GIUBILEO : LE PROFEZIE all’ombra della MOLE.

GIUBILEO:profezie da Nostradamus a Sigismondo Fanti lastampato   giubileo1 Nulla è avvenuto di inatteso dopo quanto ha deliberato l’attuale terzo pontefice di questo inizio  Terzo Millennio, quello che secondo la profezia dell’Abate Gioacchino da Fiore deve esser considerato il Tempo dell’Avvento dello Spirito Santo.   Viviamo in questa era di grande crisi etica e di esasperate tribolazioni, dovuti agli sconquassi dei sistemi imperanti, con effetti deleteri   che si ripercuotono su ogni cittadino e nazione (vedi la Grecia). L’esose imposizioni fiscali sono lontane   dal superare l’antica decima dovuta allo stato o alla chiesa, che oggi, da Moloch o Vampiro, oltrepassa l’imposta e diventa impostura e sanguisuga irrefrenabile. Il nostro Debito pubblico   è dovuto al grande sperpero passato, ed alle mani bucate dei corrotti i cui scandali sono senza fine. Quanto ci costa pro capite ? Non c’è genio che sappia chiudere le vene di tale dissanguamento dei risparmi   e agire contro l’imposto cambio dell’Euro che ci ha defraudato da cui   nessuna cura da cavallo potrà salvarci…salvo un Miracolo !. Il Prodigio o il Miracolo potrebbe profilarsi in concomitanza dell’annunciato GIUBILEO della MISERICORDIA, improvvisamente proclamato come Grandissima Novella al mondo intero, che fa fulcro sulle Opere della Perdonanza, della rimessione dei debiti e delle colpe. Così dobbiamo ricordare come era di fatto concepito biblicamente  ad ogni compimento dei 50 anni, secondo il calcolo del calendario lunare biblico che contava   SEICENTOCINQUE LUNAZIONI .  Calcolo delle lunazioni che portava a conteggiare il 49° e il 50° anno, e celebrare la Festa con l’intera partecipazione  del Popolo Eletto, tra tanto giubilo solenne. Agli uomini condannati a pagare debiti mediante contratti di servizio coatto,   una servitù, schiavitù volontaria, serviva a   pagare i contratti o debiti remoti consentendo loro di ritornare ad esere uomini liberi. Dopo Cinquanta anni che le terre erano state sfruttate,   venivano così restituite agli originali padroni. Preparandosi a tale grande Festa annunciata con il suono del  Sophar, fatto con il Corno dell’ARIETE-Montone, di cui deriva il logo ebraico JOBEL = l’ARIETE. Un’altra assonanza fonetica ci riporta ad ARIEL, nome poetico utilizzo per solennizzare biblicamente Gerusalemme, la città della pace  e di Davide. Gli Ebrei fanno questa festa sia per celebrare la liberazione dalla schiavitù dall’Egitto che dalla schiavitù di Babilonia dopo la distruzione del Tempio di Salomone nel 605 a. c. Tale cifra, a ritroso ed in avanti, ci ha fatto scoprire dei cicli storici in cui le grandi religioni, Templi, Mosche, Sinagoghe  dall’un all’altra sponda hanno sommato un conto di vittime e olocausti, come dimostra la storia ogni Seicento anni (ciclo che abbiamo svelato grazie a Nostradamus: 622 Maometto, e poi al 1200/300 le Crociate, ecc.). Persecuzioni che sono proseguite contro ebrei e cristiani  e viceversa, sino ai pogrom  e gulag russi contro gli Ebrei, la Shoah  ebraica dei forni crematori,  quando il fumo del popolo eletto è passato per ciminiere (ESSE) dei campi di concentramento d’ESSE = chimney -Kamin, Schornstein, Schlot, Zylinder e Krupp! Tempo di Fourneron e forni ed ESSE & ESSE.   Fonetica mai capita, che segna il punto con cui arrivò il Nazismo delle “ESSE  & ESSE “ (SVASTIKA)! Ma il profeta resta ancora inascoltato o peggio le sue quartine censurate  dal peggiore ostracismo razionalista e scientista di chi nega tanto la Shoah ebraica e il genocidio degli Armeni. Allora cosa batte alla Porta SUBLIME (Turchia) ed alla Porta SANTA   “JANUA” nell’imminente JOBEL  che richiama il rito del capro espiatorio offerto durante le liturgie e celebrazioni al Tempio, ma che evoca così la storia con le sue ripetizioni?  Riletture che si affacciano ciclicamente con tali liturgie SESCENTORUM, a  mano o Imano d’isterici (d’HISTER – Dea MESOPOTAMICA), fanatici fondamentalisti, o peggio anticristi ed anticristiani che si sono affacciati sul palcoscenico della storia.  giubileo2 E’ bene capire il mito di chi, come agnello, non sia pura allegoria cristiana del rito che vede l’uomo-dio come l’agnello sacrificato, Immolato come un ostia Of(FERT)ferta e ferita  per i peccati e le colpe della nazione, dopo cui saremo liberati mediante la catarsi o purificazione dell’olocausto, a cui segue il Perdono divino. E’una correlazione che pesa su questi nostri tempi e la enunciamo con molta cautela e compassione sofferta. Ci auguriamo invece che dal remoto festeggiamento si possa   riacquistare il pieno valore del significato come prefigge lo stesso  Cristo, da Agnello o  JOBEL,  sacrificato    il cui sangue diventa la salvazione del mondo cristiano. Alziamo gli scudi contro ogni silenzio o tragedia che riproponga tale 605 ciclico che il profeta ci ha lasciato come posteri , con l’avviso storico di come   il Tempio o la arcana Maison de Dieu (XVI°) subisce l’attacco satanico. E’ la minaccia che soffia a causa PERI ANEMON a causa del Vento dell’Oriente contro la nostra Terra del Sole e oltre le rive e sponde del nostro Mare Nostrum. Minacce a cui non  bisogna chiudere gli occhi, le orecchi e l’intelletto come le scimmiette volgendoci domani all’anno della scimmia cinese  del 2017. Il PAPA Franco, Francesco,   (Omen Nomen ) manifesta tale Franchezza (la Liberà, in arabo :حرية Harryah) e ripropone la Misericordia, il Perdono , come concepito dal primo papa che ha istituito l’idea del Giubileo, la Perdonanza (Celestino V°), con  l’assoluzione dei peccati attraverso la liturgia dei riti celebrati in Roma. Poi Bonifacio VIII°,  nell’anno 1300, ha dato il battesimo al GIUBILEO con l’intercessione concessa ai fedeli, che si perpetrata lungo i secoli sino ai nostri giorni. Sono cambiati gli intervalli prima dopo ogni secolo, poi dopo 50 e 25 anni. L’ultimo secolo ha Assistito a GIUBILEI straordinari: il 1975, il 1983, e quello del 2000 all’alba del Terzo Millennio, 2000 anni dalla nascita di Gesù Cristo. Oggi sentiamo bene il peso immane delle catene, sia della povertà e dei debiti, delle colpe  che con le Orazioni ogni giorno ripetiamo senza capirne bene il senso. Padre nostro rimetti i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori ! Misericordia e Perdono che dovrebbe miracolosamente cancellare il debito di ogni nazione, o peggio, di chi non ha nessun quattrino? Viviamo il fallimento che sempre più si allarga a macchia d’Olio Demoniaco – d’Ulivo o Zaitun (in arabo) o Shaytan-desposta – che impera come manager su ogni  Trust dell’Economia o Daimonoce Economiades – Ades infernale. Ha detto il Papa Francesco, che ha scelto il nome del fraticello della povertà d’ASSISI, che il  dinero-denaro è lo sterco del Diavolo, alludendo a quanto di misterioso si lega al destino della Chiesa (dopo gli scandali dello IOR). L’Ecclesia sta in mezzo a tanta povertà universale, ora da soccorre  ed elemosinare con Amore e Misericordia, pensando al grande buco insanabile da pagare agli investitori, acquirenti di tale Patto o nodo scorsoio Gordiano che impicca le nazioni con il Nodo di Giuda, salvo che un novello Alessandro Alexis giunga (secondo il mito greco) con un solo Colpo di Spada a spezzarlo. giubileo4                                                                                                                                                                                                             Chi potrà mai  assolvere le nazioni che hanno tanti debiti ? Come è possibile liberarci da tali cAtene (Atene ci prova nonostante tutto) della cattività e schiavitù del Diavolo? L’Idea che il GIUBILEO Biblico porta in auge è rivoluzionaria quanto antica.  Tale grande eVento, Vento del deserto, Khamsin in arabo, è pure l’allusione alla cifra CINQUANTA, riferita al GIUBILEO ebraico. E che il Nostro (damus), cronista del passato  Cinquecento ben edotto nelle tradizioni bibliche, ha lasciato ai posteri,  il modo di “qui indicare” questi Cicli delle SEICENTOCINQUE LUNE, attraverso l’Enigma risolto da decenn: passé :   15-21-39  E S IX Cens cinq  et Six e sept!   Qui indice, QUINDICE (XV), indicante……IXCENS,   Novecento cinque e sei =1956, il 1967. Anni di scenari medio orientali dei conflitti tra Arabi, Israeliani, il Coccodrillo, l’Egitto ect. Pagine ampie già pubblicate negli Oscar Mondadori. Pagine documentali inconfutabili, ribadite sul  tema del GIUBILEO del   2016. Calcolando le tolleranza dal 1956-1967 +  605 lune, ovvero i 49-50 anni, l’esatta datazione 2016 risulta giusta- genau- Janua – confermata , proclamata dal pontefice dalla grandissima notizia dell’anno santo . Ed eccoci all’Apertura della Porta “Janua”, Santa a partire dall’8 Dicembre del 2015. Già dall’anno ebraico 5774 avevamo scritto: “Occhio alla Porta”! Perché solo in ebraico AYN = OCCHIO = alla cifra 75 corrisponde la lettera Daleth = la PORTA, la quarta lettera ebraica. Questa sestina mi ha permesso di arrivare alla soluzione dei tempi del pontificati passati, passato il QUINDICI,  e poi con maggiore chiarezza di determinare &  deuterminare-  Deuter (interprete in tedesco) per  minare la profezia, o questo PRESAGIO, dopo il Passato “15”, -15= 6, Paolo Sesto che ha regnato tre lustri quindici anni ; e poi glia anni 21e 39 ! Considerando la SUMMA, SOMMA o SHU’UMCINKU (in hausa),  ovvero del Cinqo, Cinque = 1+2+3+4+5= QUINDICI passato, superato la cifra del QUINDICI, incluso QVINDICE VINDICE, qui indice del VINICE = VENEZIA ( Giovanni Paolo I°).  Il numero  diventò così indice Chiave   per la lettura del  percorso  di questo patriarca dagli anni SETTANTA, a partiore da Venezia, la sua dimora. Esaminando scrupolosamente il calendario Lunare  ebraico, quello giusto (IUSQUES), ora siamo nell’anno 5775= 2015, senza dimenticare che 1975 fu l’Anno del GIUBILEO di Paolo SESTO ( vedi 15+21 +39 = 75). La Profezia della sestina 11-53 acquista  doppia valenza,  sequinze= sequenza, del Quindici: Qui indice! Altro che calembour o rebus di una enumerazione (datazione di eventi) inerente  ai papi del passato. Il TRE entro il NOVE (TRENTE NERUF) è il  Nono Papa  del XX° secolo, ma sono corrispondono anche ai 27 anni del suo pontificato (3X 9=27), come denota il TERZO pontefice eletto nell’ Ottobre 1978, elezione  che coincise con il 5738-9 del calendario ebraico; poi ancora rimanda rimanda ai 39 anni, dal 1939 al 1978, del periodo considerato dalla celebre quartine che indicava CINQUE PAPI entro tale ciclo di revolu terme (39). Dimostrazione inconfutabile e lampante, che contiene anche la dicitura di Due Papi Viventi nello stesso tempo (2013) e da  qui è l’indice , nel quindicesimo anno (2015), per chi, scettico, ancora nega che nelle Centurie ci siano DATAZIONI: (11-53) come le SEICENTO CINQUE o 49 Lunazioni ovvero, (qui) indice biblico  del GIUBILEO! (11-53) Plusieurs mourront  avant(i)que Phoenix meure   Iusques SIX Cens et Septante (TEST EST)est sa demeure   Passé quinze ans,vingt et un trente neuf   Le primier est subiect  maladie   Et le seconde au fer, danger(anger) de vie   Au Feu à l’eau, est subiect trente neuf. Talesestina, ampliamente spiegata e datata nell’ENIGMA RISOLTO (Mondadori),  preannunciava che tale sequenza riguardava il futuro dei papati (15+21+39= “ 75 !!!). QUI, QUINDI, indice, è stato il TEST comprovato per il GIUBILEO, derivato dalla datazione ricavata dall’astronomia biblica delle  605 Lunazioni, o dalla serie denominata le SEICENTOCINQUE, esattamente come negli anni SETTANTA.  Così viviamo questa binaria o gemella datazione degli Anni SETTANTA (5775 ebraico calendario) come lo fu per il 1975 l’allora GIUBILEO. Allo Specchio del passato abbiamo elencato i papati e  i loro futuri papi, le minacce parallele incombenti nel Primo decimo (Pio XI°) che del secondo (Pio XII°), e  poi  nuovamente  sul Primo papa (Giovanni Paolo I°) e sul Secondo (tre entro il nove, 3×9) nei 27 anni di reggenza di Giovanni Paolo II°, rilevando quanto questa sequenza dal passato  possa ancora essere “l’indice”  oltre il XXI° anno del VENTUNESIMO o (2020?) prossimo. giubileo5 Riguardo all’ebraico Occhio (=70°,  è il valore della lettera  AYN) possiamo dire che ci ha messo in guardia sul contenuto del 5775, espresso dal calendario lunare e dalla sequenza SEICENTO e SETTANTA, che qui dimora,  obbligandoci a considerare quanto è riferito alle minacce  contro il papato da parte della Mezzaluna. Giubileo, o del Tempo di Giano (Janua =porta in latino). Nel mito latino la porta chiusa è simbolo di PACE. La Porta aperta del tempio di Giano = è simbolo della guerra, ovvero del pericolo del ferro ed acqua= guerra (dell’ultima riga). Quindi all’erta massima  da ora al GIUBILEO, testo  che mi accingo a completare nel prossimo episodio, con rivelazioni delle ulteriori  quartine del FANTI, le sestine del NOSTRADAMUS sul destino della “ X “CHIESA e del PAPATO,   i futuri scenari di grande soqquadro, incluso anche una futura AVIGNONE dei TORINESI. Ci basta esaminare le profezie di Don Bosco nel suo GIUBILEO  per far LUCE, CLARTE’, sul domani con  nuove ipotesi                                                                                                                                                                                                              coeurjanua

Annunci

Informazioni su Renucio Boscolo

Renucio Boscolo nato a Sottomarina (Venezia) il 25-04-1945 quasi allo scoccare della mezzanotte alla coincidenza del Giorno di san Marco ( 25 Aprile 1945)e ricorrenza festiva del Leone della Serenissima e anche storica Giornata della Liberazione così alla Fine della II° Guerra mondiale, che sulla spinta degli eventi, poi è trasferito coatto a Torino e a Aosta. L’inizio scolastico bilingue (italiano francese)quasi voluto dalla sua Grand Mere, della famiglia Novelli Farnese, che scelse il nome di Renucio (degli antenati Farnese) e che avrà peso quel patois-francese per tutti i suoi futuri studi sommati alle reminescenze dalla viva voce della Nonna che gli recitava singolari presagi del libro precocemente inculcato che anticipava il Futuro. Una premessa singolare che è la predestinazione dall’infanzia a tuffarsi in letture storiche e sino dal quattordicesimo anno aveva già in tasca la tessera della Biblioteca Civica(Torino) divenuto Topo da biblioteca con il divorare i testi più inerenti alla sua passione così istillata da far emergere la vena interiore e come un verde pollone crescere sino ad albero (Bois-Bosco), che lo ha portato diventare da illustre conosciuto a studioso, poi emerso prepotente sulla scena dell’editoria e della carta stampa alla fine degli anni Sessanta ,principio Settanta (Seventy). Torino allora il cuore della del gruppo CLYPEUS e Giornale in cui si affrontavano le tematiche dell’INSOLITO , spazio, tempo, astrofisica, astrologia, archeologia archeostoria, di tutte le civiltà e culture e i loro enigmi che fanno scattare nella mente umana i più grandi interrogativi sulla vita e sul destino dell’Uomo. Prodromi di quel filone d’incontri e conferenze librarie che hanno dato il via a Torino Città Magica lungo le sponde dell’Eridano padano ad opera di svariati scrittori e fantaesoterici dell’una all’altra sponda, credenti o bastian countrari. Dagli inizi degli anni Settanta galoppa il filone editoriale con la MEB(Torino) che ha pubblicato Kolosimo e il primo libro di Renucio Boscolo: Nostradamus –Centurie e Presagi - (1972). Tempi magici all’ombra della Mole ed indovinate stelle che da allora la fama di Nostradamus ha navigato anche con una pletora di emulatori e facili simulatori, alla ricerca del segreto per anticipare il domani. Nessun editore ha mancato in questa sfida , che si è rivelata mondiale chi a favore e chi contro. Ma solo in Torino che la storia consta dell’elemento unico ed inequivocabile dell’Epigrafe secolare (1556)che anticipava che ICI - Qui Chi avrebbe onorato Nostradamus e chi qui chi lo avrebbe denigrato. Ad ognuno la sua mercè. A chi Gloria e Vittoria ed agli altri la Rovina Totale. La Sentenza sibillina che da secoli pesa come una Spada di Nostradamocle ….sul capo dei suoi detrattori. Perchè così è scritto nell’epigrafe : Nostra damus aloge ici & Ici EGO(la) SUM d’ART(e)SON ! L’indizio telegrafico che porterà Boscolo a concepire l’Arte –tecnica del suono, così sommato con le supputazioni fonetiche o Anfibologia che ha in ogni lingua e verbo-suono la parola reca come Semantica, Significazione ulteriore che porterà alla Cronosemantica applicata così a tutti gli scritti del Nostro. Il Messaggio ha con Boscolo una decifrazione e analisi che porta ad altre scoperte , sino a toccare con mano e vedere la pietra di marmo su cui fu incisa la sentenza originale collocata non a caso in Torino dal 1556 e custodita da una antica famiglia sino a giunger a Boscolo che ha fatto i primi passi e lungo i decenni le ulteriori scoperte e composto nuovi testi per diffondere e far conoscere il Verbo di Nostradamus secondo eventi mondiali clamorosi che confermano le anticipazioni delle quartine. E’stato negli ani Settanta, invitato a Salon (Provenza dall’allora sindaco della città, dimora di Nostradamus)ove anticipa lo scenario della Rosa in Pugno, presagio lieto dell’Avvento dei Socialisti di Mitterrand sin dal 1972-1976, questo Scenario è inconfutabilmente esposto nel suo: NOSTRADAMUS - Gli anni Futuri (1976) che gli editori francese hanno gabbato o dissentito da Boscolo preferendo chi l’ha emulato e plagiato. Invece la storia clamorosamente assiste alla Vittoria della Rosa ,al fiorire della Rosa. Al nome della Rosa(Eco)al Guns of Rosis. …e quanto di più violento ad esso nome Rosa (sanscrito = violenza)si abbatte sino contro il Papato secondo la quartina nota in tutto il mondo ( 2.97). Boscolo dimostra e prova la sua priorità interpretativa ed l’esegesi corretta. Pubblica altri titoli e sbarca in USA per pubblicare il suo Key to the Future(Abbot Press, California). Pubblica nel 1984 ritornato dagli USA per Musumeci (Aosta) Nostradamus la Chiave di Lettura persino mensili scientifici pubblicano i versi della quartina di Nostradamus optando la decifrazione con il Computer mediante i primi programmi di traduzione plurilinguistica suggeriti da Boscolo con la Cronosemantica che vede allora battezzare il sistema Try of Wood , la prova del Bosco ! La Chiave per decodificare i versi che svelano sensi inquietanti nonostante i solo cinquanta milioni di memorie e non miliardi necessari al Sistema Cronosemantico, che riesce a fare l’an plein, compreso solo molto tempo dopo , traducendo il fiorire della rosa con Goulistan = il Giardino delle Rose(in persiano)che nessuno si capaciterà di intuire poi il luogo geografico ove nel futuro: “Quando fiorirà la Violenza- la Rosa “ …Goulistan = l’Afganistan ! Ma tutto questo è già esposto nel testo del 1984 Key to the Future in relazione alle cronosemantica ed ai sirti del globo in cui si manifesterà il fiorire della Violenza specificatamente indicato il logo latino di Gedrosia (Afganistan)e Battriana dei greci ! Ma come sempre del senno di poi sono piene le fosse a causa della violenza che fiorisce in luogo come i bastian countrari che negano tutto e chiudono gli occhi per non vedere la luce del Sole. Sono pubblicati negli Oscar Mondadori dal 1979 con il titolo di : Centurie e Centurie e Presagi, a cui segue : Nostradamus L’Enigma Risolto - 1988.(Il manuale di interpretazione di un secolo di storia 1900-2000) e il successivo Così Parlò Nostradamus (1998) libro attualissimo perché è il più vasto scenario della storia passata,presente futura sino al 4000 Millennio contenente prepotenti scenari e datazioni inconfutabili confermate dagli eventi planetari. Ed a cui sono seguiti titoli più che emulatori ed millantatori. Ma Torino: famosa metropoli con il Museo Egizio, secondo al mondo, polo di un fascino che accomuna Nostradamus a Boscolo che dedica un’altra sua scoperta o Stargate , la porta sulle Stelle è del 1985 la prima stesura della traduzione del papiro e geroglifici di Unas (Quarta dinastia) che avvalora la teoria di Temple(il segreto di Orione) sull’ascesa nei Cieli del Faraone con la descrizione ricca di dettagli spaziali e busters spaziali antelitterram oltre al Varco Celeste ed al tuffo nell’abisso dei mondi stellari(Orione). La grande epopea della suggestione poi sugli schermi e movies e tv. Prosegue negli Oscar Mondadori con : Il fato, la fortuna, il futuro con le Rune (1990).Segue nel 1991 : LUCIFERO Incubo Terrestre. Dai miti egizi,ebraici,babilonesi,greci,latini, cristiani, arabi ecc…all’Anticristo. Poi con Gribaudo Editore (1990)NOSTRADAMUS. La chiave e la spada del profeta. Il successivo : I Destini d’’Italia (1991) Scenario sulla politica italiana,dalla Lega ai Balcani. Sempre periodicamente,anno dopo anno,dal 1980 in poi esce nelle edicole italiane L’Almanacco Nostradamus che fa il punto della situazione italiana e sia la mondiale sotto le allegorie astrali,occidentali e del celeste impero(astrologia cinese). Il segreto di tante allegorie va rinvenuto grazie alla ricerca che prosegue secondo l’indicazione della celebre D.M. ovvero l’Epigrafe di Torino che nomina Par Ma Documenti in modo specifico nell’altro testo del Nostro nella sua pagina finale dei : I Geroglifici di Horapollos, testo del cinquecento in cui molti vogliono decifrare seguendo una fonte greca, i geroglifici egiziani. Epopea di scoperte e bufale per arrivare a dare un significato ai molti papiri scritti ritrovati nelle tombe , che è un testo sin troppo ignorato di Nostradamus che vi dedica l’attenzione come per altri testi greci di Medicina(Galeno)e così amplifica e indica la via maestra anticipando Champollion nella questione egizia ,bene specificando che nelle Cartouches-Cerchio sono racchiusi i nomi dei Faraoni oltre alle altre fonetiche di geroglifici e informazioni astronomiche sino alla stella Sothis (Sirio!)ed al mistero di Orione , informazioni presenti nel testo. E questo testo curato dal Boscolo è stato rifiutato da una fondazione bancaria che finanziava il museo egizio di Torino. Le informazioni che dopo millenni e secoli sono corrispondenti al vero oltre a svariati temi e chiavi inerenti alle enigmatiche allegorie delle Centurie. Una Intuizione condivisa anche da altri studiosi impegnati anch’essi alla ricerca della misteriosa D. M.(in Torino)Diis Manibus …Anubis ! Logos eclatante con il nome del dio dell’Oltretomba o Infero come è spiegato nel testo dei Geroglifici del Nostro con tre geroglifici una Faccia + Due occhi fuori della testa. Segni eloquenti con una traduzione secondo i geroglifici e che gli esperti invece snobbano per non accreditare Nostradamus che così bene dimostra l’altro campo di esplorazione e ricerca che ci riporta al fascino ed alla passione che accomuna molti per l’antico Egitto ovvero il paese dell’Ape del Giunco (Alto e Basso Egitto)la terra dei Faraoni. Altro scibile che vede Boscolo impegnato a illustrare un filone che diverrà ridondante ad opera di celebri scrittori francesi. Pubblica sulla civiltà Maya Aztechi per il Torchio Edizioni (Milano 1996) Gli Dei,l’acqua,il vento,il fuoco Gli animali del più fantastico oroscopo Maya Azteco. Indicando il ciclo del 2012 come poi altri testi ampliamente ne faranno scoop e argomento editoriale. La profezia Maya che come uno Tzumani editoriale si diffonderà nel mondo mentre resterà questa fonte invece ignorata sebbene diffusa via WEB con i dettagli in parte ora bene riscontrati. La dimensione dell’Internet spalanca la nuova finestra ma non è la sola con cui Boscolo comunica perché si inaugura o meglio nasce la Babele in Internet con tante ripetute inaudite …bufale. E poco servono le raccomandazioni fatte da decenni in svariate presenze televisive RAI o Mediaset e soprattutto al Costanzo Show, ma questo è visibile a tutti per chi sa ciattare o su WW. EDICOLA.WEB.IT…… Le Prove delle anticipazioni sono sempre corredate dai testi pubblicati nei libri e le pagine diffuse via WEB. oltre ad varie interviste tv su argomenti specifici e sempre datati. Quanto è stato ripetutamente pubblicato sugli Almanacchi di Nostradamus che così informava, anno dopo anno le scoperte e le suggestioni di scenari incombenti(Vedi 1998 descritto l’attacco dal cielo con un 747 su New York da parte Islamica) e soprattutto alla fine del Millennio la scoperta della Lettera Farnese (Parma )diretta al capo della Curia Romana, Cardinale Alessandro Farnese, una comprova dei suoi intrecci con la Chiesa e dei carteggi che ancora non sono stati svelati. La Lettera Farnese ( o Parma documenti) si inserisce perfettamente nel percorso della ricerca perché comporta indicazioni astronomiche esatte degli anni in cui si verificano eventi clamorosi per la Chiesa (1605 anno dei tre papi) e ogni ripetizione e scenario dettagliato. Il testo fu consultato da Pio IX . Descrive una grande Eclisse sull’Europa e sui Balcani e lo scenario di un conflitto che oltre Belgrado, riguarda Pristina e Pale (Kossovo) e la minaccia piramidale delle ali dal cielo con operazioni belliche…. sino alla peste bovina e a luoghi esposti a radiazioni nocive,mortali. E una rovina per il mese di settembre “ più USA(Usama)Amaro America che del Fiele e dell’Aloes (Sheol in ebraico l’inferno) ! Questo testo è stato purtroppo censurato nonostante le tante conferenze e relazioni ai Lyons, Rotary,Kivanis, oltre a scuole, istituti ecc… incluse le interviste a cui sono stato invitato o ho rilasciato allora alle maggiori testate. A dire il vero ho avuto la bocca chiusa! E quanto scoperto è tutt’ora censurato ed il testo stesso in attesa di un editore contro corrente che abbia coraggio di pubblicare l’intero testo della Lettera che riguarda i prossimi XX anni del XXI ° secolo. Ma i contenuti di tale Lettera sono appunto persino sin troppo singolari e personali se indica nel nome l’interprete o il Nuncio che deve svolgere tale compito con tutto quanto di ingrato e poi accaduto nei dettagli che sono elementi determinanti per arrivare ad un’altra scoperta o grand soupe o scoop ? Circostanze davvero inquietanti se un raro testo del Rinascimento Italiano stampato proprio a Venezia ,ove sono nato, composto da 1628 quartina astrologiche come quelle di Nostradamus ma invece, scritte e stampate 29 anni prima delle famose Centurie, a Lione come all’ombra del leone di san Marco. Dopo 500 Anni …come la Fenice che rinasce dalle ceneri (pure la Fenice di Venezia)evocando il mito Egizio che consta della analogia dei Cinquecento anni tutte accavallate giusto nel 2003! Annata che vede più pubblicazioni celebrare questi Cinquecento anni 1503-2003 dalla nascita del Nostro ed il conio di una moneta d’oro e francobolli con la sua l’effige. Una Giostra incredibile di opinioni sulla figura storica di Nostradamus per cui dedico su due testate, un vasto compendio Intanto prende spazio la scoperta prepotente dell’insolito libro che porta nella mia vita di colpo concetti e teorie sul tempo e la storia, la cui portata non è stata ancora considerata efficacemente per il mondo intero. Qui gioco forza avviene la comparazione tra Sigismondo Fanti e Nostradamus sino a comporre il Testo della SUMMA PROPHETICA ( Editore Priuli Verlucca 2006) per portare alla luce la scoperta e l’esegesi rivoluzionaria che offriva un panorama diverso sulla Scienza, la Matematica, l’Architettura,l’Astronomia, la Tecnologia qui mascherata e quanto più di un venale Gioco giocoso della Sorte,il libro TRIONFO di FORTUNA racchiudeva da ben cinque secoli. La lingua (linguaggio) leggiadria d’Adria (Venezia)del Rinascimento,capitale editoriale di allora, ha tenuto così molti distanti dal nocciolo di questa opera per cui non sono mancati i Soloni che hanno sparato dei giudizi inetti,ignari che la lingua di questo libro è quella mia di nascita. La scoperta di questo libro del Rinascimento contenente implicazioni che coinvolgono i grandi geni dell’epoca diventando l’ulteriore campo di indagine che meticolosamente ora possiamo mostrarne gli esiti nel nuovo libro scrupolosamente quartina dopo quartina l’architettura di nozioni nell’opera abilmente sparsa tra abili ingenuità erotiche o cavalleresche appetibili nei Giochi di Corte di allora. Dopo la scoperta con interviste(CHI)e pubblicazioni sia sul WEB sono apparsi quindi ulteriori elementi,soprattutto quelli a carattere economico politico e nomee di Leaders (Barak,Mubarak) con quartine specifiche su tali protagonisti e contrapposti destini di nazioni e popoli . Una scoperta che apre l’Orizzonte umano così dall’Alba del Terzo Millennio che di fatto assetato di indizi per il Futuro ha con questa rivelazione ben Tremila quartine,che proiettano dal passato al presente ed nel Futuro ulteriore, il testo con la più vasta gamma di protagonisti e scenari riferenti ad ogni tematica prossima date le Crisi dell’economia, del lavoro, dell’agricoltura(FAME) Sanità, Pandemie e le carestie cicliche. Tzunami, siccità e piogge, sismi ed quanto altro di natura caleidoscopica ed enciclopedica si rivelano oggi essere informazioni dalla vastità globale che è ancora impossibile elencare il tutto così nominato futuro salvo comporre un index o sinossi totale. Nessuna mente umana è idonea contenere tale fonte-oceano di dati da essere man mano assimilati e spiegati opportunamente memorizzati ed evidenziati da chi ha sia esegeta da oltre 40 anni. Per questo conferenze, meetings, lezioni universitarie e pubblicazioni seguiranno allo scopo finale di conoscere il più vasto panorama delle probabilità che possono essere anche circoscritte in alcuni specifici grandi transiti astronomici & astrologici. Teoria che deve trovare conferma più volte per essere determinata come bussola per tutti gli altri eventi futuri. Nel 1984 in California si è giunti alla Fondazione o Key Fondation per esaminare tutto quanto Nostradamus aveva lasciato ai posteri. Queste promesse sono risultate un impegno solo fumoso. Ma oggi nel Terzo Millennio fare i passi opportuni dopo il binomio Fanti & Nostradamus dopo adeguate pubblicazioni lavorare per una Fondazione o Accademia o scelta Museale in un specifico luogo ove tutto si incontri nel tempo presente e nel futuro per fare frutto delle conoscenze che man mano saranno rivelate e fatta raccolta di tutto quanto sia inerente alla Storia e al corso lungimirante contenuto nelle quartine astrologiche del Fanti e nelle Centurie del Nostradamus, oggi così si confermano gli scenari orientale quelli occidentali con datazioni e collimazioni sorprendenti,a cui i posteri dovranno rispondere come la lungimiranza umana abbia visto e anticipato singolari eventi documentati da files e sia da articoli su quotidiani inconfutabili che alcuni amano censurare per non contraddire le por teorie scientifiche,quanto dimostra che l'intelligenza umana possa davvero squarciare il velo del futuro, così come qui si è dimostrato e si persevera a metterà fuoco altri scenari delle decadi future della nostra civiltà quanto mai mirata ad allargarsi su altri mondi e stelle.. ********************************************************************************
Questa voce è stata pubblicata in NOSTRADAMUS, RENUCIO BOSCOLO, SIGISMONDO FANTI. Contrassegna il permalink.

Una risposta a GIUBILEO : LE PROFEZIE all’ombra della MOLE.

  1. htcblinkfeed ha detto:

    Sarebbe importante interpretare anche la quartina:

    “Sept moys sans plus obtiendra prelature,
    Par son deces grand scisme fera naistre,
    Sept moys tiendra un autre la preature,
    Pres de Uenise paix union renaistre”

    C’è chi sostiene che il Papato, dopo che il Papa sarà deceduto ed in seguito a un “scisma”, potrebbe esser “spostato” in un posto più sicuro, da capire se (Uenise) negli Stati Uniti o Venezia (rinata)…
    UPDATE- Questa quartina non va riferita al dopo Francesco. Attendere l’uscita del testo del GIUBILEO per esaminare le quartine che saranno prese in esame per il Futuro della Chiesa secondo le profezie soprattutto di Don Bosco e del Fanti e Nostradamus.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...