CAVE CANEM ……QUO VADIS ….. EUROPA & VOLTAFACCIA di BRONZO ?

( da Conoscenze oltre il Confine- presegnalazione)

Qualche giorno fa, alcuni dei più importanti intellettuali europei – tra i quali il filosofo britannico Roger Scruton, l’ex ministro polacco dell’Istruzione Ryszard Legutko, lo studioso tedesco Robert Spaemann e il francese Rémi Brague, docente alla Sorbona – hanno firmato la “Dichiarazione di Parigi”.

Nel loro ambizioso manifesto, hanno respinto “la fasulla Cristianità di diritti umani universali” e “l’utopistica crociata pseudo-religiosa votata a costruire un mondo senza confini”.

Che hanno invocato un’EUROPA basata sulle “radici cristiane”, che s’ispiri alla “tradizione classica” e bocci il multiculturalismo: I padrini dell’Europa falsa sono stregati dalle superstizioni del progresso inevitabile. Credono che la Storia stia dalla loro parte, e questa fede li rende altezzosi e sprezzanti, incapaci di riconoscere i difetti del mondo post-nazionale e post-culturale che stanno costruendo. Per di più, ignorano quali siano le fonti vere del decoro autenticamente umano cui peraltro tengono caramente essi stessi, proprio come vi teniamo noi. Ignorano, anzi ripudiano le radici cristiane dell’Europa. Allo stesso tempo, fanno molta attenzione a non offendere i musulmani, immaginando che questi ne abbracceranno con gioia la mentalità laicista e multiculturalista“.

Nel 2007, riflettendo sulla crisi culturale del continente, Papa Benedetto XVI disse che l’Europa stava “dubitando della sua stessa identità”.

Nel 2017, l’Europa ha fatto qualcosa in più: creare un’identità post-cristiana e pro Islam. Le sedi istituzionali e i musei ufficiali dell’Unione europea, in realtà, stanno cancellando il Cristianesimo e accogliendo l’Islam.

Uno di questi musei ufficiali che di recente è stato aperto dal Parlamento europeo, la “Casa della storia europea”, è costato 56 milioni di euro. L’idea era quella di creare una narrativa storica del Dopoguerra, costruita attorno al messaggio pro-Ue di unificazione. L’edificio è un bellissimo, esempio di Art Deco a Bruxelles.

Ma come ha scritto lo studioso olandese Arnold Huijgen, la casa comune europea è culturalmente “vuota”:

Sembra che la Rivoluzione francese abbia dato vita all’Europa, sembra che non ci sia nulla prima della Rivoluzione. Viene data grande importanza al Codice Napoleonico e alla filosofia di Karl Marx, mentre la schiavitù e il colonialismo sono considerati i lati più oscuri della cultura europea. (…) Ma la cosa più incredibile della Casa è che, per quanto riguarda la narrativa, è come se la religione non esistesse. Di fatto è come se non fosse mai esistita e non avesse mai influenzato la storia del continente. (…) Non si tratta più di laicismo europeo che combatte la religione cristiana, viene semplicemente ignorato ogni aspetto religioso della vita“.

La Insana burocrazia di Bruxelles ha anche cancellato le radici cattoliche della sua stessa bandiera, azzurro campo con le Dodici stelle prese di peso dal testo della Rivelazione – DODEKASTERON – che simboleggiano quali moti simboli celesti quali capisaldi stellari come XII Nazioni maestre degli ideali dell’unità, della solidarietà e dell’armonia tra i popoli dell’Europa.

Perché l’emblema e stato disegnato dall’artista cattolico francese Arséne Heitz, che pare si sia ispirato all’iconografia della Vergine Maria. Ma nella versione ufficiale dell’Unione europea, sulla bandiera non c’è traccia delle radici cristiane. Oltre che ad avere poi una Donna come la prima Presidente dell’UEROPA CRISIANA (SIMON VEIL).

l’ora propizia per la DONNA “KAIROS” = L’OPPORTUNA CHANCE

Presa di posizione da bastian countrari inspiegabile ha avuto il l dipartimento monetario ed economico della Commissione europea, ha persino ordinato alla Slovacchia di ridisegnare le sue monete commemorative, eliminando i santi cristiani Cirillo e Metonio.

E così che non si fa una sola menzione al Cristianesimo nella bozza abortita di 75 mila parole della Costituzione europea.

Il ministro dell’Interno tedesco Thomas de Maizière, membro dell’Unione cristiano-democratica, il partito della cancelliera Angela Merkel, ha proposto di recente di introdurre le festività islamiche. “Perché non si dovrebbe pensare di introdurre una festività islamica in parti del paese dove vivono molti musulmani?”, egli ha detto.

La sottomissione sta avanzando”, ha replicato Erika Steinbach, già autorevole presidente della federazione che rappresenta i tedeschi espulsi da vari paesi dell’Europa orientale, durante e dopo la Seconda guerra mondiale. Beatrix von Storch, una dei leader di Alternativa per la Germania, (AfD), ha laconicamente twittato: “No no no!” NO MAN possa essere condivisa !

La proposta di De Maizière dimostra che quando si tratta di Islam, il laicismo europeo ufficiale “post-cristiano” è semplicemente latitante.

Poche settimane fa, a Bruxelles è stata ospitata una mostra finanziata dall’Unione europea e intitolata: “L’Islam è anche la nostra storia!”. L’esposizione traccia l’impatto dell’Islam in Europa. Un comunicato ufficiale afferma quanto segue: “La prova storica mostrata in questa esposizione – la realtà di un’antica presenza musulmana in Europa e l’interazione complessa fra due civiltà che hanno lottato l’una contro l’altra, ma che si sono compenetrate a vicenda – sottende un impegno educativo e politico: aiutare gli europei musulmani e non musulmani, a comprendere meglio le loro radici culturali comuni e a coltivare la loro cittadinanza condivisa”.

Isabelle Benoit, una storica che ha contribuito a ideare la mostra, ha dichiarato ad AP: “Vogliamo rendere chiaro agli europei che l’Islam è parte della civiltà europea e che non è un’importazione recente, ma ha radici che risalgono a tredici secoli”.

Allora di fatto – l’istituzione ufficiale europea ha voltato le spalle al Cristianesimo. L’establishment sembra essere ignaro di quanto il continente e la sua popolazione continuino a dipendere dall’orientamento morale dei suoi valori umanitari, specialmente in un momento in cui l’Islam radicale ha lanciato una sfida di civiltà all’Occidente. “È semplicemente un problema di ‘pieno’ e di ‘vuoto’”, scrive Ernesto Galli della Loggia, nel quotidiano italiano Il Corriere della Sera. :

È impossibile non considerare che mentre dietro il ‘pieno’ si stagliano i profili di due grandi tradizioni teologico-politiche – quella dell’ortodossia russa della Terza Roma da un lato, e quella dell’Islam dall’altro – dietro il ‘vuoto’, invece, c’è solo la progressiva evanescenza della coscienza cristiana dell’Occidente europeo”.

Ecco perché è difficile capire la “logica” alla base dell’animosità ufficiale europea nei confronti del Cristianesimo e la sua attrazione per un Islam essenzialmente totalitario. L’Europa potrebbe essere tranquillamente laicista senza essere ferocemente anti-cristiana. È più facile capire perché migliaia di polacchi hanno partecipato a una manifestazione di massa lungo i confini del loro paese per protestare contro “la laicizzazione e l’influenza dell’Islam”, che è esattamente la linea dell’assurdo credo ufficiale dell’Ue.

Durante la Seconda guerra mondiale gli Alleati evitarono di bombardare Bruxelles, perché doveva essere il luogo della rinascita europea. Se l’élite europea continuerà con questo rifiuto culturale della propria cultura giudaico-cristiana e umanistica, la città potrebbe essere la sua tomba.

RINGRAZIAMENTI a : Giulio Meotti – redattore culturale del quotidiano “Il Foglio”, è un giornalista e scrittore italiano. Pezzo in lingua originale inglese: Europe’s New Official History Erases Christianity, Promotes Islam

Traduzioni di Angelita La Spada per https://it.gatestoneinstitute.org

Fonte: http://www.imolaoggi.it/2017/11/04/la-nuova-storia-ufficiale-delleuropa-cancella-il-cristianesimo-e-promuove-lislam/

Annunci

14 pensieri su “CAVE CANEM ……QUO VADIS ….. EUROPA & VOLTAFACCIA di BRONZO ?

  1. Buongiorno a tutti
    La storia europea è molto più antica dell’Islam, che è rimasta ai tempi della nostra Santa Inquisizione ,se non si ottiene perlomeno una attenta reciprocità di considerazione , non è il caso di dare tutti questi spazi , anzi .
    La Religione una volta era La Scienza , fino a che non ha negato se stessa e quindi sta scomparendo dalla mente e dal cuore della gente e della politica .
    Per quello che riguarda Bruxelles e il governo Europeo , gli errori di economia e di programmazione che non esiste o meglio non è nota sembra diretta ad un conflagrazione Mondiale parlando di Pace , in realtà mettendo le basi di una divisione a causa della disparità economica in Europa vedi Grecia , Italia e poi Spagna e poi ….basta leggere le indicazioni sul futuro del prof.!!!
    Inoltre La Germania con il suo comportamento come minimo insensato , sfruttando la sua posizione, politica e di peso rilevante nel governo Europeo , ha fatto danni ancora maggiori che nella prima e nella seconda guerra mondiale , e non ha MAI pagato i debiti che DOVEVA pagare e anzi ora pretende che Noi europa del SUD , paghiamo al posto loro , non corrispondendo all’Europa di Bruxelles , il giusto comportamento economico , in una parola ci stanno portando alla morte per inedia e al Populismo , ovvero alla ribellione .
    Il Papa ha ragione , non serve negare il Cristianesimo giudeo per favorire l’Islam credendo di fare opera di bene , arriveremo lo stesso ad un grave confronto La Primavera Attende ….

    UPDATES- di fatto c’è sempre una Pasqua in Quaresima KARESME -KASERMA…nel percorso politico che è ancora di nuovo = nuoveau ha da manifestarsi o Parachever – Parachevrer logos a due sensi come ossimoro antitetico significante quanto avverrà sul filo del Rasoio che deve tagliare il Nodo Gordiano(Grasso in spagnolo)ma chi sarà l’Alessandro o l’ISKANDER nella nostra Storia che imita il passato o il nostro Vicino Macron ?C’è pure Vestige o lo Stige che aspetta alla porta dell’inferno i dinosauri despoti- Allora manca il difensore degli Uomini secondo Daniele ?
    Tutto bolle sul fuoco del pentolone, crogiolo del Diavolo fa le pente-pentole – ma non i querci-guerci ed i coperchi! Giostra di numeri della nostra cabala tutta italiana che ancora sta appesa alle sorti del sorteggio(MILANO)altro che farmaco o cura da cavallo o sanatoria o emendamento delle cose guaste previste per l’anno a finale 18! Vedi esagramma cinese ed il ventaglio dei contenuti…che si snoccioleranno lungo tutto il 2018 incluso l’articolo 18 (Lavoro-Opera)i suoi UNIVOCI effetti sula prossima 18° Legislatura, quanti 18 !!! Ci sarà un motivo se le cifre pesano nel destino di ognuno come di tutti.

  2. Prof, volevo porre l’attenzione proprio sul mondo islamico e sull’ “opposto clima babilonico” che ormai è alle porte. La violenza di ieri sul “Centro del mondo” richiama forse alla quartina 5-96 di cui lei tanto ha parlato. La pagina 307 de “L’enigma risolto” abbraccia eventi che in questo momento sono in auge: “sang public ESPANdu” e “POUR NOuveaux”, ma coinvolge anche lei e il ritardo dell’atteso exploit. Alla prossima

    >

  3. Prof, lei scrive: quanti 18 !!! Stiamo leggendo alcuni passi de: “L’elogio della follia” di Erasmo da Rotterdam a causa della sua risposta al commento. Impossibile allora non leggere la pagina in questione de “I destini d’Italia”. Stranamente la pagina è numerata DICIOTTO-18. Ma collegare l’ultimo rigo, “…che ritarderanno dei buffoni le loro follie…” ad Erasmo come ha fatto lei, a parer mio, è una straordinaria operazione di intuito semantico che lascia intendere che Nostradamus ha scritto quel rigo riferendosi al filosofo. Ma chissà la “palude infernale (Stige)”?? Alla prossima

    >

  4. Prof, le chiedo scusa se insisto. Quando lei indica una quartina c’è sempre una ragione. Al primo rigo abbiamo: “Romain pouvoir sera du tous à bas…” Non voglio cercare di leggere quello che Nostradamus non intendeva dire, però oltre al significato letterale: “Il potere romano sarà del tutto abbasso…”, il riferimento al parassitismo della lupa romana causa del malcontento sociale lo si evince da “POUvoir”, POU è pidocchio con il riferimento alla mano, “roMAIN”. La MANO che “gratta” in tutti i sensi e fa “man bassa” tenendo la “vista bassa” e quindi fregandosene di chi si gratta in testa per la difficoltà: pouVOIR, “voir” vedere. Ma ancora l’ultimo rigo, straordinario: “…retarderont aux boufons lEURs folies.” con il “ritardo” che in latino è “mora” (sue citazioni), la “messa in mora” e l’euro; ma in italiano il ritardo è riferito anche alla mente ed ecco di nuovo la stoltezza, il ritardo mentale, la “moira”, la pazzia. Eccellente la comprensione del veggente a riguardo delle sanguisughe che ci governano e che mettono in atto i loro deliri. Persone non eque e quindi NEQUIS e qui è preferibile non andare oltre. La saluto

    >

  5. Prof, la risposta da lei data nel file precedente lascia intendere che c’è la possibilità che in Francia qualcuno possa passare a miglior vita: un’anima francese potrebbe essere traghettata nella palude infernale dello Stige e in Italia potrebbe accadere la stessa cosa. Il nome del fiume deriva da “odiare”: il fiume dell’odio, diventa semplice allora pensare al presagio 123. Ed ecco gli: “…occulti odi civili e dibattiti…” che lei chiama “querelles”. Al posto delle Grazie avremo le Erinni. Basta leggere pagina 19 de “I destini d’Italia” per capire verso quale delirio andiamo incontro, frutto dei parassiti, i pidocchi romani, una oligarchia folle che tiene un popolo schiavo e che ha ridotto il paese sul lastrico. Ma bisogna ben considerare le pagine 144 e 145 di “Ultime rivelazioni” e quindi “imitare le VESTI”, la moda, ma anche “i poteri occulti” ed “i poteri dei culti”. Buona notte

    >UPDATES_ Non esattamente la quartina “3-63” avrà a suo tempo opportuno e maturo l’esegesi specifica perché ora è prematuro e come sempre copia incolla da parte di altri cronici ,per cui solo prima delle ELEZIONI…eccoci poi ai logos tipo STIGE-INFERO… di chi ha toccato il fondo e come in Francia…sarà ComPARISon !Tra due sarà-farà COMPARAZIONE…compagni ?

  6. Prof, le spettano sicuramente dei complimenti riguardo a Grasso ed al Nodo Gordiano. Ha ben individuato la logica semantica degli avvenimenti a venire. Ma Alessandro, a quanto pare, tagliò il nodo con un colpo netto, non potendolo sciogliere. In che modo si può fare la stessa cosa con il “nodo” creato da Matteo. Straordinario Boscolo, alla prossima.

    >
    Updates- Impressionante l’ultima new sul GRASSO COLA (di)RIENZO!!!!
    Grasso in spagnolo GORDA GRASSO…quindi ” GORDIANO ” ecco cosa mancava alla umana memoria semantica che qui bene amo citare e scoprire semmai altri arrivano a carpire le anfibologie storiche che ci porteranno poi al micron ed al macron di specifica quartina non senza metter sotto fuoco la ” 78″ su FLORA che di fatto deve avere una rilevanza singolare nello scenario venturo!.Al prossimo File sul Velo del Grande Inganno della politica italiana di questo ultimo ventennio che già molti pullulano con il ventennio dell’altro Facher ideologico tutto nero! .

    • e quale calembour considerare he proprio oggi il presidente del senato Grasso, tradendo la neutralità che il ruolo affidatogli dalla repubblica imporrebbe, ha fondato un suo movimento politico, collo scopo di far colare a fondo il cola di Rienzo. Un altro passo verso il destino tracciato dalla bussola della profezia

  7. Prof, questa è troppo bella. Ma se “Cola” troppo “Grasso”, si rischia di soffocare. L’espressione “grasso che cola” è stata molto usata dall’ex premier nelle sue esternazioni. Lei cita una brutta quartina, però vorrei ricordare, senza alcuna vena di disumanità (anche se quanto male Cola ha fatto!!!, specie ad alcuni), quello che scrive un Anonimo sulla morte di Cola di Rienzo: -“Era grasso. Per la molta grassezza da sé ardeva volentieri. E le sue ceneri furono sparse al vento. Buona giornata

    >

  8. Prof, le chiedo scusa se continuo, ma abbiamo subito l’eco previsto da Nostradamus. Nelle Ande, Venezuela, abbiamo “il Petro”, nuova moneta virtuale e negli Appennini abbiamo “il Pietro”. Penso che c’è “grasso che cola” da ambo le parti. Ci aggiorniamo

    >

  9. Prof, il pentolone inizia a bollire. Incuriosisce l’attacco che viene da destra al palazzo de “La Repubblica”, la “…maison de repubblique…”. Come se il linguaggio iniziasse a comunicare gli avvenimenti a venire: “…où hors MIS peu…”. Ma la quartina 7-8 avanza e cade un altro VELO dei tanti che coprono Cola di Rienzo: c’è la sua manina dietro i 101 franchi tiratori che non consentirono a Prodi di diventare presidente della repubblica. E ecco Flora ed il Romano a singolar tenzone: “Flora, fuis, fuis le plus proche Romain…”. La parola INGANNO è collegata semanticamente ad “errore” ed “errare”. Questa volta spero di non sbagliare, ma “la caduta”, CHERRA, che da anni è scritta nei suoi testi come PADANJE, Nostradamus la attribuisce alla scuola ed al colle, ma attenzione alla CHERA!!!!. Ho l’impressione che dietro il delirio tutto italiano del docente errante e deportato, frutto della follia di una persona che è diventata follia di stato che ha causato una tragedia sociale ed ha generato un’altra questione meridionale, ci sia una grande frode ed il velo sta venendo giù, sta crollando con una ESCALATION. Scena dipinta con una bravura estrema dal veggente quasi come se fosse un sipario che sta per mostrare cosa c’è dietro le quinte. L’ho letto tanti anni fa nel suo testo e mai avrei pensato di dover essere un agnello da sacrificare nella tragedia delirante intitolata: “CHERRA L’ESCOLLE”. La lascio e la saluto come sempre

    >

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...