Il Grande Sogno della NASA alla Star Trek ” più veloci della Luce…

uovoIl Sogno della NASA  alla Star Trek affascina “ più veloci della Luce “(nell’Uni)Verso Futuro. Che nel mito è racchiuso dentro un Uovo, non certo di Colombo.

Il Sogno di volare , non appartiene più alla sola fantascienza moderna o degli Antichi(greci), la sua orma o Vestigia si ritrova già negli stessi scritti dal  famoso Codice di Leonardo del Volo – ove si anticipa e si vede come  l’abile disegno serva così a prefigurare del Sogno del Volo , quello che Lui Da Vinci – progetta e disegna accuratamente(mente)con le sue Ali meccaniche, affini a quelle di un grande Uccello, e  anticipando o  in maniera struggente, il grande passo per l’umanità futura verso la conquista dei cieli, sapientemente preconizzata da Leonardo come da Sigismondo Fanti in altro testo :

marchingegno_0001

Così  infatti  immaginò il Da Vinci : “E molti terrestri e acquatici animali monteranno fra le stelle(sui pianeti) ..per causa delle stelle si vedrà gli omini esser velocissimi al pari di qualunque animal veloce…che  con pietra e ferro(metalli)si renderà visibili le cose che prima non si vedevano “. E persino soluzioni tecnologiche che oggi rivisitate davvero racchiudono spunti impensabili che non possono che aumentare il bagaglio di una conoscenza che va al di quanto raffigurato.  “  I razzi solari accenderanno il foco <focus ?> in terra, colli quale s’infocherà(si infiammerà – accensione) ciò che sotto….. il cielo e ripercossi (reazione di colpi, slanci) nel suo impedimento ritorneranno in basso (Discesa= atterraggio ) !

aegleflyTale è l’argomentazione che ruota sempre in merito allo spiccare il Volo in ogni senso e raffigurazione sino al fumetto ed alle vignette , in cui  uccello o aquila sia , così vale ogni metafora – che non si spreca affatto come  facile sia l’allegoria del Grande Cigno ,quasi suggerendo la fiaba del piccolo anatroccolo bistrattato e che poi si rivela diventare per incanto e metamorfosi Cigno o la Fenice, cara ai suoi rebus che troneggia sulla sfera dei Mondo. Tali sono questi versi immortali del Cigno e di Leda che sinora mai nessuno ha accostato alla sua produzione artistica ,opere che  non malignano ma inducono a sospettare  Jeopardice  Teorie per alcuni eretiche di connubi erotici che ci portano persino a coniare questo logo : ipnerotomakosmico.

Sentenze che ci obbligano a riflettere lettera dopo lettera, codice dopo codice Da Vinci ben altra scienza insita ed innata  ? Dell’Uomo che si definiva “ Omo Sanza Lettere” in una lunga Soluta Orazione – sempre mai integralmente studiata e riga dopo riga bene soppesata,  che con la sua grafia mancina o aristotelica(arista in greco sinistra o di valore) come era di sua consuetudine, per memorizzare tutto, nei suoi sopravvissuti  taccuini degli appunti spesso scoordinati di varia Matter- Materia – Argomento, allo scopo di impedire ad altri facilmente di appropriarsi delle sue lungimiranze, che ci restano così questi dettagli che se solo soppesai da provata esperienza in questo campo linguistico del rinascimento allora certi sensi meditandoli infatti prendono da soli il Volo ! Teorie e progetti che – qui in Toscana , senza essere ignari d’esistenza dei italici pionieri del volo ed avventurieri sulle macchine volanti che da più di un secolo hanno collimato queste profezie incomplete del nostro Leonardo così telegraficamente superstiti sentenze , che hanno un senso solo se ci immergiamo nell’atmosfera del suo tempo, e confrontiamo  anche i pensieri di altri suoi contemporanei o meglio del suo factotum “ meccanico” che Leonardo chiamava Zoroastro, ferraio o meccanico ingegnere oltre che essere noto conoscitore dei cieli, appunto soprannominato Zoroastro , matematico d’astronomia-astrologia del tempo narrata e raccontata , tutta al singolare , che non corrispondeva con la concezione del tempo , ma che in chiaro si dimostra , così descritta dal Sigismondo Fanti , da emergere prepotente sorpresa, perfettamente rivoluzionaria che bene la compariamo con la moderna astrofica. Intanto per altre documentazioni ,sappai8mo come bene coincidono le peregrinazioni di Leonardo fuori Firenze ,in anni insospettati,  che molti hanno sovrapposto con le vicende del compagno tuttofare,  al secolo  Tomaso da Peretola (Tomasino) il pioniere e o meglio di fatto l’esperimentatore o e quindi il primo aviere dell’entourage  di Leonardo , che ha collaudato la macchina, l’apparecchio  volante(Pteros in greco ) concepito dal Da Vinci, e legata a tale uomo volante (pteros,Peretola) Una cosa che da  cinque secoli è rimasta nelle pieghe del tempo. Una testimonianza obnubilata che non ha nessuna scusante , oltre che rammentare  le sollecitazioni o imbeccate dello stesso   Leonardo se così preconizza  :   “ E molti terrestri e acquatici animali< Ilaminali > monteranno fra le stelle.(I.66 r). E tutto ciò che andrà (uni)verso le stelle occorre ben spaziare su quanto Leonardo ha nei suoi appunti riferito all’astronomia, alla Terra, al Sole, alla Luna su cui ci ritorneremo con una  specifica puntata. Perché  oggi ci interessano le stelle, tanto quanto Leonardo ebbe a scrivere (Inno al Sole) sino a prospettare i grandi Balzi focalizzati in campo tecnospaziale. Non è così tanto inconcepibile invece sognare ed ideare cose grazie all’immaginazione a 360°  entro il cui cerchio,  sta bene tanto l’Uomo come ogni Divina Proporzione con tanto di diametro o raggio per misurare  la terra ed il resto del Cosmo. Le menti umane hanno fatto gara a concepire soluzioni teoriche, equazioni ,logaritmi, in bilico tra la matematica e metafisica  circa la struttura dell’Universo o dei Pluribus Instar degli spazi Cosmici siderali. Non per nulla si evoca Leonardo pluribus Geniale in attesa di un altro messia  che rinnovi le Glorie del Rinascimento con stupefacenti soluzioni o apparecchi capaci di andare anche più veloci della Luce. Lo scopo per arrivare  su altri Mondi e loro Stelle. Questo è il sogno della NASA se ha affidato ad uno scienziato con un modesto contributo, affinché faccia da battistrada o pioniere, su tale controversa opzione di riuscire a curvare lo spazio , e viaggiare. Fare il Balzo in un attimo oltre milioni di anni luce, in prossimità di una stella e dei suoi pianeti. Proprio come nella celeberrima  saga di Star Trek. Spalancati i Cieli.

voyagerSpalancate le braccia umane proprio come nell’uomo leonardesco, eccoci al Grande Sogno( in tedesco Grosser Traum)   affidato alla competenza  di Harold White, fisico ,specialista dei sistemi di propulsione spaziale futuri(Da Repubblica del 25 luglio 20013)la data è proprio questa a pag.33 per R2 LA SCIENZA. Profezia ?Sarà   che cita così quindi – come Leonardo che aveva chiarissimo il principio del volo umano mancandogli i mezzi necessari per renderlo fattibile… – Ma oggi non mancano i geni controversi che vogliono superare Einstein ,affrontando i problema che sarà di certo sul tavolo dei laboratori e consolle e computer to inner next century ! Entro prossino secolo spazio tempo.  SI dice che vogliano comprimere lo spazio per attuare questa curvatura per far schizzare  l’oggetto spaziale oltre distanze inimmaginabili. L’idea quindi del Grande Balzo o Salto o iperspazio secondo alcuni ingabbiato da tredici corde  secondo le teorie dell’Architettore dell’Universo per quanti-quantità discreta…ma questa è un’altra quartina del Fanti, anzi due che riguardano tale struttura del cosmo a Tredici Corde …dandoci un marcia insolita  per investigare ed anche assaporare la meraviglia , quando avrà esteso e sviscerato tutte le quartine  di natura astrofisica  che sono una pulce all’orecchio. Non c’è nessuna fretta di divulgare queste cose ,visto con quanta solerzia altre quartine spiegate e anticipate sui miei libri e sulla Summa Profetica, restano lettera morta , o peggio corrono più della velocità della luce , ma dimenticano la Fonte. Ma le notizie viaggiano grazie al Tempo, Giano  il dio del tempo e delle Porte spalancate , qui semanticamente ci prende quasi come in un gioco cronosemantico , a tal punto che davvero leggendo che nel futuro ci sarà il lancio delle Castella stellari (vettori cosmici)  verso la prossima stella(Prossima Alfa Centauri). Sarà come leggere Giulio Verne o Robida, immaginazioni su immaginazioni che prima etere e virtuali domani prenderanno corpo in modo chiaro, perché questo dimostra che il progresso vaticinato dal grande sogno  alberga dentro l’anima dell’umanità e come un Uovo di Leda da cui si schiuderà con la nascita dei Dioscuri(Castore-Polluce).Non è impossibile immaginare che Leonardo facendo riferimento al Grande Cigno – Cecero la cui gloria empirà di fama il mondo !   Toltala maschera questo mito che vede nel Cigno-Zeus nella sua eteromachia – che poi porta alla nascita dei Due Gemelli. Che nel mito complesso parla di Immortalità condivisa-  l’uno con l’altro sei mesi nei Cieli e sei mesi negli Inferi, ascesa e discesa tra i mortali come tra i Celesti, struggente viaggio quindi nei cieli e nei mondi inferi-abissi spaziali? E’ forse questo un altro dei misteri che con il mito e l’arte il grande maestro ha trasmesso abilmente con l’Antropomorfismo  condiviso  tra Animali e Uomini viaggiare- salire velocissimi alle stelle.!

Ledacignoleonardo Sentenze immortali da riflettere: –  E dal monte che tiene il nome del grande uccello piglierà il volo il famoso uccello ch’empierà del mondo di sua grande fama ! O meglio : piglierà il primo volo il grande uccello sopra del dosso del suo magno Cecero et empiendo l’Universo di stupore, empiendo di sua fama tutte le scritture e gloria eterna al nido dove nacque!. E cosa nacque- quindi da tale connubio con Zeus e i suoi neonati tecnoarrennon !Un enigma che di porta a cavalcare l’ippogrifo o i dioscuri abili cavalieri sulla terra ,  nei cieli  e grandi protettori dei  voyagers o semplici naviganti !. Un parto che davvero sollecita la nostra immaginazione, ma sino a che punto dei, uomini semidivini così  popolavano l’orizzonte  tanto terrestre come quello olimpico o celeste che richiedeva le ali del Grande Cigno fonte di fama e di gloria per l’intero universo!.

Annunci

EXAKONTAS & I Sessanta anni dei cicli delle ONDE di KONDRATIEFF.

E X A K O N T A S: Sessanta –  Della Ciclica Caduta del Credito e del Debito entro 60  & 70 anni –  Tutti oggi subiamo senza scampo –The  Damn, la Condanna Capitale 3Otemposul Capitale di ognuno per  il Giudizio, Crisi  mondiale dell’Alto Tasso di interesse e dell’ancora più grave Anatocismo , l’interesse sull’interesse, e l’invenzione della Moratoria , o la remissione dei debiti soprattutto evocando quanto della tradizione biblica avveniva già – ad ogni ciclo di 49-50 anni ,da cui deriva appunto la celebrazione del Giubileo ( il riposo della terra , e la restituzione della libertà dai debiti e dalla prigione )con altre deliberazioni e cancellazioni e come universalmente orato e citato nel Pater Noster milioni di volte al giorno , “ rimetti i nostri debiti come  ai nostri Debitori …Orazione Cristiana  universale  quanto questo rituale da sempre fatto assodato dall’antichità: quello di cui non ci si è resi conto , emerga come un iceberg  o Montagna(Berg in tedesco) di Ghiaccio(Cristallo in greco)  attualmente nomea manifesta un  parallelo che stende il suo Ordito globale di raggelante crisi , da far sorridere (et souris) quanti stolti ironizzano su tali coincidenze che secondo dei  Numbers e Nombres che  si abbinano benissimo a questa ERA –TEMPO che è sempre stata ed era così sino ad Oggi:  una Realtà Matematica , ideata ab antico  e  creata come “ Cura curiale o con una liturgia con tanto di scriba e impiegato o clergyman  “  per una economia in stallo e deflazione , cioè con un mercato fermo e un impoverimento generale, ricorrente ciclo che si manifesta lungo secoli e millenni della nostra storia. Alti e bassi che bene si illustrano poi con dovizia di Curve secondo i maestri che fissano questi andamenti con tabulati e diagrammi inconfutabili.  Il Sistema in sé , è semplicissimo : se esaminiamo una curva standard di Kondratieff, già ampiamente provata e determinata , che ha definito e determinato la crisi del 1929 e quella attuale del 2008 / 2009, e la consideriamo di una ciclicità pari a 60 , “sessanta anni “, il mezzo per evitare , o “saltare “il triste periodo dell’Inverno di Kondratieff, è proprio un Giubileo , o una moratoria ogni 50 anni come consigliato dagli antichi fin dal tempo dei Sumeri .imagesCaduceo

Come da specificazione sulle Onde di Kondratiev (da Wikipedia, l’enciclopedia libera). In campo del globale  Economia, le Onde di Kondratiev (così chiamate Onde di Kondratieff o, più semplicemente, Onde K)rimbalzano anch’esse come uno Tsunami raffigurato con cicli regolari sinusoidali nel moderno mondo economico capitalistico. Lunghi da 50 a 70 anni, i cicli consistono alternativamente di una fase ascendente ed una discendente. Alla fase ascendente corrispondono periodi di crescita veloce e specializzata, mentre alla fase discendente periodi di depressione.
Questo tipo di cicli economici è più evidente nei dati relativi alla produzione internazionale piuttosto che in quelli individuabili nelle singole economie nazionali e riguarda la produzione più che i prezzi. Alcuni economisti dividono le onde di Kondratiev in due “stagioni”, chiamate Autunno di Kondratiev e Inverno di Kondratiev./Kondratieff.

Kondratieff_cycles_long_waves_of_prosperity

la grande Onda ….graficocurvaserpente dall’origine del mondo.

Ma semmai si giungesse a Deleted=Cancellare Tutto(Cuncta in latino TUTTO)  messo in conto sui piatti del Mondo o Tutti i conti bancari cariati o meglio  ”TOSSICI” sino a RESETTARE il Moloch del SISTEMA , giusto calcolato al Computer quando il sistema va in “ Crash” o a picco in fallimento e che potremmo ricominciare con un semplice gesto o colpo geniale , tanto semplice con una digitazione quasi ad occhi chiusi. Troppe cose congegni, apparecchi, oggi sono affidati ad un semplice gesto , i cui effetti non sono poi tanto innocenti ed innocui.   On – Off  da cui dipendono i nostri sistemi e i nostri conti e bancomat. Ma analizziamo quante sono oggi – probabilmente  imputabili le condizioni per nulla (Knulla)misteriose

chiamate Cause  di queste cadute, fiaschi periodici , che non sono tra l’altro governabili perché deducibili secondo individuate le leggi della matematica in campo del Caos , di cui non si sa ancora a sufficienza tempi e determinazioni. Ma si sa , che ad un livello primitivo o molto pragmatico , l’unico modo di vincere ad un gioco che non lo permetterà mai quello di VINCERE, assolutamente ( secondo la teoria dei giochi ,per esempio Tic Tac Toe, o tris, sarebbe il famoso filetto ) è smettere di giocare per non dilapidare  quanto si possiede. ! Oppure lasciarsi prendere da tale vortice mulinello o Black Whole-Hole o Sampo ( Shampoo nordico o macchina ruota della fortuna ….che riserva infine di essere) Autodistruttore  e autorigenerante   secondo gli astrofisici , che non hanno ancora pontificato sul microcosmo siderale umano. Perché prima o poi tutte le cose e l’intero universo finiscono per  tale Legge ciclica . Ma il cosmo ha i suoi Eoni e Miliardi di Anni Luce, i  ritmi umani sono nulla al confronto o forse neanche –  un battito di ciglia effimera.

Eppure qualcosa si muove sotto il Sole che si possono stabilire questi Aritmi Aritmetici Matematici ovvero sequenze numeriche composte da Ciclici o Tempo dei Tempi entro cui misurare lo scorrere singolare degli eventi. Faciloneria umana di pensare di arrivare a calcolare il Tutto. Ma, badate bene , non si tratta di un atto eminentemente senza palle ai pedi, liberale. Ma di un regalo verso tutti indiscriminatamente, ma di una soluzione alla pena come una indulgenza alla penitenza ,tutta in stile “Giudaico Cristiana“ ( con tutto il rispetto)   anche se deriva da quella cultura che dall’inizio dei tempi, ha già colpevolizzato l’umanità con ben altro Fallo, Pene Penitenza e Colpa.  Da quando ancora la Scienza o Conoscenza era rappresentata da l’arboreo albero della Conoscenza,  il singolare Tabù o senso del Proibito fu imposto dal Divino, prima che si giungesse a tale calcolato economico – espediente matematico, ignorato nel primigenio Paradiso Perduto fiabesco e mitologico tanto biblico come sumero !

Ma dopo la svolta e la caduta umana tramandataci da epoche di cui pena la memoria fa acqua con ben altre cadute che hanno marchiato sinistramente,  la varia storia umana . E così che consideriamo i fatti sino all’attuale conoscenza che si ha inevitabilmente dell’economia domestica, bancaria produttiva della nazione Europea che abbiamo patito il Punto Culmine, che è coinciso con l’introduzione dell’euro nel 2000/ 2001. Virus di una pandemia che ha corroso i nostri valori e risparmi e dopo cui sono cominciati i grandi Guai!  Proprio come in un Castello di carte, a partire da una carta piccolissima e distante causa o spinta negativa , che con una progressione geometrica come nel domino, che l’attuale Sistema è barcollato e quindi ha iniziato a crollare ( too big for to fail !).  Segnali precursori a cui nessuno a creduto all’avvento di un nuovo Avventinove :1929 !  Sinché tutto è collimato o peggio  Quadrato dopo quadrato e quadrante (dell’orologio a sessanta ….minuti , ore o anni ) ha messo in soqquadro la Grande Dama Europa ed ha travolto l’intero Mercato ed ogni altra grande Scacchiera con tanto di Castello, Re e Regina e pardon le Grandi Torri ( 2001 , World  Trade  Center , che significa propriamente Centro del Commercio Mondiale I quello effettivamente …Bombé- Tombé & Caduto…inconfutabilmente con le Torri Gemelle ). Il grande Pinnacolo o Vertice o Tetto  del mondo è caduto ….con grande rovina ripercussioni-precipitazione ,azioni-titoli precipitazione  con effetto domino planetare (Vedi D.M. RUINE HNTIERE).

O Mistero di un enigma Misterion magno della profezia che vede questo crollo della torre e di ogni potenza nella sua caduta o precipitazione , del precipitare delle azioni-titoli nel 2008 , ed ora  essere ottimisti , o meglio realisti non possiamo che aspettare problemi onerosi così sino al 2020 , con una fossa, un flesso discendente , un minimo  evidenziato dalla curva in campo e quadrante grafico  discendente da Katabasi o discesa libera erosiva nel 2017 . E se i numeri del percorso non tradiscono, l segnale premonitore è nell’aria Oppure ogni cupo indizio nella storia che sia sposato alla crisi del 1929 a essere uno spauracchio in vista in lungo e largo sul pianeta come nel 1992 e 2009 e incluso il 2029 se tale rosario di spine è sempre emerso a questi numeri – simultanea coincidente al 29 ,dopo l’entrata del 28 Stato(Croazia) nell’Unione Europe, ma dopo cosa  mai avverrà  con l’entrata del XXIX-29 in latino Undatriginta Stato ?. Un’altra Ventinove ??? Una  Suspense legittima. E quello che è peggiore ( Worse , inglese , e fonetica di Orso e pure della vecchia URSS –Russia non salva dalla crisi, che così sinistramente diventa inequivocabile logo in Borsa-Orsa Rebourse !  !) anche bene poi la verifica  lungo la nostra storia del secolo passato ,  che possiamo avere una piena sovrapposizione di accadimenti geopolitici : in questo momento , per chi studia la storia e i suoi ricorsi siamo tra il 1938 e il 1939 ; Esempio dal ”36” durante la  “ Guerra di Spagna” è già accaduto , ancora altro ripetersi allora con ” The Desert Storm 2 “, quanto bolle in pentola con queste equivalenti arre in guerra di contorno o assedio antioccidentale ,graficamente iconografia  tracciata entro la falce lunare  o costellazione di stati fondamentalisti islamici che chiudono come una Mezza Luna ( non a caso )VS all’Europa in una morsa da inizia dalle Colonne  d’Ercole, Gibilterra al  Mar Nero , sino all’arco del presagio vecchio di cinque secoli , che si allarga dal Tago all’India(Afghanistan) complessa SENTENZA  del Vate provenzale in merito, d’essere  così terribilmente esplicito, avviso ! . Sono questi di fatto chiarissimi  Prodromi Precursori o Cinesis di eventi conseguenti , che come onde MUTALALLEB in arabo verranno anche non comprese a dovere  perché  trattandosi  di pelago, mare, Talassa e salassa  mandando a picco un mare di barche e profughi da oltre il Mare Nostrum …(Sturm , tempesta in Tedesco o Storm inglese) pandemia di sempre maggiori e peggiori  sconvolgimenti associati ai gravi problemi politici – economici di quelle aree( Siria, Egitto ect) per cui non parliamo di accadimenti inattesi o grande sorpresa  imprevista o fuori posto , perché basta un alleanza  in una coalizione fondamentalista , altro cemento religioso estremista poi con un ultimo Madhi messianico sotto i cieli di oriente ?. Senza mai trascurare quanto di tragico sempre si accompagna  …inevitabilmente con ogni propaganda di qua e di là del pianeta o003gni altra al vento o futura bandiera o icona vista la iconografia della  lussuosa e pittoresca Babilonia, da grande Donna Scarlatta o donna seduta sul groppa del Dragone Orientale , da essere sempre lo stereotipo apocalittico che entra sula scena ad ogni guerra in Medio Oriente, da far resuscitare il remoto scenario apocalittico semmai sarà  armata nientemeno che della bomba atomica ! Fatale visione che non manca tra le pagine bibliche. Perché non  è ignorata e dipinta con la sua  colonna di fuoco distruttrice, da cui tutti sono avvisati di allontanarsi a tempo : semmai la follia umana sfocerà nell’ultima Armagheddon …che ha lo stomaco pronto a macinare come sempre le moltitudini ubriacate dai fanatici slogans dei maestri e duci sotto la Mezzaluna.

George, Santayana , un famoso Filosofo disse “ …chi dimentica la propria storia , finisce col ripeterla “ speriamo di non confermarlo .E a cosa è servita , o a cosa servirà la guerra : ma a distruggere gente e beni , e a portare ad una situazione in cui per causa di forza maggiore tutti i debiti vengono ridotti o cancellati , in cui si stampa moneta senza risparmio , e l’economia di guerra per vincere prenderà una straordinaria accelerazione perché la gente invece di pensare ai mutui e ai rimborsi cercherà di non farsi sparare addosso, e ad evitare che i figli partano per il fronte ,  in genere alla moneta corrente vengono cancellati come minimo tre zeri (per caso nulla evoca o ricorda qualcosa come il 2001?)Ma nessuno vi fa caso ?Sarebbe più pratico perdere quello che comunque si perderà senza passare necessariamente per la formalità della cronica pandemia alimentata da Marte ….con la Guerra ! In fondo cinicamente considerata il Caterpillar inevitabile che come una pietra o mulino passerà sopra queste civiltà e metropoli, escamotage sterminatore bene raffigurato come macchina bellica o scorpione mortale. Meglio non poteva questa pagina del futuro metter in primo piano tale macchina di morte ,di certo alimentata dalla solita benzina ,causa prima di tale problema energetico, da boia che impicca il mondo.   Perché c’è forse un’altra chance ? Quella di spegnere il motore che fa girare il l’economia del mondo ? Salvo che in estremo il genio umano non abbia una carta segreta o la soluzione per girare  il mondo con una nuova fonte di energia. Qui sta tutta la Speranza e il Sogno della futura umanità, costruire delle ali che sposteranno milioni di persone oltre la curva di ogni tempo, crisi e tribolazione globale. Robby Martinero & Merry Musa ispiratrice

***************************************************************************************

Le TRACCE DEL SOLE – Miti e Orizzonti – Conferenza – INTERVENGONO :

Conferenza   22 Luglio 2013 ore 15.30- Milano loenardoteam – Al Museo della Scienza e della Tecnica Leonardo da Vinci (Sant’Ambrogio metropolitana) in contemporanea alla Galleria – Mostra delle Opere di Stefano Marangon –   Correlatore Renucio Boscolo e Fortunato D’Amico.

INCONTRO CON L’ESEGETA DI NOSTRADAMUS

FUTURAMA-FONDAZIONE AGNELLI

  • Tutti siamo testimoni dei nostri tempi, ma esiste un patrimonio a cui ognuno può  attingere sfogliando le pagine della Musa della Storia e della Gloria dei nostri antenati e della progenie remota che ha fatto fiorire la civiltà con nuovo impulso soprattutto PROPRIO – quando avviene una Grande Crisi, che gli spiriti concepiscono le soluzioni idonee TECNOLOGICHE AVANGUARDISTICHE spesso derise o rifiutate ma invece utili  a superare tale Muro di divisioni etiche e morali e scientifiche quelle essenziali a muovere il Passo verso una Nuova Frontiera o Orizzonte , che sconfessi tutti gli scetticismi alimentati da quanti si conformano alle mode ed al mondo…perché ottusi ed hanno paura di cambiare e deridono i grandi Sogni, quelli che fanno fare il grande balzo come quello verso nuovi Mondi e le Stelle….e come sempre si scopre dopo che   
  • SOLO GLI SPIRITI DELL’ARTE
  • SONO I PRIMI PRECURSORI,
  • DA SEMPRE ! 
  • ****************************************************************************************

Dalla terra dei Faraoni -Mubarak / Mandela all’Egitto, verificate quanto fu Scritto !

Eros-roseA volte alcuni Pensieri non sono solo così lungimiranti ed illuminanti che  non si possono altrimenti scordare o lasciare poi dimenticati e sepolti, in quanto hanno una loro segreta ” sub Rosae ” (lo dicevano i latini) Vis…forza da essere così risorti o meglio alla coscienza stessa acquisire prova o meglio si dice bene – che la Verità viene sempre a galla ! Bene così constatiamo quanto nomi di persone e luoghi bene sotto il naso di tutti e in un grande contesto mondiale , dimostrano quanta superficialità è ossidata nonostante che varie  anticipazione e scenari , datati da decenni si rivelino poi veritieri ed eclatanti. Carta Canta-  da Nostradamus – l’Enigma Risolto (1988)pagine 308-309-3010-3011 ect.    Eccoci alla quartina  5-96 quella che appunto dagli anni Ottanta oltremodo complessa da coinvolgere pure sino allora sconosciuto  Centro del Mondo (The World Centre !!) e – che ha dato filo da torcere ai molti pseudo interpreti del babilonico mondo editoriale – ignoranti dei suoi vasti contenuti globali, quelli  che avevamo già  sviscerati bene anzitempo e che collimano perfettamente con gli scenari dei grandi eventi storici di città, nazioni e popoli. Ora parliamo del presente evitando di ripeterci sugli eventi del passato, già ben noti’. Qui – nell’indagine del Centro Metropolita (mondo) non veniva escluso un altro riferimento geografico noto e mitico !

Sur le Milieu du Monde la Rose (Rodos/Rodesia)

                            Pour nouveaux faicts sang public espandu.

                                         A dire vray aura…la bouche close..  .

(la quarta riga ha dei risvolti che lasciamo ipotizzare data la possibile coincidenza di chi nel tempio scaccia i mercanti ? Scritto sin dal 1972! Che alcuno  ancora non ha inteso la sorprendente coincidenza nel Cuore della Chiesa ? Intanto quanto ipotizzato ha  conferma : )  Al Bisogno tardi verrà l’Atteso ! Chi è dunque ?

La Piramide di Cheope(Chufu) risulta posta secondo molti esperi egittologi al Centro del Mondo, questo nel testo pubblicato ” Informa”(1978) Das Damlige Zentrum der Welt Agypten-  veniva quindi incluso in tale minaccia-violenza anche il CAIRO !(oltre confermare con l’attacco contro…Rais egiziano ).  Ogni mistero possibile veniva indagato  Sub Rosae(in latino) in segreto – quanto segreto !pendeva sulla  Testa, sul Vertice (testa, caput Rais in arabo) Cranio (Skulll, ghiandola pineale) ora avviene secondo gli antichi ogni speculazione dell’anima o funzione del Terzo Occhio- che deve portare all’Illuminazione  =  se letto allora come Rousana –  in persiano ! Siamo sempre sopra le Monde de la Lune  et Rose ( in persiano  Gul… Gulistan il Giardino delle Rose !) Davvero da un estremo all’altro dove ci porta questo filo della Rosa-Rosario di una geografia che va da un capo9 all’altro dell’Africa intera e non solo(Rodesia…Eg0itto ect.)l

Perciò la quartina 5-96 Sopra il Centro del grande MondoMonde la Rosa –così inclusa (dal greco) Rodos, Rodesia, già allora  specificata nelle pagine dell’ esegesi da decenni come altre nazioni con nomea affinità della Rosa(Gedrosia Gerosa  = Afghanistan. Casa Rosada …ect) ricordate le stragi e le lotte razziali  ?Quindi bene evidenziato e spesso ripetuto e riportato che il logos ” ROSA ” in sanscrito sta per L’Ira, la rabbia, la Violenza ! E che altro ancora dovrei oltre dire che non sia vero ! Dopo tale Probasti(latino) avvenuta prova e dimostrazione in Piazza San Pietro ( 13 maggio 1981) E cosa a questo rosario di siti e popoli siano stati tutti così compresi in questa fioritura violenta sanguinaria – Tale è stata la Violenza che poi si sarebbe nel tempo allargata macchia d’olio sino alla grande Rosya (la Russia)Golpe a Mosca dell’agosto  1991 ! Scenario grandemente dettagliato  nei mie vari testi – E quanto altro ancora in queste pagine era già tutto descritto. Poi in questi giorni il secondo verso-  Pour nouveaux  faicts sang  public espandu  a dire vray aura … Quanto scrivemmo allora : Queste righe sono state la fonte poetica della maggior constatazione del metodo Cronosemantico, cioè l’applicazione delle fonetiche universali(detto e fatto in anticipo sui Tempi come in questo testo si ha conferma inconfutabile ).  Come fu infatti così scritto : senza escamotage o paraocchi  che =

 Sopra il Centro del Mondo, del grande Mondo(Mond in tedesco LUNA) della Mezzaluna il rovescio(to pour) versare eversione di eventi sanguinari coinvolgenti forze pubbliche e pubblico (gente-folle)di cui è versato abbondante sangue (Dam in arabo Dams Damasco !).

Se non è questa una ferra constatazione , prova dimostrazione , ma dura da recepire da quanti scettici poi ostinatamente continuano ad ogni evento e collimazione  di questo chiaro metodo di esegesi(tipo quello che nel 2004 ha portato a indicare Bergoglio, il Sommo Solare Pontefice Gesuita così in anticipo su tutti !-  Vedi il file in sito documenti inconfutabili) .a rinnegare che questa eclatante profezia ! Mas le parole scritte restano – quindi eccoci quindi bene a citare a proposito dal latino PROBASTI quale immagine Simbolografica che parla più di ogni altra parola alla Luce del SOLE (nel Castello di Masino)!. verde-avanti_0001

Dunque questo è il nostro Rosario dei nomi cronosemanticamente  illuminanti la strada ,il corso degli eventi futuri e quelli ancora da venire alla Luce, sorgere  (Rouse in inglese participio passato del verbo sorgere) sorto, e risorto(come il sole stesso)asceso come appunto accade  nel Rouse to violence –  sollevarsi della Rose-Violenza . Che basta rileggere  tutte le pagine dell’Enigma Risolto da 307 alla 311 quanto era esposto e che ora posso bene  affermare “ PROBASTI “ si è dimostrato ! Prove su Prove – dimostrazioni  a cui non si può essere indifferenti e ciechi. Quale altre Prove si vogliano pretendere ? Ora che per NOUVEAUX NUOVI ennesimi (nouve-neuf )Fatti  sanguinari ormai al limite dello scandalo  pourne- porneia  o pudore- stupore  imbarazzante in campo per urne- feretri esibiti del numero dei morti degli opposti fanatismi poiché Sangue  pubblico è versato !Poi dire Rosa equivale in latino ad evocare il fiore dei Morti e dei Lutti, per dire in verità quello che avviene sulla scena del mondo . Proprio mentre il Grande Mandela ROSA-BARA(in giapponese) in concomitanza ora è l’evento sopra il grande mondo.  E si tace come si censura sino a tappare la bocca ? Chiudere  la bocca ….a chi dice il Vero ?- Invece strombazzano i soliti millantatori che prevaricano quanto ha scritto il Nostro, perché conosciamo bene le troppe pagine sull’avvento del fanatismo Islamico Maomettano ed Anticristiano che ci minaccia sulle rive del Mediterraneo.

islamaomettanico

ROSE hanno le SPINE per cui è naturale e facile pungersi. Le scene della storia dispiegate così dopo averle  tratte dal Sub Rosae(in segreto) decodificate da tali righe, meditate, forse troppo ostiche ma mai abbastanza  considerate come scabrose ostriche che celano invece la Perla- la Papatya o la Margerita(in latino) che non bisogna gettare ai porci. Ovvero per cadere nelle mani di insensati qualsiasi che per questo la natura si tutela e le Rose hanno le spine allo scopo ,per cui bisogna salvaguardarci e diversamente invece cogliere , come facevano i Rosacroce del passato, da ogni fiore( la Rosa = Flos Florem ) il nettare da mutarsi  nel futuro entro l’arnia , da cibo per l’Ape Regina che la tramuterà in Miele (Ambrosia, Hamsa, Conoscenza). Nel mondo della Rosa o Rosh, Rush Rais = CAPUT – Teste o Rais da cogliere e da pungere che  restano ancora sospese al filo di un destino Caino seminatore di Irosa, irata rabbiosa violenza, (Rosa in arabo e ebraico WARDA) il fiore dai petali mortali dopo,” l’Ira che infinite morti adusse “ sino all’inaridire  vite e quanti campi, quadranti e rosa dei venti ,orizzonti di nazioni, genti il cui appellativo sarà così legato al Nome della Rosa, rosario e romanzo della nostra generazione all’ombra dell’Arbore , perché ancora di nuovo esiste un’altra profezia dell’Albore della Rosa che fiorirà sule Rive dell’Acquario  padano ? Ma questa è un’altra storia  che non mancheremo di spiegare iscritta nell’Arco del Portale del grande Tempio  di Nostra Signora –Nostre Dame !  Che i credenti ancora non sanno leggere o spiegare o distinguere da Nostre Dame et Nostre Damus ! ***************************************************************************************

Immagini illustrazioni.

L’HYPNEROTOMACHIA & la soluzione dell’enigma onirico = Giulietta e Romeo=Polia e Poliphilo prima di Shakespeare !

oniro

La soluzione dell’enigma onirico ?Poliphili e Polia o Giulietta e Romeo

da tragedia ante litteram prima di SHAKESPEARE ?

carrodelsole_0004Sono cose del tempo passato , non  tra loro separate, come entro il Cerchio della RotaErotomachia che rigira nella mente con memorie che si animano come fossero brividi magnetici o correnti invisibili che diventano una cosa sola come la Cifra tonda dello Zero che al punto giusto si tramuta infine in una grande SOMMA o SOMMEIL  – e  così come qui Vi racconto , da quando Ero(s) ancora un apprendista topo da biblioteca in erba , infatuato dal mistero ad opera della penna di abilissimi scrittori  che trattavano l’arcaico e l’insolito di ogni scritto passato , e che avevano il merito di incatenarmi ai loro Filiorum bibliorum (libri) o meglio nutrirmi dei loro testi composti narrativi, quali labirinti  escogitati secondo il linguaggio vario dovuto alle epoche , perché il linguaggio si è evoluto e mutato come la pelle di un serpente ha subito delle metamorfosi dai tempi di Leonardo e di Boccaccio ed ancora più indietro – en arriere- barriere di a volte essere  questi linguaggi sono bastioni e Mura da superare,  come in  The Rats and the Wall, scritto del celebre H.P.LOVECRAFT  ammiratore  dell’oscuro e deleterio NECRONOMICON riemerso e concepito dalla mente di chi ha di fatto a mano(Craft)scritto da solitario ipercreatore di dimensioni e mondi arcaici, nei suoi sogni popolati da divinità cosmiche . Creatore acceso da quell’orgone dell’Eroscuro dell’immaginario motore dell’Amore (the Love) e dell’ardore più oscuro(nero)della struggente passione per i segreti intraducibili sepolti ad arte lungo ogni secolo, come non sono mancati i Fedeli d’Amore di Dante e le sue terzine fonte di teorie storiche non meno sino all’Arte letteraria del Manzoni o Didascalion, da Dottrina scolastica, quella che abbiamo appreso per la sua abilità descrittiva Soluta Oratione, che spesso ci hanno fatto imparare a memoria.. E tutto quanto altro sia stato così  sino all’attuale oggigiorno, ogni opera eccelsa tanto  magnificata nella grande Vogue e Saga del magico e del fantastico, della grande babilonia letteraria di questa fine ed inizio millennio, ma orfano  dell’incanto e del fascino dell’Amore, del Cuore e dell’Eros venturoso.  Ogni autore ha le sue chiare differenze, chi la brevità, sintesi o capacità evocative e abili circonvoluzioni che con gironi infernali o naif o paradisiaci , così catturano il lettore nella geniale narrazione , o meglio quello che con limpide o oscure righe, in verità sono gli aghi di un filo da pesca o  di un ricamo che aggancia dentro la trama , al confine del reale e la vivida immaginaria ed animazione che ti si compone nella visione mentale e che man mano si allarga prendendo posto tra i meandri dei miei miliardi di neuroni che lavorano a mia insaputa , per un incanto magico  e senza chiuder gli occhi , dentro la somma testa (Caput Rosae) che ha le sue radici fitte nel Cuore. Ricordando, quindi l’Immortale sentenza  che l’AMORE tutto VINCE  come l’Eros trionfante qui protagonista assoluto tanto nel disegno per molte pagine contenute nell’HYPNEROTOMACHIA. Testo di Aldo Manuzio, stampata a Venezia nel 1499( scritto nel 1478)ad opera di Francesco Colonna romano . Storia di un Sogno , che non cede il passo al Carro del Sole, al risveglio a all’Alba che frantuma in mille puzzle tutti  i simboli creati nel cuore della notte, iscritti in questo romanzo o foresta fanta erotica, ante litteram di Poliphilo e Polia ! Che avrà per altro grande romanziere l’ulteriore capolavoro Giulietta e Romeo. Storia di due Amanti e le loro peripezie costellate da scenografie che a molti hanno fatto perdere il filo della matasonirismosa e trama dell’Opera. Eccoci alle intime sconfinate Visioni Erotiche che galleggiano come nel flusso di un fiume in piena, che pompa l’immaginazione fulminea ed impalpabile,  al Cerebro imbevuto e divenuto spettatore di uno smisurato Odeon o  Anfiteatro  mentre ognuno sta tranquillamente seduto a divorare con gli occhi, pagine su pagine sfogliando ritualmente con la mano, il testo. Questo è l’essere preso dalla trance , tra le braccia invisibili di una forza motore …misteriosa, che riesce ad evadere dal mondo abituale, ordinario  con il tessere un’alcova o meglio il bozzolo del baco da seta, entro cui secondo i miti greci l’Anima, la Psiche, la Farfalla, Nabi – Nebo (in giapponese) strasognare e sprofondare  all’improvviso così  avvolti dalla correnti fluide della passione o dalla Fame di sapere , che sovente , questa Fame acceca il buon senso e scatena intimamente , la frenetica curiosità di volare via e metter le Ali all’Eros, figlio di Venere , dea del Cuore ed dell’Amore , sublimato dal motore che cova in ogni anima o spirito- mente umana. E così che dentro ognuno c’è questo mistero di un poltergeist paragonabile – alla tigre nel motore  o motore del cuore da leone –  che ritma e macina i suoi chilometri di meandri , sentieri, vie ,strade lungo il filo o la linea che appartiene  all’infinito. Dove mai ci porta la mente quando è così alimentata dalla più vivida immaginazione  attivata dal creatore assente o fuori campo e senza tempo , che  ci sposa con i gli elaborati passi, righe, sentieri intreccianti la trama …le ramage(rami o arbusti ) del suo incanto narrativo in cui si entra come un nebuloso bosco incantato o perso sognante tra rovine antichissime o architetture di altri mondi e tempi. Altro che topo da biblioteca ….o penetrato nella grotta di mago Merlino  o nelle  viscere di una miniera tempestata di diamanti…   che sarebbero scomparsi, volatizzati appena , mi sarei ridestato dall’infatuazione onirica o dimensione  irrazionale che cattura ogni lettore così preso, stregato ed avvolto dal trasognante linguaggio e nostalgia di cose perdute che prendono vita con questo modo strano e poetico che riesce a far “vedere ” quasi in un modo medianico.  Chi, è ormai dentro questo labirinto inseguendo il filo non della tela del ragno, ma della trama d’Aracnide  nel mitico dedalo o labirinto di Minosse, per non perdersi con il senno.   Ma Io mai mi sono sentito un topo in trappola  o osservato da irreali incubi felini dalle mille facce tra gironi infernali danteschi , o celeste di altro noto profeta antidiluviano ,stregato dalle immagini che dal Nulla  si manifestavano nella Mente…in quell’onirico abbandono , imbevuto dopo queste letture. E come solitamente si mettono in moto da sole, le intuizioni o ispirazioni inattese ,dopo appena memorizzato da una pagina del libro, accattivante  o oscuro come deludente, mentre avanti a più non posso…di inoltrami nelle altre pagine , Ma non tutti libri sono leggibili di un fiato. O capita come ai Topi davanti al Muro The Rats in the Wall  è interessante  qui bene distinguere,  chi divora – legge la carta secca e inaridita come fanno i topi , a differenza di chi sa in altro modo  cannibalizzare ,fagocitare nella sua mente la storia che trasuda evocata in questo teatro irreale , o meglio soprannaturale  , con il suo filo avvincente come un braccio d’amante , da attivamente infondere mistero e paura e suspense, solo nei migliori racconti, scatenando interiori reminiscenze sepolte senza ordine di tempo, al cui confronto sbiadisce ogni teoria ,se  quanto scritto prende forma a tal punto che si innestano processi mentali che spalancano suggestioni ed Orizzonti e Rivelazioni !. Che ognuno soggettivamente accaparra gelosamente nella mia anima. Quindi eccoci alle scoperte o all’Eureka  prima inimmaginabile che sfocia nell’illuminazione ,il fiume in piena che disseta la curiosità o come acqua di fuoco accende che le ceneri in braci roventi, nell’alchemico  crogiolo sede  e dicono il cuore, al nocciolo per nuove fusioni e profusioni o combinazione della lega o collegamenti di idee-memorie  , schema o scheletro del nuovo metallo  alimentato dalla nuova vena d’oro? Ovvero esistono ancora questi  testi? Pagine con arcani che si rivelano essere una miniera, solo per chi abbia l’esperienza ,strumenti e grande memoria degli elementi con cui fondere  ed unire e cesellare da Orafo così abbinando  il fantastico con la storia reale che trasforma la lettura in una mappa colma di indizi che guidano al tesoro. Comunque questo capiterà ,solo per chi abbia i Numeri o la scienza dei numeri e le cifre usate come Parole dalla  Mate (matica  )fisica e Metafisica. Ci sarà un motivo, quello più semplice ricordando che – dal tempo di Shakespeare  a Rabelais sino al Baldassare Castiglioni, molti hanno cercato di spezzare il Codice di questo eclettico  composto di illustrazioni fantasiose ed archeologiche , da far invida a Polidoro  sino a Leonardo, geni illustri quindi che si sono cimentati, manco solo Pietro Bembo , o forse ha lasciato  un incompiuto ? Carpeoro Giovanni Francesco, il  noto autore di condivise scienze mi ha sollecitato da alcuni anni , a studiare l’Hypnerotomachia, foresta fittissima di simboli ed allegorie rimasta ancora foresta vergine. Ma ignorava che l’intero testo era già da tempo memorizzato nel mio computer non per essere delete o posto nel deleterio dimenticatoio, bensì apparso per le sue implicazioni con i geroglifici egizi che erano materia già investigata derivata dal testo ,l’altro rompicapo o paradosso dei Geroglifici di Horapollos  – esposto  con una sua propria chiave di Letture dal Nostro Michel Nostradamus. E di cui ho già fatto un excursus pubblicato su HERA. Così opportunamente evidenziando quali singolari geroglifici nel testo già risultano spiegati esattamente quanto poi fece dopo secoli, il genio di Champollion, a cui va l’onore di avere risolto la decifrazione di questo grande dilemma cominciando dai nomi dentro le Cartuches dei Faraoni e grazie a papiri ritrovati e tradotti tante storie dell’antico Egitto.  E quanto altro ancora e disseminato in queste pagine con un italiano frammischiato al latino e dialetto o argo poetico.  E non senza citare varie fonti o trascurare le opinioni e gli interrogativi che romanzieri e studiosi hanno proposto  analizzando il grande anfiteatro degli scenari ONEIROI descritti a piene mani nell’Hypnerotomachia. Mai giunti alla scoperta che ha in altri romanzi sempre in primo piano gli Amanti sin dal Romanzo della Rosa. Perché questo è avvenuto che basta constatare ,quindi che di fatto quanti – non hanno mai diligentemente esaminato il testo sino in ultimo. Perché la soluzione ha così due facce della stessa medaglia, e di medaglioni, monete ed iscrizione questo testo abbonda tanto di epigrafe latine, greche, ebraiche ,arabe ect… per chi voglia cimentarsi su lapidi tombali e Diis Manibus poste a ricordo di figure amabili, amanti ed eroi dell’antichità latino-romana. Una celebrazione che diventa la fitta trama entro una foresta immaginaria ove avvengono stragi  truculente intorno cui eccoci alla vicenda  chiave , quella piaciuta a Shakespear , sollevato il velo dei sogni e dell’immaginazione che bene possiamo affermare che nell’HYPNEROTOMACHIA, tutta la storia ha i due amanti Polia e Poliphilo coinvolti da vicissitudini che al rovescio sono Romeo e Giulietta, inseriti non a Verona ma TREVISI(Treviso) tutto in una dimensione storico arcaica tra lapidi commemorative, santuari ,rovine,  sacerdotesse, grandi dee e madri, stuolo di  ninfe e divinità pagane  celesti  con cui si incrociano tra fastosi rituali, celebrazioni descritte con grande opulenza scenografica e a volte tragica, atroce  che nel suo tempo  non Giulietta perire, bensì l’amante struggente Poliphilo, morire  e Giulietta-Polia invece piangerlo lacrimevolmente  posto disteso dentro il tempio di Diana. Ma la storia non si compie con la scomparsa e struggente dolore di Polia, perché ella abbraccia il corpo di Poliphilo e lo riscalda con la forza dell’Amore, quell’Amor che tutto vince !  Risuscita  così Polifilo e la storia ha il suo lieto fine onirico a tal punto da essere assunti alla presenza degli Dei Celesti…degno coronamento o meglio gloria di tali AMANTI.  Poi all’alba con il Sole Trionfante il sogno spettacolare ha fine, e la coscienza deve far i conti con la realtà quotidiana.

Lungo questo filone ed i suoi protagonisti Amanti, l’architettura abbonda di ogni citazioni e riferimenti ai miti e divinità remote di ogni civiltà allora al centro della curiosità(Greci, arabi, egizi, indiani, ebrei, persiani, etruschi ect.)Un excursus o labirinto silvano o forestale nemorensi  tanto oscuro e complesso che ha messo da secoli – a dura prova ogni intelligente memoria e ricostruzione di enigmi che ancora giacciono sepolti tra le pieghe del Tempo. Salvo chi non tema di penetrare gli inferi profondi della psiche umana  e i suoi sogni in ogni tempo.  –   Perché sebbene altri ci hanno preceduto anche nei sogni, nei grandi sogni e con visioni  il cui senso  di molte cose è sepolto nel mistero del cuore. Avete dei dubbi o perplessità ? Lo dice anche  Gibran nel suo I Segreti del Cuore. ! O dei Sogni — Meraviglioso spirito che ti libri nel mio sogno. Hai risvegliato in me una pienezza ch’era sopita, come un seme fecondo nascosto  sotto la coltre di neve, mi hai  sfiorato come un’allegra brezza che porta al mio avido io il profumo dei fiori dei cielo, hai toccato i miei sensi, agitandoli e facendoli fremere come le foglie d’un albero. Lasciami veder ora se sei umano, oppure ordina al sonno di chiudermi gli occhi in modo ch’io possa vedere dentro di Me, la tua immensità. Lasciati toccare, lasciami ascoltare la tua voce. Strappa il velo che nasconde ogni mio intento e distruggi questo muro che nasconde la mia divinità, alla mia vista che si illumina e mettimi due ali affinché io possa colare sino a te fino alle Sale  del Sommo Universo ed infine riponi la tua mano sul mio cuore e incatenami a Te.- Chi sei tu che stai tanto vicino al mio cuore, ma lontano dal mio sguardo che non riesce mai ad incontrarti ? Che ti frapponi come un grande muro tra me e il mio vero io, che leghi il presente al mio passato dimenticato, sepolto così a fondo nell’anima ? Come chiamarti ? Come essere certi che hai udito la mia invocazione ? Chi sei venuto dall’eternità per mostrarmi la vanità della Vita e la debolezza dell’Umanità cieca che non crede nel tuo Essere Presente ! .Follia inquieta e tormentata incredulità che non ragiona e deduce sulle cause di questa esistenza. Dell’essere e del sognare  che fanno ponte per affrontare i misteri segreti nel cuore dell’Universo. Guadando  un altro cielo ,quello infero della nostra anima nel suo vagare onirico senza longitudine ed altitudine di questi campi fantastici che si aprono le porte ad ogni socchiudere degli Occhi ” –

uraniaPolus  Superior, Polia Poliphili ? Estremi amanti sino alla Morte e Risurrezione, all’ opposto di ogni altro mortale fine, che in ogni tragedia  conosciamo. Invece qui nel SOGNO gli amanti superano la morte ed hanno Vita, il lieto fine. Allora qual’ è la Morale ?

Ebbene – oggi – Chi ? Come un profeta che mediti le stelle attendendo da eoni o secoli la Discesa agli Inferi e la Rivelazione dai Cieli che di certo nella notte si animano e si rispecchiamo nell’anima vergine, rocca o cristallo della luce incontaminata così da ogni menzogna ,o macchia grande come Giove, che una certa scienza fa passare come Verità Astrofisica per nulla Celeste . E chi riuscirà allora a distinguere questo se falsa teoria o  la Verità semmai sia stato predetto, che solo dai frutti dell’albero – si distinguerà quello Vero dal Falso profeta e Maestro o Messia . Ma perciò, non bastano secondi, immagini e ricordi , notti e giorni, riflessioni e analisi , quel silenzio interiore  che richiede concentrazione nel chiuder gli occhi al mondo per  sognare con l’amato fantasma , ovvero tra le Braccia di Morfeo. Tutto naturale e fisiologico, senza alcun peso sullo stomaco, altrimenti i sogni son o fallaci, lo insegna il più antico maestro dell’interpretazione dei sogni: Polidoro…e la strana parentela anche con la Battaglia d’amore di Polifilo in sogno  ?  Un libro avvolto dai misteri che richiede un Guerriero (Omackus & Omarckus  in greco) più che battagliero,  che non potrà abbassare la testa altrimenti perde di vista l’orizzonte dei suoi Sogni.

Mettete in conto in questo racconto – dal fantastico  Carro del Trionfo dell’Eros  Guerriero o Settima Carta del Tarocco, Tariq= la Via in arabo  (riconducibile al più antico Carro Navalis :  la cui storia poi oltre spiegheremo  sino al ciclico popolare Carnevale) o Carosello del Colonna , ora bisognoso delle interpretazioni che apre i giochi festanti ,olimpici sia di Venere come di Marte e le folle festanti di Ninfe o Haide taurine , intrecciandosi non simbologie, raffigurazioni di satiri e centauri , unicorni ,felini, tori che tirano il carro . Domina mascherato come in un carnevale trionfante, il Principe dell’amore bucolico o caprino nell’intrigante foresta ( o pantheon di simbologie sofisticate)che celano mortali insidie, truculente  ed “innominabili” sino a cercare di uscire allo scoperto, fuori da ogni ombra ambigua, nel cercare cosa quante siano le bestie o allegorie animali viventi , prese dallo stampo classico del mito boschivo  con le sue ramificazioni e metafore – simbologie usate nell’impianto degli edifici e templi evocati, descritti  nell’intero racconto….di onirica galleria. Incluse tutte le bizzarrie del destino messe in moto, che all’improvviso ci fanno fremere come al battito del Cuore…le molteplici suggestioni dove tutto secondo  gli antichi si incarnano i misteri di Venere e dell’Eros e di Marte nei sentimenti, nelle memorie, nelle vendette e nelle passioni violente  e ribelli. Tutto perché appena svegli o post sonno, si perda o si dimentica, secondo natura, accade che a volte, invece misteriosamente il Sogno continua  come in Polifilonirico racconto , dopo notti e come chi  ora rileggendo queste pagine dopo pagine.  Ci vuole un’esperienza vissuta o diretta per capire. Perché lasciata la pagina poi ripresa ad altra ora o giorno, la trama continua e le idee si sommano nonostante  i misteri della vita e della morte o della notte, dell’alba e del tramonto, hanno sempre fiato altre ipotesi che si sommano come note di una melodia o armonia  tra il fantastico ed il reale. Questo è davvero il grande motore  dalla notte al giorno o  l’HYPNEROTOMACHIA ,il crogiolo oscuro, nero, roto o sfera dell’enigma da spezzare, dividere  (tomachia),lottare e combattere con  la lama tagliente si filo ora  dell’intelligenza del cerebro MOTORE(Erotom)dell’Eros e del Cuore ! –

Questa è la grande sfida-lotta per spezzare l’arcano  con l’essere the Brokeman,  Chi spezza il Codice mascherato dai miti nell’Erotomachia e senza infoltire pali e frasche o aggiungere ombre per quanti  ancora strisciano senza meta  e non sono certi Lydia la tessitrice che Minerva a mutato in Arakne  o Ragno sulle pareti  annerite dal tempo , in biblioteche o remoti claustri e chiostri, nutrendosi di libri morti che macinano , riducendoli in polvere e farina impalpabile con cui vorrebbero farne dei pani o impastare delle Ostie stantie falsamente santificate , suggestionati di  potere fagocitare,  tutto il contenuto di questi libri,  scambiando la bocca e lo  stomaco per una latrina o forse facendo harakiri volontari del suicidio annichilitore. Cupi maestri settarici,  che sfornano milioni di copie con titoli altisonanti che hanno eco in tutto il mondo , ma  che poi finiscono nel dimenticatoio sterili e inutili, perché non innestano alcuna rivelazione , ma solo croniche ripetizioni e rimaneggiamenti di fanatiche storie .  Costoro non hanno di certo faticato molto a vendere fumo sostenuti dalla grande macchina o motore che accende tutt’altra passione ed eros ,macabro e necrofilo.  Altri all’exploit del filone,    amano copiare e plagiare , perché nulla di nuovo c’è sotto il Sole ,perché questo avveniva già ai Tempi del Grande Marone, Virgilio. Nulla dei nuovo sotto il Sommo Sole !  Ma all’opposto di tale orchestra editoriale esistono  millenari solitari, quei  singolari topi da biblioteca in cerca di formaggio stagionato, quello del latte cristallizzato nei secoli, galattico quanto quello che ha nutrito  Giove bambino.  Ma c’è cibo e cibo , Grand Soupe( in latino Jus Juris…Giudizio)ed Astronomia e Gastronomia  da cum siderare  per bene tramutare la disperazione e l’attesa in VIRTUS  opposta alla VOLUPTAS  (il Vizio, il Lupo perde il Pelo non il Vizio, Lupo = Wolf  Volupas ? Lupei = Afflizione in greco o  Ph / F ! ) come chi invece sta dietro le quinte e virtuosamente mina, scava a fondo.  Colui – che  in realtà così giunge  a sfiorare il rischio, sia andando contro corrente alla cerca e decifrazione di questi testi, antichi e polverosi e malignamente insidiosi e velenosi.  Quando così smuovendo  l’impalpabile sottilissimo e invisibile strato che ha ogni pagina sopra ossidato una patina dovuta al tempo ed al microcosmo velenoso non calcolato .  Questo capita solo a chi spende il suo tempo o chiunque così sia dedito a tali consulti di testi antichi –  senza le dovute precauzioni ,incappando così in misteriosi ossidi dovuti anche agli inchiostri da stampa . Questo è il bello e misterioso invisibile killer sta in agguato , quasi come un giallo tra i più famosi , perché si  dice che certi libri antichi siano stati imbevuti di sconosciuti poisons –veleni per tale micidiale scopo. Di fatto non è strano imbattersi nell’immancabile insidia, che al minimo che succederà allo sprovveduto, me compreso, succederà maldestramente , come se  nulla fosse accaduto ,invece il corso è inevitabile anche solo dopo ore o giorni, la miscela o ossidi impalpabili, venuti a contatto della pelle  con il tatto che si scatena così la reazione chimica. Le dite che hanno sfiorato quelle pagine ingiallite , la pelle che assorbe gli umori velenosi così rivitalizzati ad opera della incosciente manuale  esposizione e abitudine di portare le dita alle labbra, per umettare dall’angolo delle pagine. Incosciente pericolo o maledizione per gli inavveduti. E c’è chi la paga cara. L’ho pagata carissima in prima persona. E’ tutto vero, perché sono io il primo a doverlo raccontare ed evocare, quanto segnato sulla mia pelle…(Je) Ma Pelle ? Inevitabile pulce nell‘orecchio che mi obbliga a fare i conti con la famosa epigrafe D. M. La Lezione dolorosa in cui incappa , chi consulta testi tanto vecchi e polverosi e sprovveduto. Preso dalla foga che dimentica di mettere i guanti ,anche se non manca il preavviso che viene spesso da un tanfo asciutto e nauseante di cacao dolciastro…che incarna allora l’infero Mefisto.   Questo dunque capita , ma non si parte sempre così, mica si diventa bibliofili d’un colpo così esposti ai cechi pericoli ! Abbiamo il vizio di andare in giro…sempre alla Cerca di Libri, remoti, morti e  mummificati da secoli, che non è certo una cosa comune a tutti.  Bisogna avere un motivo  tale pulsione a cercarli, aver la bussola a scovarli, barattarli e se la fortuna non ti ignora , accadde che la ricerca o la richiesta stranamente abbia buon fine. Ma c’è sempre poi un prezzo da pagare. Si sviluppa un talento inspiegabile, si allunga la mano su un dorso rilegato e invecchiato e spesso dorato con le sigle dell’autore  o il titolo dell’Opera. Quando il volume è un buon stato. Altre volte copertine aggiunte o rilegature strane fanno da protezione o rivestimento che mostra i suoi anni ed i dorsi consunti e colori sbiaditi. Ma l’importante non è l’aspetto esteriore ,quello che conta è il contenuto, e la leggibilità delle pagine con i suoi contenuti ricercatissimi.  Quindi con il tempo si impara Mani Protette e ripulite e purgate bene la pelle che avvolge il libro secolare ingiallito ,Protezione massima delle  dita e pure delle palme. Il Dado è tratto, quindi – farlo diventa obbligatorio, soprattutto per chi ha lezione quella che è  bene incisa sino al midollo della vita come i cerchi dentro il tronco di un albero  se ”fendroit le bois “.  Così infatti è avvenuto, perché questa è una storia vera, quasi una ripetizione senza tempo. Verissimo quanto verissima , che ha anche le sue  erudizioni impressionanti che ci hanno fatto raccontare strane cabale sul 17 Venerdì di un lontano 1971.(Leggi il file esplicativo sul Numero Venerdì 17).  E non capita tutti giorni di finire avvelenato a propria insaputa dopo avere consultato pagine sui pagine in precedenza durante il weekend . Sono le cose a cui ero abituato, spendendo il mio tempo così consultando le pagine ed i testi di lavori rinascimentali che mi portavo religiosamente dietro, e quindi solo dopo appena  ventiquattro ore circa , invece dal Mattino(Morning –  Mourning = Il lutto ) avanzato mentre guidavo per andare al lavoro finii con il subirne gli effetti deleteri e fatali poi lancinanti allo stomaco, così da scatenare brividi e quasi perdita di autocontrollo sommati a tale stato di malessere  generale e deleterio, alimentato da forti dolori addominali e brividi e perdita infine di controllo nei movimenti. E quel giorno cadeva proprio di Venerdì 17 , quando finii così dritto al Pronto Soccorso dell’Ospedale  Martini, mentre gradualmente perdevo conoscenza. Ma questo è un aneddoto a cui ho già dedicato passati ricordi. Ed anche degli incubi, legati a questi eventi più nelle braccia di Morfeo, quando rimasi incosciente per vari giorni e qualcuno mi aveva già dato per spacciato. Più nell’Aldilà penso e ipotizzo perché solo dopo ho ricostruito nel tempo, tra alterne riprese di coscienza e nuovo precipitare in tenebrosi incubi che si ripetevano esattamente dove li avevo lasciati, come dentro un girone dantesco infernale, cercavo di riemergere da un confronto con una presenza oscura che mi voleva spegnere tra estenuanti dolori, non capisco  se fisico-psicologici che come un Sisifo  subivo in continua ripetizione , ad ogni risveglio cosciente, dopo cui ripiombavo nel mulinello di un baratro che imprigionava nel dolore e nella sfida contro un invisibile forza o innominabile oppressione, che mi voleva annientato ed a cui resistevo con tutta le mie forze o meglio con la mia Fede. Perché non dovevo cedere, avevo una missione da portare a compimento, un libro da ultimare, una rivelazione da portare alla luce, il filo sottile della predestinazione è stato il filo di Arianna che  mi ha impedito di perdermi nell’incubo di quel Moloch Onirico, che mi avrebbe divorato. Una impalpabile memoria o reminiscenza mi serpeggiava dentro che non potevo cadere davanti a nessuna potenza Nera o Mostro Oscuro. Questo mi ha salvato, ma da allora quella dimensione  oscura, del lato irrazionale , cieco della notte o della sfera psicologicamente della Luna Nera ,signora di ogni Ipno Onirico vicissitudine, ha avuto un suo peso. Il giorno per me era la vita, la notte l’ora di Morfeo e di ogni insinuante  regia orchestrata dall’inconscio che prendeva sopravvento così appena chiudevo gli occhi ed entravo nel regno dei sogni, che su ogni umano ha un dominio assoluto,  che purtroppo molti non calcolano affatto. Il tempo sommato alle notti e giorni, ovvero  luce e oscurità che sono le facce gemella dell’esistenza di cui la metà la respiriamo tra le coltri o le braccia di Morfeo, salvo i nottambuli  della notte che evadono la realtà per perdersi nei labirinti  e meandri delle attrazioni, che inebriano e fanno perdere o eccitare i sensi. Meglio il sano sonno ristoratore  dei ritmi fisiologici che madre natura ha predisposto per tutti gli esseri viventi.

Ed è appunto nel sonno che avviene la più grande evasione o l’anima mette le Ali per sconfinare dal corpo, e forse penetrare in altri mondi ?  O Chiudersi nel suo bozzolo per tessere con la memoria sciolta trame incredibili che si mescolano ricordi  reali con l’immaginazione infatti, inspiegabilmente  vivida da ancora lasciare traccia  sino al Risveglio delle circostanze eteriche o delle cose stupefacenti che ci lasciano nostalgie  perplessi da cui dobbiamo sbattere le ciglia, strofinarci gli occhi per vedere e fissare bene in quale realtà viviamo che richiede chiarezza della mente all’alba con i piedi in terra , senza le ali dell’immaginazione perché , questa automaticamente viene  tacitata, e così non sia brusco  il risveglio, l’inizio dopo con cui ogni cosa concepita, studiata, intuita e applicata coinciderà  concretamente bene constatando ogni cosa pratica per cui siamo.

Metà della nostra esistenza ,quindi appartiene all’altro lato in inconscio dell’anima. Nulla di strano e misterioso  che i filosofi e saggi abbiano considerato questo lato INCONSCIO o dell’IPNO NERO ONIRICO  MOTORE di tante nostre pulsioni e indeducibili questioni, domande e risposte che in ogni tempo si è voluto e cercato di dare delle convincenti spiegazioni, motivazioni, induzioni ultra fisiche o extrasensoriali  o spirituali secondo le varie scuole di pensiero.  Terra sconosciuta o incognita così denominata da alcuni scrittori su cui hanno ricamato e raccolto le più strane esperienze extrasensoriali di sensitivi o altro modo di chiamare e definire quanti hanno vivide percezioni di questa loro soggettiva dimensione. Dalla Psicologia allo Yoga ,il filone è ricco di svariate dottrine di introspezione scientifica come metafisica o matefisica. Ed ogni cerchia di pensiero segue i suoi Guru o Maestri e le loro Didascalion (Scuola). Molti i testi, quindi e le loro frene/i (in greco) inibizioni frenetiche Etiche morali e Anti – Tesi  del Bene e del Male.

Altri scivolando così a fare distinzioni sin troppo ingenue  ed immature che il Male è la Tenebra, la Notte e  il Giorno la Luce il Bene . Ma senza il ciclo della Notte non avremmo il giusto riposo dopo il lavorio del corpo e della mente maggiormente attiva nel Giorno. Questo è il ritmo della Natura come dice il veggente:              “ Prenderà  Diana per suo giorno e riposo “ –

Questo è il ciclo incessante di ogni essere vivente che respira secondo natura e non strafà con le ore piccole  che modificano gli equilibri del corso regolare del dinamico esercizio attivo(lavoro) o mentale e poi quello del sano riposo ,quindi al Tramonto. Magica ora per tutti per tuffarsi a briglia sciolte tra le bianche lenzuola o multicolori infatuazioni come un pascià tra i cuscini  o tra le braccia impalpabili dell’amante o di Morfeo, dio dei Sogni. Sogni irrazionali, sogni ispiratori, sogni da incubo, sogni dei più lontani ricordi. Sogni senza tempo e luogo in cui trovarsi a viaggiare – vagare in una dimensione vasta quanto lo stesso spazio – tempo o  cosmo. E là non possiamo  mandare sonde per  riportare immagini dal microcosmo della nostra più intima natura o inferno con Anubis o il  Cerbero dalla tre teste. Che secondo alcuni è la dimensione degli Angeli e per altri quello dei Demoni. Eccoci quindi sempre a doverci confrontare con l’Antitesi o Paradosso tra la luce e le tenebre, il vero ed il falso, il reale e l’irreale e il fantastico, il logico ed illogico e quanto di più appartiene all’irrazionale sta dentro le nostre ossa e neuroni così compenetrato come nel campo il grano con la gramigna ,che non è possibile dividerli, quindi l’assioma essere e non essere, il nulla e la realtà sono lo stesso letto, hanno identico corso come la moneta a due facce o quella del dio Tempo Crono o Giano. Questo sofisticato (filosofia sofistica)speculare deriva ed appartiene agli Antichi o meglio ai nostri filosofi indietro di cinquecento anni fa. Perché dopo tanto progresso tecnologico, gli interrogativi elementari della nostra vita e morte, sonno e coscienza sono sempre sul tavolo dell’anatomia che è la TOMACHIA ,che incide e taglia(Tomacter –Macter = tagliare  la materia –  Tomas -Gemello o Tagliare in due ) per indagare a fondo ogni elemento e componente visibile del corpo e della testa ,cervello umano. Ma ahimè cosa c’è dentro il cervello o l’anima non è possibile ancora scindere in due ! Perché sfugge ad ogni strumento materiale fisico strumento o congegno naturale. E per questo lo si chiama  SPIRITO ! Il Regno e la dimensione dello spirito o dell’anima è quindi dentro ognuno di noi stessi…con le idee, concetti, antitesi, teorie, ipotesi, disegni ,progetti, architetture, visioni, lungimiranze che fanno  l’Uomo  grande sognatore, capace di partorire cose ancora non esistenti a cui poi da forma e la vita ! E forse il sogno di costruire il Carro del Sole, la macchina e il motore che ascenda alle stelle !Salga così in alto che tale ascendere ..diventi il logo e Canone Assoluto per il nostro prossimo futuro stellare della razza umana. Sembra che tutto venga dal Nulla(Knulla in svedese = kuk penis medlem, il fallo) cosmo compreso e così per  quanti l’Anima e lo Spirito non cadono sotto la legge dell’osservazione speculare, perciò per essi –  non esistono ! Escamotage che  usa il Paradosso e si  nega l’ideazione astratta, che qui guida gli stessi enunciati contrari, che secondo la logica sempre deve esistere la contro parte ,ovvero la funzione chiamata- ILLO …l’ illogica. Quindi solo così perseguendo nel puro e chiarissimo  razionalismo , che deduciamo proprio da parte di coloro che così negano , quanto allora come concetto ora scaturisce innegabile ed inconfutabile e bene lineare da essere la conferma logica, che ogni cosa ha la sua controparte. Materia e Antimateria.  Così il tanto proclamato NULLA –  di cui impellentemente si voglia dare a tale nulla anche il LOGO, sebbene inesistente che non dovrebbe essere innominabile e che all’opposto invece sappiano avere una totale portata da bene dirsi o chiamarsi :  il TUTTO o QUANTUM  TUTTO = CUNCTA (latino) nella Realtà…la nostra che ha Tredici Miliardi di anni e si espande da tredici Miliardi di anni Luce  dal fatidico Big Ben ,sebbene da tempo predicono che Prima –  non c’era che il NULLA ! E che proprio dal totale smisurato  NULLA  o Vuoto SUNYA (sanscrito)che quindi l’altra faccia della medaglia, scoppiò il BLASTER  della Creazione, Il Principio, il Fiat Lux   -di cui siamo tutti noi compresi come l’infinitesimale componente vitale , che coscienti solo in parte di tale vastità cosmica , ora qui celebriamo la GLORIA qui ici icicles i ritmi di milioni di anni, solo immaginando TUTTO  ciò di Giorno e di Notte…per Diana ! Ma non siamo i soli  a meditare queste cose, altri ci hanno preceduto affascinati e stregati da TUTTO quanto avvolge sideralmente la nostra Terra, tanto che non solo di giorno hanno cum sidera con  ferrea  considerazione  involontariamente nella notte da averci lasciato un messaggio, rimasto indecifrato, sepolto come una mummia egizia sotto le sabbie  del Tempo. Tale è il vecchio libro nominato , che giace sepolto da tempo e che attende una decifrazione. Abituati a confrontarci con l’Impossibile, non desistiamo di stanare che vi sia un senso determinato, dopo che molti hanno fatto fiasco o hanno battuto in ritirata(rebourse). Ma per leggere o decifrare questo testo bisogna penetrare nella dimensione del sogno-sonno (Ipno)  ovvero scendere come nell’Infero o entrare attraverso la Porta ONIRICA ,avviare l’oscuro motore dell’EROTOMACHIA ,di ogni pulsioni emozionale ed erotica esaltazione quasi vitale o magnetica forza o energia o Prana o Kundalini  che in tal maniera era nominata dagli Antichi (Amore e attrazione e magnetismo della galena tra due partner o corpi), la l’enigma di Francesco Colonna, autore di tale testo racconta cosa corre quindi tra due Poli o tra POLIO e POLIA( onirici attori della) in campo o lotta (Omachia) che ha il MOTORE ardente (Eros Erotos Rota?)fiammeggiante – luminoso Carro del Sole  (Illustrato nel testo)e sia  guidato dall’Infante o nuovo Fetonte o Apollo ?

Ora post  CINQUE SECOLI  una teoria che illumini la Soluzione dell’ENIGMACTEROMACHIA !

Iniziamo con l’Infante & l’Eros alato o il Sole bimbo con la sferza – guida il carro  trainato al rovescio dalle 2 = DeutEROS  Gunaion –le Donne nude incatenate in corsa nella fitta foresta che finiranno macellate dal Bimbo con la spada in pugno e spezzate e  divorate dagli animali. Eccoci al grande enigma che ha le Due DEUTEROS Donne nude o elementi binari (POLIA- Polo negativo ?) concatenati , così incatenate al Carro dell’EROS -SOLE. Qui chi saprà risolvere l’enigma che deve concordare con tutti gli altri REBUS e quadri di tale immaginario sogno di POLIFILO e POLIA che si compie sino alla Gloria dei cieli  alla presenza della effigiata divinità celeste come Diana, la Luna che Luciano di Samosata con il suo primo libro di fantascienza sognava di raggiungere.polia-poliphilo