Non si muove Foglia che Dio non Voglia per battere alla nostra UMANA SOGLIA.

Quanto è di questo DETTO-DETTO= L’ OMEN NOMEN…che così stimola i nostri miliardi di neuroni come l’amo gettato tra le onde di un fiume o le maree di un oceano. Affinché ogni volta che riflettiamo o meditiamo possa così accendersi la cierge(candela)una scintilla alla Bosch nella nostra caverna o coscienza oltre la stessa barriera onirica dell’inconscio.O meglio dare lo slancio alla tigre,al cuore dei ricordi del nostro motore umano. Abbiamo bisogno sempre di uno stimolo la scossa violente opportuna dell’impulso cardiologico per non continuare a fare i morti. Ma non bastano i DETTI o le Parole gravi o sagge e lapidarie , quelle accumulate secolo dopo secolo.

Non basterà il parlare forbito di chi cerca il conforto e consenso dell’uditorio.Ma di questi nostri tempi, milioni sono i sordi o compagnia delle tre scimmie , anche semmai+ non si improvvisano comizi negli angoli delle strade o strilloni vaganti o testimoni a coppia che portano volantini biblici o suonatori di citofoni inopportuni alle porte di casa abbondano.

Perché viviamo benissimo frastornati dalle trombe pubblicitarie in ogni circostanza del giorno e della notte. Trionfano i mezzi di caotica comunicazione incessante e ritmatica-xismatica che ci magnifica ogni nuovo prodotto senza pari ad ogni altra marca e concorrenza. Basta aver il portafoglio gonfio per cambiare macchina, vestito, o altra diavoleria tecnologica tutto fare. Tutto solo per il quotidiano comodo e facile vivere.

Detto e fatto , tutto GOG MADE…partorito del consumismo dilagante , all’erta sempre alla sfavillante et prossima stagione poi sarà superato da altra novità ultra tecnologica – Flash cronico così proprio a scatto di tempo . Tappa dopo tappa cominciando dal digitale -vocale vostro fone

Ricettori animati da fiumi di parole, squilli che propongono cambi di server,vantaggi e mega-giga ….ma tutto ciò ben poco serve a chi del secolo passato e a cavallo del nuovo secolo ha nostalgia del passato degli anni Cinquanta.

Così bello questo vivere ? Ma tutto ad alcuni veterani  invece – appare sovvertito, ci ripropongono la storia passata, come se avessimo scordato di averla vissuta, sudata e finita tanto da essere per gli Ultimi pura dileggiata  reminiscenza. Niente affatto. La nostra Memoria di quel tempo non è polvere o cenere o sabbia volata via tra le dune del tempo.E’ Storia l’Osso il LUX biblico della nostra schiena incorruttibile dopo l’esistenza…dicono da cui rinascer al Giudizio Universale . Ma è quindi la dorsale che ha il tempo stesso ha inciso come su un tronco , cerchio dopo cerchio come su u disco ,le cose sapienti che sempre solo il grande maestro il TEMPO vissuto . così macina delle tante memorie di ognuno. Le toste  circostanze della vita, sia felici che amare. Le ore tragiche o i sogni e le altre fantastiche mete sino ieri fiction, oggi all’Orizzonte Celeste (Luna, Marte).Noi abbiamo avuto dei grandi sogni…Paramount……..siderale spaziale !

che possiamo contare sule nostre dita , anzi con quelle dita abbiamo visto avverarsi molti DETTI, PRESAGI, OMENS a nuocimento e detrazioni di quanti non hanno creduto ai sogni, ai grandi sogni che l’Umanità senza distinzioni di razze e di fedi ha secondo il DETTO più antico riposto nella mente o “by heart – nel Cuore !  Ma il Cuore umano batte in unisono con la nostra stella il Sole e nell’Armonia( EROS-ARMONIA= VENERE la Beltà) delle SFERE è ancora cosa e filosofia antica (Pitagora) a cui nessuno ha ancora dato riposta.

Ma ci giriamo a vuoto così solo in tondo perchè non sappiamo ancora dov’è il Centro del Tutto.Non siamo ancora arrivati al KER, al Nocciolo di noi stessi come del creato. Sebbene alcuni teorizzano di saperlo meglio di Dio stesso.O forse il segreto è proprio nel KER come dicono in greco antico, il centro, il cuore,il KER, è il dato, il destino che si snoda sul filo , le corde che tessono in grande sia in piccolo(umani ) o esseri intelligenze superiori ,tutti compresi – avvolto nello stesso ricamo dell’Arakne Cosmica con le sue branche-braccia branches da Principio(con Clotos, Lachesis, Atropo)ovvero le tre-tree(albero) parche che filano le diramazioni “ramaiges” dell’albero,tronco delle corde, le stringhe cosmiche nelle infinite direzioni ed orizzonti.Propagazione  ondulatoria onde gravitazionali ? Quanta invisibili della fonte o continuum campo spaziale ?  

Ma non senza la MUSICA ,il Fiat LUX del VERBO, il LOGOS, la LUCE ondulatoria – quella / quelle = FONTE( in tedesco) passo dopo paso passo. Nel Ritmo del Pentagramma. La Quinta Semaion Quintessenza(Shinkō =Fede)della Musa che a Passi Lenti-Silenti, fa vibrare l’anima cosmica e la nostra interiore di mille sinfonie tracciate dai maestri della sublimazione. Manifestazioni della umana ispirazione dell’ARTE che è il filo, le note, le cifre, l’aritmetica della scala udibile e oltre ogni suono che in natura bene pervade ogni cosa,essere, atomo e vibrante cristallo, foglia, cellula o langue ressaisie– delle Chiavi … sino alle occulte sfere microcosmiche e macrocosmiche del nostro spazio-tempo ancora einsteiniano con una faccia pluruniversa o con dimensioni parallele….per ulteriori teorie in arrivo se nessuno per la tanta incommensurabile magnificenza osa rinnegare un posto al potere dell’anima o del grande Spirito.Quello che ancora tanto light leggerissimo quanto un OUPHOS(in greco leggero)volante…bene proprio alla SOUPHOS o SOFI saggio-sapiente sia antico come quello che da sempre balugina nei cieli…ai nostri occhi mortali. E’ predetto infatti che questo avviene da Nostradamus + per stimolare la razza e la nostra anima o intelligenza interiore, oltre i sensi fisici nell’arco dei cieli da semaion superiore ed eccelso a ogni altra visione che non si armonizza con la vastità del regno dei cieli di antica promessa e detto che mal si concilia con chi crede che lassù ci siano cinquanta o quaranta Uri a soddisfare i suoi piaceri carnali nel giardino delle delizie,farcito di tanto medioevalismo misticheggiante.

Chi sarà il novello Leonardo ?

Sarà opportuno essere PRAGMATICI meccanici coi ferri del mestiere e sia + doverosamente avere i Piedi in Terra – perchè ora il regno dei cieli, è quello da conquistare con il genio leonardesco arietino o taurino – di chi ha una meta eccelsa : The Paramount ,quella di elevarsi nei cieli, volare alla conquista des NOUVEAUX – NUOVI ORIZZONTI lungo i futuri secoli e millenni. bene ha ragione Nostradamus e il Fanti che precorrono la storia zeppa delle Centinaia di DETTI e Quadranti astrali delle note quartine. IL Tutto CUNCTA(in lat.) per serbare bene il conto onde così stimolare ogni altro verace genuino et futuro esegeta che già muova i passi lenti silenti nell’avvenire sin dai tempi primordiali.……

12 pensieri su “Non si muove Foglia che Dio non Voglia per battere alla nostra UMANA SOGLIA.

  1. Mi piace moltissimo questo articolo perchè rispecchia il mio pensiero, il mio modo d’Essere. Trovo interessante l’articolo perchè si vede il legame tra Nostradamus, il Fanti e Leonardo, per aggiungere anche il Pitagora (grande insegnamento….) e concordo in pieno quando LEI scrive che con le parole non si arriva al nocciolo di noi stessi!
    Infatti per arrivare al nocciolo (Ker) di se stessi ci vogliono atti liberatori… e tanta VOLONTA’
    Per quanto riguarda le ( stringhe) non tutti sapranno cosa sono , consiglio di guardare su wikipedia.
    Detto questo aggiungo a quello che ha detto Boscolo che esistono anche i tunnel crono spaziali, Stargate o corridoi di luce quantica o fotonica (in questo periodo ne arriva in grande quantità)per fortuna, lungo i quali si spostano i Crononauti stellari che hanno il compito di accoglierci per poter accedere alle dimensioni più sottili del cosmo, ciò riguarda direttamente la trasformazione-mutazione dell’essere umano. E che dire degli universi paralleli con le loro realtà alternative conosciute come Deja vu , la cosmometria, i multiversi o infiniti universi dei quali parlano i grandi scienziati contemporanei e non? E’ possibile che tutto ciò faccia parte di una interconessione cosmica divina, in cui è incluso il microcosmo umano e il suo necessario progresso di Trasformazione????
    Mi piace molto il post di Nostradamus in mezzo alla quercia (albero) con le pagine svolazzanti (dei cambiamenti…) le foglie che cadono solo quando Dio vuole (segno del tempo). E la figura di Nostradamus in mezzo all’albero della vita… da sicurezza…
    E che dire di Pitagora grande iniziato greco del sesto secolo avanti Cristo. Saggio (il più grande nell’antichità) e esoterista. Ha preceduto Socrate e Platone e il suo splendore si è notato per 1000 anni in tutto il Mediterraneo. Contemporaneo di Lao-Tse conobbe la saggezza egizia, si deve a lui la parola “Metempsicosi” (Vedere). Egli ha messo in evidenza l’importanza dei rapporti tra numeri, musica e mistica ecc..
    Grazie per aver scritto un articolo così profondo, anche per far capire che dietro le centurie che ha scritto Nostradamus c’è dell’altro molto altro, cosi comedietro al Fanti, Leonardo, Pitagora.
    Non ci si arriva così in alto senza aver trovato se stessi il nocciolo (Ker) il percorso è descritto bene nella Divina Commedia….il percorso che ha fatto Dante …. con Anima e Spirito e materia…

  2. Prof, cercherò la massima sintesi. Nel disegno da lei proposto “cadono le foglie” e nel file c’è anche una traccia: Luna e Marte. La invito solo a riflettere: il corrente anno è il duemila19 e relativa carta, la CROCE francescana TAU è la 19^ dell’alfabeto greco, fine corsa? (errata corrige nel file precedente da aggiungere “percorribile”), la Luna Piena di domani 18 avviene nella 19^ Dimora Lunare, chiamata dagli astrologi “il Pungiglione”, è legata al “crollo”, “al venire giù”. Sole in Toro e Luna in Scorpione gestiti da Marte in Cancro, segno della Luna, non bene! Altri due punti e la lascio. “Le stelle avverse per tal segni corre, dando notizia de tua futura morte, se a un convivio anderai de trista sorte, che in ordinanza già la veggio porre.” Il 2° e 3° rigo si riferiscono all’eventuale morituro, “…tua futura morte…”, “…se anderai…”. Ma le stelle sono avverse (lE STlle, a est) per altra persona, per il TAL che corre a causa di “tal(i) segni”. Ma perché corre, gara podistica? Il “tal” corre per una dare notizia, riesce a comprenderlo giusto un poco prima dell’evento? La parola “dando” in quanto gerundio deve avere il soggetto necessariamente espresso, errore ANACOLUTO o nominativus pendens, è lui che dà la notizia della morte!! , notizIA DE tua, ancora il Toro e Torino. La ” trista sorta”, lei ha spigato in passato essere “uscita”, è legata al venerdì? Straordinari i molteplici livelli cognitivi e semantici di Fanti, non si può usare assolutamente la matita rossa. Ma andiamo oltre, straordinaria anche l’intuizione di Giano, che apre un’altra strada. Dopo gli eventi Casal Bruciato il papa invita 500! in San Pietro. In entrambi in casi il Vaticano ha un comportamento non CONFORME ai ROMani: “…qui des Romains ne serà trop conforme”. L’atropia è vicina nel tempo a questi fatti. Termine “romano usato nelle quartine per due papi che non sono di Roma. E allora Nostradamus perché li usa?! La parola ROMania ha assunto rilievo un poco prima che…”Un peu devant…” Buona serata, ci aggiorniamo e speriamo bene.

    >

  3. Prof, siamo a Maggio ed i segni-semaion continuano. Lei ha scritto Paramount, la Montagna, BERG in tedesco, più giusto dire Siparimount. L’abbiamo trovata! Mi auguro che nel caso lei faccia sempre qualcosa e che bello sarebbe se ho sbagliato, ma se così fosse perché è il destino a volerlo, allora penso che debba essere il TAL delle Iadi a cercare nei Segni (anagramma ignes) e nei simboli, dove qualcosa forse lo farà “correre”. La invito civilmente a dare uno sguardo ai segni-simboli di tutti i luoghi che visiterà Francesco in Romania perché insospettiscono. Uno in particolare, ci ha colpito, quello di Bacau, città purtroppo della Moldavia dove si recherà Bergoglio, bianco e rosso con la MONTAGNA-PARAMOUNT divisa a metà e Luna e Sole a singolar tenzone con contrasto a scacchiera, da vedere anche l’effigie del Distretto. Nello stemma il Sole nel quadrante di sinistra illumina la Montagna che cambia colore nel quadrante di destra, frutto di emozioni che fanno ricordare: “…Allorché il Sole per Selino chiaro perduto…” e Buona Notte da Salerno.

    >
    UPDATES- Teniamoci bene dietro le spalle epoules di tacita signora PRUDENTIA …se ora evochiamo il DETTO la Montagna ha partorito il Topos topolino poi bene incluso l’Anno del Topo dei cinesi il 2020.

  4. Prof, altro seMAIOn, la parola Carpazi, montagne della Moldavia, deriva dal logos del suo file, la parola indoeuropea KER. Lei ha azzeccato due logos con un solo file. Incredibile.

    >

    UPDATES- dal greco : Fato, sorte-destino = KER = CUORE = COEUR alla françois sia più difficile leggere nel cuore degli uomini figuriamoci nel cuore del tempo e dello spazio storico ! Sebbene ci siano i tanti refe-fili di cose che fanno impallidire e non portano luce,entro dedans la foresta che per sua natura offusca e non lascia passare facilmente i raggi del sole, ma ci sono invece le tante cupe ombre.Ci vuole altro che lampada di Aladino per camminare in questo intrigo senza pungersi tra i rovi e phulla=foglie velenose.Quindi ripetiamo prudenza senza saltare da palo in frasca , cattivo vizio da imbrigliare. Poche parole, pochissime e parole sante sono l’ago della bussola o della rosa dei Venti (XX)o dei Grandi EVENTI.ne

  5. Prof, il 2020, 20 e 20 e anche 22 e venti e VENTI (veneti ed eventi), sarà un anno straordinario sotto il profilo delle stelle, lei sa bene che avremo un altro 21 dicembre che rimarrà nella storia del tempo e degli uomini. Che bello se ogni cosa fosse rinviata all’anno prossimo!? Ma torniamo alle parole: la lingua dei Rom dicesi ROMANI, c’è forse qualcosa di “non conforme” nella figura papale rispetto a questo idioma. La parola Roma, tra le tante deriva dalla voce arcaica RUMEN, scorrere, il fiume; Nostradamus ha scritto “arrouse”. Nell’anno del 500° anniversario del Genio è impossibile non leggere al contrario: ROMA diventa AMOR (scritto da lei svariate volte) e ROM diventa MOR, c’è un rapporto semantico di amore e odio tra le due voci. Per adesso le segnalo un altro luogo straordinario dove si recherà Francesco, perché è legato a cose da lei scritte in passato e forse a Don Bosco: il Santuario di Sumulei Ciuc; qui abbiamo La Donna vestita di Sole con il Bambinello e la Luna sotto i piedi e La Corona di Dodici Stella. Stavolta, in onore dii Francesco, Buona Domenica.

    >
    UPDATES- Dov’è la PRUDENTIA? Bisogna mettere a freno la ruota e la lingua….non è possibile sfornare parole e presagi quando il filo poi si attorciglia come un cappio che autostrozza. Tempo al Tempo semmai quello giusto genau esatto ….non è ancora alla Porta.

  6. un padre certosino settentrionale (da 60 anni in certosa) qualche mese mese mi spiegava che Bergoglio è la italianizzazione (piemontese) del greco uper (yper) Orgoglio, con p e b che essendo labiali si interscambiano… per altro anche Bertinotti sarebbe yper tinot, che in piemontese antico era la pentola vuota e mezzo bucata. Come anche Bersani, yper sanus, troppo puro, buono. Piccolo contributo, saluti.

  7. Prof, geniale il suo accostamento semantico tra le Tre Parche e la parola inglese Albero, Tree. Qui purtroppo abbiamo un altro semaion: guardi lo stemma del distretto di Bacau: abbiamo l’Uro, la Montagna (Ker) divisa dalla luce chiaro-scuro, il Sole e la Luna, ma c’è anche l’Albero! Albero su fondo argento con la parte scura della montagna. L’atropia del colore sta dalla parte dell’albero. Difficile non restare interdetti. Ma il numero tre ricorre ancora, perché Francesco dovrà superare tre (3) B (lettere): Bucarest, Bacau, Blaj, per il momento basta così e speriamo bene.

    >

  8. Prof, senza operare alcuna forzatura e senza lasciarsi vincere dalle emozioni diciamo che “albero” essere RIBEN e nello stemma in questione la montagna, ker essere anche ROCCIA. “…La pietra contro l’albero…” Il Riben è al buio. Sole e Luna stanno alla stessa altezza, stesso quadrante, il cielo è azzurro, stessa ora di luce, quindi giorno ?! “Le stelle avverse “, verso EST. Francesco sarà in Romania dal 31 maggio al 2 giugno, Sole in Gemelli e Luna che parte dal Toro e arriva nei Gemelli, con Luna Nuova il giorno 3. L’uro-toro nel disegno è sovrapposto alla montagna che somiglia molto ad un disegno simmetrico-gemello, Luna e Sole congiunti in Castore e Polluce con Sole nella terra dell’uro-Tauros e STAUROS per il Tau? La Luna dovrebbe entrare in Gemelli il giorno 2 (da calcolare esattamente), “…fera son estenDUE…”). Molte emozioni sicuramente mi hanno trasportato, però ammetta questi “segni” lasciano almeno un grande PUNTO INTERROGATIVO. La saluto dalla porta-atrop in Sal.

    >

  9. Molto bella l’immagine dell’albero e la metafora nascosta e riportata nella prima pagina del testo:(IL TESTAMENTO UNIVERSALE DI NOSTRADAMUS) 1991
    Commento alla (2-36)
    ……”Seguiranno altre LETTERE,altri scenari,e soprattutto anche un grande Mistero,che abbiamo scoperto nelle LETTERE,riferito a Colui che della Chiesa detiene i Segreti….Un Mistero che ha da essere salvaguardato anche a costo di una futura Chiesa armata sino ai denti,dai prossimi Cavalieri o Crucigeri a cui verrà affidata la missione di portare in Salvo il Glifo della Vita, L’Albero della Vita, la Fonte dell’Albero Vitale….che dall’antichità Rinasce (ex antiquitate renascor)!

  10. Gaeta,l’anno 2020 (XX-XX) nel testo:(IL TESTAMENTO UNIVERSALE DI NOSTRADAMUS) a pag:168 lo trovi già descritto come l’anno di grande cambiamento tra le diverse Nazioni Europee.
    ( merito e lungimiranza del prof.Boscolo)…. cambiamento dovuto però a cosa????

  11. Ciao Giano, aggiungo che il 21 dicembre 2020 avremo una congiunzione epocale a 0° del quadrante Acquario, estremamente positiva che accade quasi ogni quarto di millennio, 240 anni. Saturno e Giove si congiungeranno nel segno delle Onde e ciò farà venire alla luce una personalità importante e positiva, uno che dovrebbe fare la storia, ipotizzo del Bene. Ma andiamo al “ker”, prof, mi consenta: quartina 2-15 dovrebbe fare da indice; dal 2° al 4° rigo abbiamo, Castore e Polluce sulla nave (nave Italia?), ci sono già, ma quanto durano i Gemelli quotidianamente gementi con il Sole che arriva nel segno dei due Dioscuri? Astro crinito, necessariamente l’anno del Porco, che non dura eterno. Erario pubblico vuoto, lo è già o si svuoterà di più, visto che lo stato perde 6 miliardi al mese, pari a circa 2300 € al secondo. Poi abbiamo una sorta di macchia di leopardo del malessere sociale, un po’ qui e un po’ là, Pisa, Asti e Ferrara. Ma alla fine abbiamo “…Torino terra interdetta”. Possiamo avere una interdizione giuridica o religiosa. Ma perché mai Torino?! Lei nei suoi scritti ha suggerito che l’interdizione può essere intesa come INTER DIRE, “dire tra”. A Torino però c’è Boscolo, è lui l’interdetto? Ma torniamo al 1° rigo: le cose predette accadono “un poco prima l’uccisione del monarca” (lei in passato ha spiegato bene chi potrebbe essere). E allora… allora forse il tempo non c’è: quanto dura “un peu devant” o bisogna cambiare monarca!; anche se chiunque voglia condurre a morte una persona può cambiare anche la sua agenda di viaggio. Le chiedo scusa della filippica; andiamo a Fanti. Forse dice la stessa cosa: “Le stelle avverse per tal segni corre…”. Non sono nessuno per emettere alcun giudizio, ma ho la forte sensazione che la metrica di lettura mal si presta al senso delle righe e per questo il TAL non trova il senso-verso giusto e per questo avverso della frase. Forse quel genio di Fanti ha appositamente lasciato l’equivoco interpretativo nella parola sdoppiando la logica semantica delle prime due righe, completamente sgrammaticate. E allora andiamo a leggere queste righe apparse nella trasmissione “La strada dei Miracoli”, la trascrizione della metrica delle righe è corretta o il verso!! è sbagliato nella sua metrica. Se io dicessi, sdoppiando i livelli semantici: “Le stelle sono avverse per il significato del verso per il tal, che a causa di tali segni e versi corre a dare notizia della…” Il tal, colui che mette le righe in ordine e mina le quartine si accorge in ritardo di ciò e quindi scopre qualcos’altro e deve fare presto per dare la notizia. La parola “corre” Fanti l’ha scritta alla fine del rigo???!!! Da Salerno, Buona notte.

    >

  12. Prof, volevo solo sottolineare la capacità straordinaria di Sigismondo Fanti di padroneggiare con gli astri come i bambini padroneggiano con le biglie in tasca. Uomo di intelligenza straordinaria che, in primis l’Italia, ma anche il mondo intero dovrebbero considerare in altro modo. Le premetto che il nostro interesse è solo quello che, nel caso fosse, di fare qualcosa. Ma, oltre quanto già detto, veniamo alle righe: abbiamo messo il primo rigo sotto la nostra lente d’ingrandimento e forse l’enigma è da risolvere nelle Stelle, che erano la sua grande maestria. Il primo rigo lo abbiamo misurato “antireverso”, “le stelle avverse” potrebbero essere ARES (Marte) e l’anti ares, ANTARES, la stella dello Scorpione, nella costellazione che genera la morte, il segno zodiacale del “Pungiglione”, “per tal segni”, ulteriore significato. Per gli antichi greci Antares era la rivale di Ares, le due stelle avverse. Questa essere supposizione, lo prescrive la sua consigliata prudenza. Le ricordo che la parola Turin, Torino ha a che fare con la montagna e, come lei ha detto, è quella che partorisce il topolino TOPOS, luogo e Buona Notte, nella speranza di trovare il” verso giusto” perché l’astro nell’anno del Porco si crinisce e con esso anche il giudizio e non basta neanche un GRANO di SALE, ma ci vuole una “criniera”.

    >UPDATES- O meglio una saliera o un sacco di sale au fin du sac ...come Lui ha scritto bisogna arrivare alla fine del sacco – alla fine del segreto stesso perchè il palato possa distinguere di ogni VERVE VERBO, LOGOS ,LOG,CEPPO, TRONCO,RAMO, LINGUA, Significazione prima di pronunciare “proferire ” -pro-femi- la profezia !
    Alunni ognuno di Sofisticata ARTE METRA et MATER , che richiede immenso impegno e costante palestra in questo ORTOM tra rose e spine e l’acutezza del fiuto a distinguere il profumo come ogni canis venaticus sia fiutando il cacciatore di indizi…indici qui indici temporali che sono le pepite lungo il grande corso del fiume eridano padano che au fin du sac – alla fine si versa verseaux nel grande ponticus , il Mare dell’esistenza in cui finisce e dimora ogni als also sale della vita !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...