che è finito così nella collezione di un Principe Saudita, sotto la Luna dell’Islam o regno “Mecca-no” che sposa semanticamente il Grande Meccanico ingegnere + geniale del Rinascimento, che non ha mancato di disseminare indizi dei suoi interessi sul Regno di Maometto e della Mezza Luna. Viene da commentare che una grande distanza separa l’arte orientale iconoclasta da quella occidentale. Anche se oggi sembra sempre più evidente che Leonardo oltre immaginare il Medio Oriente ci ha lasciato quanto incompiuto che lascia perplessi gli studiosi, semmai davvero quando era giovanissimo – si sia di fatto spinto in mare, ovvero a fare un viaggio sino all’Armenia alla cerca dell’Arca di Noè (testo trascurato ma slancio di un romanzo di avventura svanita ?)tanto da dettagliatamente evocare la Montagna dell’Ararat non senza fondere i ricordi biblici connessi al tempo del Diluvio. Testo che denota invece la vividezza della forza della natura e della sua travolgente potenza delle acque e delle onde che si rovesciano, straripano cosa che ripropone oggi l’era climatica di uno Tsunami.

Ecco il Genio che si barcamena tra le Acque o i Mari e le Onde o cavalloni che avanzano e ricalcano il tema delle sue tante ricerche ed esplorazioni che non sono solo geografiche o topologiche, anatomiche, geologiche ma girano tutto a tondo e inquadrano c come l’Uomo ideale del suo disegno immortale. Entro il CERCHIO e il QUADRATO allusione alla Quadratura del cerchio che con compassi ed a passi ed assi lenti – tutto così sta al centro di una proporzione divina STAT CRUX DUM VOLVITUR ORBIS- (Sfera – Cerchio)–come ogni cosa ha il suo centro e tutto bene ruota e proietta la LUX con le sue ombre e proporzioni ogni raffigurazione che mostra i vortici che si aggirano e si insinuano osservati nel raggio di luce e poi essere inconfutabili nelle sue carte e codici e anche scenari comporre gli Orizzonti , le sfumature nei capolavori scenografici così frontali come nella Vergine delle Rocce,(senza dimenticare la camera oscura bene sintetizzata nel Codice Atlantico)e quindi impariamo dalla sua opera memorabile di cui ne esistono due versioni.

Una è conservata al Louvre, l’altra, più tarda, conservata nella National Gallery di Londra. La prima versione, del Louvre, fu realizzata nel periodo milanese di Leonardo, su commissione della Confraternita della Immacolata Concezione, per la loro cappella nella chiesa di San Francesco Grande, con cui il pittore ebbe una lunga controversia. E’ è quindi ipotizzabile che la seconda versione sia stata realizzata per venire incontro alle diverse richieste dei committenti.  Sono questi i Due quadri quindi leggibili secondo una angolazione contrapposta. Molte le insinuazioni gravitano attorno a un’opera nata da una polemica di una Confraternita di Milano, che vede oggi altri a disputarsi tale “meraviglia” o “maraviglia”, come si diceva allora. Se si tratta di meraveille o meraviglia, resta comunque l’Arimma = la Dottrina (in arabo) dell’Arte e Clartè/Arte(in greco)la Teknica che il nostro Leonardo ha profuso magistralmente nei suoi trattati, e assimilata dai suoi prossimi scolari e sia insegnato (Trattato sulla Pittura del Da Vinci)e svelato e stampato solo dopo secoli dai suoi veneratori o discepoli. Un esempio di questo seguito è oggi visibile proprio nella Pinacoteca Civica del Castello Sforzesco di Vigevano in cui è esposta, sino 14 gennaio 2018, una versione ritrovata della “Vergine delle Rocce”, il dipinto realizzato probabilmente da Marco D’Oggiono. L’immagine rende più di mille parole. La visione diretta, racchiusa nella Mandorla di una Grande Visione, ed alla percezione di sapere savoir bene cogliere tale prodigio di estrema delicatessa e rara meraviglia e alla Luis Borge assistere alla maternità soffusa che ha la mater in ogni avvolti dalla presenza religiosa che ci induce alla disquisizione sulla Madonna e gli “infanti” i putti, i due bimbi ai suoi piedi. Ecco il Gesù ed il san Giovannino, caro a tante eresie che la libertà dell’arte, sa portare a nudo, svelare andando a ritroso nel tempo: da neonato “girino” o ranocchietto o ranocchio o dranoel – odranoel. Una metamorfosi possibile del logos che ha l’infante lionardo esso stesso anche evocare il clima amorevole della sua remota reminiscenza. La sia infanzia con la madre Katerina (?)che così delicatamente e magistralmente sovviene l’atmosfera rinata nel compiere genialmente mediante l’Arte delle Nove Muse , ci riporta al lampo di un tempo felice del suo tempo passato.

LEONARDO DA VINCI ” PROFEZIE” trascurate del genio iperfantastico

Da NOSTRADAMUS- la Chiave di Lettura degli Eventi Mondiali Passati,Presenti,Futuri (Musumeci 1984 Aosta)


 

E quanti al genio toscano bene si ispirano dopo 500 anni  la sua immortalità pari a quella della FENICE attende di spiccare il Volo del Grande Uccello …non solo nei cieli della terra…ma oltre i mondi prossimi venturi sulla Luna, Marte,le Lune  oltre l’INFINITO e la sfera di Giove !(Michelangelo Pistoletto .l’emblema dell’INFINITO )