IERI ERA Saturno Falcifero che mangiava o germangiava i suoi stessi neonati-figli.CHI altro recita da Padre cannibale ?

La parola antica o meglio preterita oggi richiama l’esegesi che abbiamo posto nei nostri testi passati – Quanti così ha mirato a fondo all’inner sub Rosa , le molte significazioni come della perla dentro l’ostrica – Anni di studio a meditare del mito e il simbolo, la profezia si espleta nei testi rinascimentali e così portando alla luce le significazioni che si srotolano lungo i secoli della storia Umana.Ovvero Crono sposò Rea ed ebbe numerosi figli ma, avendogli Gea predetto che uno di essi l’avrebbe spodestato, egli li divorò tutti eccetto Giove, che Rea riuscì a mettere in salvo. Quando fu pronto, Giove-Zeus affrontò il padre, Saturno – Crono, uccidendolo dopo averlo evirato.

Dal mito greco la figura di Saturno ovvero Crono-Saturno,il dio del Tempo dedito all’infanticidio temendo il vaticinio pronunciato ai suoi riguardi, che preannunciava la sua defenestrazione ad opera di un suo nato. La madre REA ovvio da sposa divina per non saziare la voracità del dio, ad ogni presunta nascita provvedeva ad avvolgere con dei panni il Putin, Il Putto e così lo stomaco del Dio ingoiava una Pietra( forse da questo lontano evento del la Pietra nello Stomaco – ma di una Era o sfera celeste che ai quei tempi così ingoiava i nuovi mondi circostanti…? ) Allegoria che di fatto cela un’altra lettura ? Quando avvenne la nascita del nuovo Nato (ZEUS- Giove putto,lattante…putin)la provvidenziale Madre divina, ricorse allo stesso stratagemma. E così fu salvato l’Infante Giove che venne affidato alle cure…dello svezzamento nutrizionale alla Capra Altea ( da cui ogni simbologia legata alle Corna e alla Fortuna che dissemina così le sue ricchezze auree.Da cui si concilia l’idea strale che il segno del capricorno segno di terra sia il massimo di chi egocentrico accumula ricchezze da insuperabile Tycoon).

Defenestrato Crono che la leggenda lo descrive ramingo in terra Saturnia. Dopo essere stato castrato da Giove e così assunse il ruolo di Re del Mondo- dell”Olimpo.

L’aspetto di saturno richiama ancora lo stato dell’errante peregrino coi lacci ai piedi , alle caviglie, simbolo di schiavitù.< piedi e tallone sono correlati ai segni dei Pesci ed alle nazioni, popoli, metropoli sotto i Pesci SAMAK fanti, eserciti, pedestrians, marciatori,trasmigrazioni, invasioni, marce forzate, ballerini, calciatori,piedi piatti…)

Quanto il mito di uno stato e condizione da pellegrino, esploratore, invasore che si lega ai piedi(piedi in fallo ?)come slavi o schiavi…che richiama dell’antichità le feste romane dei Saturnali (Dicembre) in quei giorni ogni licenza e libertà prendeva il sopravvento contro ogni ordine e autorità , licenze di ogni genere morale che cancellavano ogni doverosa etica.

Poi finite le Feste il NUOVO ORDINE ovviamente veniva ristabilito e l’Autorità prendeva il pieno controllo e rispetto delle leggi. Idem come Giove che assunse il Potere contro il vecchio padre Falcigero, cassato dall’Olimpo Celeste. Incredibilmente in questo mito non solo assistiamo alla brutta copia di un corso i cui eventi oltre il tempo stesso, marcano come il Vecchio Tempo = Старое время = Staroye vremya- sia inesorabilmente abbattuto dall’evento di una Nuova Generazione sinora atrocemente mandata nei gulag, imprigionata.schiavizzata -ammanettata.condannata senza libertà !

(Slavi – Schiavi – Omen Nomen- che ha il Logo FRANCHI liberi dunque i popoli Franchi, gli Occidentali). Ma Tutto dipende dal vento che tiravjetër- vetere…antico e vecchio vento che muterà direzione e clima lungo la madre terra slava. (vecchio e vento e vetero sono logos same-anfibologici in lingue slave). Qui evidenziamo che al logos ventivento TEWNTY (XX) EIKOSY (in greco)οι Είκοσι richiama da tempo quanto postato dell’anemos(il vento) e sia le cifre di epoche,ventenni , quali Ere allo specchio del tempo (Vetry = 20 in russo). Parliamo dei passati Ventenni – come già spiegato del quattro venti = 80 (francese)! Ovvero la Verità da seminare ai Quattro Venti ! E diventare russiani dagli Ottanta = 5780 = 2020…al DOPPIO VENTI che corrisponde al Calendario dell’Istoria globale con quello Biblico(5780).Mai scordare queste datazioni postate da decenni e sino dagli anni 80…renaistr senso sinoira considerato impossibile. INVECE ECCO i FATTI COLLIMARE ! Nessuno potrà negare quanto comprovato già scritto in merito come abbiamo chiaramente esposto tanto il calembour del logo ruffiano e russiano tu doventi– sia chiaro quanto detto e spiegato dal rigo della quartina del Sigismondo Fanti…” onde piacere ai Potenti doventi !

Ovvero anche del doppio venti…come dovent- the Oven (inglese)sta per forno fornace)Appunto nella quartina dove è citata la grande fornace = Grand Fourneron– della vaticinazione sull’Ukrainara !!! E così come – l’aria rovente che tira – incontestabilmente come avverrà al Vento Aquilonare Boreale minacciante l’Europa intera da parte del Russiano (PUTIN) questo datato sin dal 2006 su SUMMA PROPHETICA così postato inconfutabilmente con il logo :

Z A R A S P U T IN ! =ZAR RASPUTIN !

(I)Tali vaticinazioni saranno poste sui Piatti della Bilancia quando altri eventi implacabili oltre ogni piaga già sofferta della spada che sarà girata nella ferità di questa generazione tanto sorda alla parola del Profeta.

Meglio ancora con determinazione quanto esposto sull’Enigma Risolto(Oscar Mondadori 1989) lo scenario che abbraccia l’era della Grandissima Falce o Falcigero Saturno nei tempi e nelle cifre esposte sorgente di RIVOLUZIONI GEMELLE(GEMING in cinese = 革命- Gémìng- Rivoluzione)

Tanto quanto di numero gemello = ER- DEUX- Doppie esgaux parti endroit.posti – der stelle luoghi,geografici, ovvero Topos ove ecco sono così catalizzati i popoli da tante Disiguaglianze ed Uguaglianze di nazioni di fatto per decenni + sotto il tallone dell’Era della Falce Scithia (Scytie in ingl, la Falce /Serpa) Sarmatia-Sarmazia!. La Russia Sovietica e quanto oltre i tempi richiama tale vento-eventi di scottante attualità bellica.Dalle pagine 51-52 di seguito nell’Oscar ecco quanto collima con lo scenario della nostra storia.

Images del testo

Du Malin…della DUMA RUSSA ? Inclusivo senso da non scordare come in una scatola cinese i logos sono racchiusi.
Coometario del passato secolo. Bene considerareil lavoro di esegesi che nessun altro ha sinora stilato per i posteri a prova e documentazione di tanta volontà di chiarificazione e divulgazione.

Quindi per ogni quartina ( inconfutabile la 1. 16)in cui la dicitura FAUX= la Falce sarà sempre manifesta in correlazione con l’URSS o Russia- Scytia Sarmatia del tempo di AUGE e ROVINA così del passato dei Sovjet come richiama l’attenzione e l’assimilazione dello scenario per le altre pagine dell’Oscar e ancora aprés SERPA i Updates – Dati svelati del nuovo corso storico.

Ecco perché fa bene il lettore così rileggere del passato i molti scenari esposti ,quanto così allarga gli Orizzonti e intuire come la mente umana sospetta a ragione i giochi di potere altrui nella Grande Dama nella Scacchiera Orientale. Molti louogi der stelle del pianeta -ovvero in tedesco anzitutto lampante lieu= Der Stelle, Endroits siano stati i teatri ODEON delloa separazione faclciatrice divisiva, dei fronti. Faccia a faccia (Thge WALL- Il Muro di Berlino) in cui Caino fa la festa alfratello Adelpho , l’Abele di Turno (Vedere la quartina dei fratelli Nagi in Ungheria 1956)- FAME da Lupo con la sua voracità ed invidia altrui contro lo stato libero, indipendente del proprio lavoro e Benessere.

La storia antica così concentrata all’esempio del leggendario del Frutto proibito(la Mela rossa) a causa dell’avidità umana di tale inganno micidiale che è sotto i nostri occhi(La Mela rossa di ODESSA). Occhio al GRAND MAUX…. MASCOW Malin ….Il Grande Male KAKOS DEVIL + che mninaccia l’Uomo o ADAMO come nel Paradiso Terrestre(ma ADAMHACH in irlandese = ATOMICA, frutto rosso(ADAM in ebraico che è da noi detto TOMATICA e sia in ingl. TOMATOS = il POMOdoro) –

Quindi carrefours di tale calembours che è l’appetize della semantica così fatto carpos – appetitoso frutto per l’insalata russa ? Ma cela così anche l’inganno della ROUSSES , la storica sombologia della SERPA(FALCE in russo- la grandissima Falce offensiva dell’abate Gioacchino e della Rosa in PUGNO di premier profezia) E SERPA-SERPENTE infatti con le spire falcifere mortali ,oppressive eccoci infatrti alla Grande FALCIGERA trebbiatrice cannibalica di popoli per le doppie Rivoluzioni avvenute in questo mondo. Bene manifesti i cicli dei trentennali o sessagesinali ripetizioni epanolessi lungo tanti secoli(descritti nelle Centurie = The Century).

Martello e la Falce sinistrale già di fatto fenatrice (2-15 : Quando Mercurio nell’Arco Saturno fenerà-Fe nera ?) – Quindi visto il vessillo nela sua slava – gloria invece altra è l’Immagine simbolo di partito Marxismo AUGE e poi il seguito après di tale stellato militare Marchio di Rovina intera dell’Umanità…ferita e colpita da tale piaga e pestifera onda undaquadraginta a detta della sestina – Che è posta a correre dall’Una(UNITED ala LUNA) all’altra Costa(Cina).

A cui segue l’aunncio delal fiamma che brucia l’Ulivo Ramo della Pace…TIRANTE VENTO O ARIA DI GUERRA. Ora Teoria che spira con il vento che porta sulla sua Groppa la Scaralatta(ROSSA) Dama di tante abominazioni e la fiale, coppa colma del sangue di martiri Kamikaze.

Ogni stagione alla fine dei tempi la sua routine TAWRA- Ruota e RIVOLUZIONE astronomica solare comporta così il mito della Saturnalia, in cui i franchi ovvero liberi difendano o siano popoli, nazioni bene liberati dai ceppi lordi di un’era di falsa fausse faux Ideologia e quindi dalle menzogne MISTAKES ad operea dall’inganno – Innalzato e imposto da chi porta la Maschera da gfrande Satiro colui che recita sulla scena del mondo. Ma aprés…serpa che dopo tanto Kaos invece cambiano i Poli della Sfera ,della ROTA TAWRAH e nuovo nouveaux ci sarà l’equilibrio l giusto po il grande soqquadro perchè il Bene ritornerà status quo dell’ORDINE- RENAISSANCE dicono i miti ovvero il retourne dei Tempi avvenire di altra Età Saturnia, quella AUREA a detta della Sibilla in Caput Mundi.

52 pensieri su “IERI ERA Saturno Falcifero che mangiava o germangiava i suoi stessi neonati-figli.CHI altro recita da Padre cannibale ?

  1. “”(la grande fornace = Grand Fourneron– della vaticinazione sull’Ukrainara !!! E così come – l’aria rovente)””

    La centrale atomica più grande , chi ha in mano quel sito ha in mano l’Europa attenzione a come si usano queste energie….

    L’ ATOMO, il cosiddetto nocciolo tutto si riduce ad esso. E’ costituito dal trio: Materia, Energia, Coscienza.

    La paura è che queste energie scappino nelle mani di persone instabili e pericolose…..

  2. ” GERMANGERA'” Così come esplicita la quartina (1 – 54) in questo lasso di tempo -century- 1922 – 2022 ( 22 “segni mobili”).Così come la grande potenza Tedesca ha cercato poi di mangiare (germangiare) con la sua forza bellica l’intera Europa,così la Russia cerca di ripetere di nuovo il suo Vecchio,Antico piano.

      • Ma ci sono altri numeri che dal corso dei governi italiani sino allo stallo attuale palesavano numeri decisamente abissali e rovinosi…ma la lezione postata da tempo( dal 66°67°68,69 ?) cosa accadrà coincidere con la glifo del Cancro= COniglio COnsiglio ? (Cancro…il Grande Male d’essere così Anfibologia del logos nello stesso tempo cronosemantico).

  3. PROF. BOSCOLO, proliferano le crisi col potenziale di disastro nucleare. Il monito è arrivato dal segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, da Hiroshima, nel 77° anniversario dal primo attacco atomico della storia. Era il 6 agosto 1945 quando il B29 Usa “Enola Gay” sgancia su Hiroshina la prima bomba atomica usata per fini bellici, causando in pochi secondi 10mila morti. L’esperimento viene ripetuto il giorno 9 sulla cittadina di Naga saki provocando 35mila vittime. Guterres ha avvertito del rischio rappresentato dalla crisi in Ucraina, Medio Oriente e nella penisola coreana descrivendo gli orrori subiti dalla città giapponese. Decine di migliaia di persone sono state uccise in questa città in un batter d’occhio. Donne, bambini e uomini sono stati inceneriti in un’incendio infernale.
    Oggi “le crisi con gravi toni nucleari si stanno diffondendo rapidamente” ha detto Guterres, ripetendo gli avvertimenti lanciati questa settimana in una conferenza sul trattato di non proliferazione nucleare a New York.
    “L’umanità sta giocando con una pistola carica” –

  4. PROF. BOSCOLO, l’ultima missione del nostro ministro degli Esteri Di Maio, ha incontrato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky per confermare l’appoggio italiano a Kiev. L’Italia non abbandonerà il popolo ucraino, aggiungendo che è fondamentale ricercare la via diplomatica per “ritrovare la pace e difendere la democrazia” noi non potevamo che aiutare e sostenere questo popolo, che fornirgli tutto l’aiuto possibile per difendersi dall’invasore. Gli ucraini non stanno difendendo solo sè stessi ma stanno difendendo la libertà di tutta l’Europa. Dobbiamo augurarci, che si continui a sostenere con tutte le forze possibili questo Paese perchè l’Ucraina è la frontiera dell’Europa.
    Poi, una visita a Irpin,: una città distrutta, una città rasa al suolo, c’è ancora chi nega i fatti che sono avvenuti ad opera delle truppe russe, ad opera di Putin. Chi minimizza è complice del massacro. Non potevamo ignorare il grido di dolore di un popolo coraggioso, che non ha rinunciato a difendersi e a difenderci.
    ZELENSKY: Ringrazio per la visita, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. E anche il governo della Repubblica italiana, personalmente il presidente del consiglio Mario Draghi e tutta la società italiana per aver sostenuto l’indipendenza e la sovranità dell’Ucraina,
    Il vostro sostegno è molto importante e prezioso per noi. –

    • Bisogna far chiarezza per capire il momento ,senza dubbio la cosiddetta pandemia e poi la guerra in ucraina….. è stata necessaria come pretesto per fermare e far crollare l’economia mondiale e il suo tessuto sociale, con conseguente chiusura definitiva di molte imprese, interruzione delle catene di approvvigionamento, aumento della disoccupazione e recessione economica. Allo stesso modo, approfittando dell’avvicinarsi dell’inverno i corrotti sono pronti a creare una grande interruzione di corrente e di gas, in modo che la gente muoia di freddo, in coincidenza con un inverno gelido e milioni di morti a causa del vaccino tossico preparato per spazzare via una parte della popolazione mondiale.
      Gran parte della Cina soffre anche di carenze di energia elettrica, tra continui problemi nella catena di approvvigionamento, che stanno causando ritardi nelle spedizioni e carenze di merci in tutto il mondo, così come l’allarmante aumento dei prezzi del gas e della luce, carburante e cibo. Qual è la causa di questa crisi del carburante, che sta causando sempre più frequenti blackout in tutto il mondo? E perché i prezzi dell’elettricità e del gas stanno aumentando in tutta Europa? (SPECULAZIONE)
      Si profila una grave crisi energetica ed elettrica, e di conseguenza una crisi alimentare mondiale, che porterebbe a un’emergenza di fame e povertà come mai si era visto prima. Per questo è necessario prepararsi e protestare contro tutto ciò che ci viene fatto in modo ben pianificato!!!!!

      Come si vede siamo alla svendita dell’Italia, l’Europa non unita in ogni cosa vuole farci fare la fine della Grecia, ma chi sarà il Paladino della libertà che Nostradamus e Fanti menzionano e hanno dedicato molte quartine a questo personaggio costruito dal Fato ?(destino) Oramai molto presto verrà alla ribalta…..

      IL DIAVOLO FA LE PENTOLE, MA NON ICOPERCHI….

      • A inizio anno (Tigre 2022 ) riportammo che ci sarebbero state complicazioni nel campo energetico….Corsi & Ricorsi!!!

      • Speriamo faccia presto….questa tornata elettorale non servirà a nulla, entrambi i (finti) schieramenti opposti in realtà nel loro programma continueranno a sostenere l’infame agenda politica ed economica a dettata dagli usa applicata dal vile banchiere e devastante per Italia ed UE… Le poche e reali formazioni che mirano al ripristino della nostra sovranità hanno disperso le poche risorse in stupide divisioni che non sortiranno ad un risultato significativo….per ora …

  5. Prof, buonasera da Salerno; proprio da uno dei suoi innumerevoli Luoghi andiamo a capire come la mente e le Parole si intersecano, purtroppo fuori file e le chiedo scusa. Il mio pensiero “pensa” di nuovo: a CELLE di Bulgheria, luogo misterioso e mitologico di questa sterminata Provincia, nei giorni scorsi è accaduto una sorta di miracolo: nella frazione Poderia, un FULMINE colpisce la Basilica di Santa Sofia. Brucia tutto l’altare e quanto sta intorno ad esso, tranne l’immagine della Santa, che comunque è di carta (si vedano le foto in rete). Molti hanno gridato al miracolo. Cerco di non “impastare” le parole: ma è inevitabile guardare l’antico e indecifrabile stemma del luogo, un ARCO con FRECCIA (STRALE) in oro zecchino, bellissimo nella grafica. Dico quanto basta: “chiAR QUI dimoSTRA LA malvagia stella…”, STRAL-FRECCIA scritto da Boscolo in uno straordinario file (e commenti) tempo addietro. Ma STRALA è anche IL FULMINE in sloveno e ARQUI è ARCO in portoghese. Ma all’ultimo rigo abbiamo: “…A PIù puoter urtar tua naviCELLA (singolare di celle????!!)”. Da “puoter-potere” deriva PODERE????!! API è sempre l’indonesiano FUOCO. La saluto in ripresa e in attesa di un cartellino??!

    >

  6. Francesco domani a L’Aquila, APRE LA PORTA, QUELLA DEL GIUBILEO! Capire la Basilica di Collemaggio, il suo ROSONE principale e quelli laterali forse è impossibile. Combinazioni numeriche e stellari impressionanti che qui non posso ripetere perché troppo lunghe, non ho ancora l’energia idonea. Ma siamo già alla ricerca di molto altro nei luoghi mitologici e anche danteschi nel sud sterminato e affascinante di questa provincia! Prof, a presto, forze permettendo…alla ricerca di altro fiume terribile: “…fortuna tempestosa iniqua e RIA (???!)…”

    >

  7. Riflessione intensa e un “granello di Sale” a Largo Campo: Ma perché CHI essere CHIARO deve dimostrare una STELLA malvagia che ha necessariamente a che fare con uno STRALE???! Statuto del comune di Celle di Bulgheria che recita che arco e freccia sono capovolti!!! Qui abbiamo confrontato il disegno della costellazione dell’Aquila con l’Arco di Celle, stessa geometria!! Ma un Rosone può essere una Stella? Numeri impressionanti nel Rosone di Collemaggio e fascino infinito…che continua con trenta fiate! A presto o ad appena possibile!

    >

    • Si spiega che stanno cancellando e revisionando avvenimenti e parti di storia che possono inficiare la narrazione della realtà …..come vogliono che venga rappresentata
      (perché) considerano pericoloso ogni fattore che induca a pensare con il proprio cervello o suscitare legittimi dubbi….in soldoni vogliono tenerci addormentati ed ubbidienti…

    • Nonostante tanta declamata libertà di parola,pensiero,opinione…chi è responsabile di si fatta censura editoriale oscurantista come contro cui lottiamo da oltre semanticamente dedans le temp il tempo tra due millenni.

    • Riporto qua cosa ho trovato qua e la… oltre all’oscurantismo, penso che non ci siano in giro molti studiosi…o cercatori, poichè se non fosse così si sarebbero trovati gli altri libri del Sigismondo oggi ancora sconosciuti. Ma tutto segue un suo filo…. una sua logica…
      —————————————————————————————————————

      FANTI, Sigismondo. – Le notizie riguardanti la vita e la figura del F. sono molto scarse e si ricavano per la maggior parte da quanto l’autore dice di sé nelle due opere che ci sono pervenute. Nato a Ferrara, egli visse all’epoca dell’Ariosto e fu attivo nel primo trentennio del sec. XVI. La prima data sicura è quella del 1514, anno in cui vide la luce la Theorica et pratica … de modo scribendi fabricandique omnes litterarum species, un trattato di scrittura in volgare, nonostante il titolo latino, stampato a Venezia, ad opera di Giovanni Rossi da Vercelli. Nel dedicare la propria opera al duca Alfonso I d’Este, il F. si dichiara professore delle arti matematiche; e in effetti le opere che egli afferma d’aver composto “con gran fatica e laboriosi affanni”, e che vengono elencate in numero di ventidue dopo il proemio, sono di carattere prevalentemente geometrico e astronomico, oltre ad alcune che hanno titoli più curiosi, come Scala fortunae, De ludis diversis, Super laminas planetarum. Ma anche se nel novembre 1526, con la licenza di stampa per il Triompho di fortuna (la seconda opera del F., di cui si dirà sotto), verrà concessa anche quella per una Grande Algebra, ditta Arte speculativa (Sanuto, p. 264), nessuna di tali opere matematiche è giunta a noi.
      La Theorica et pratica è divisa in quattro libri, il primo dei quali tratta in via preliminare di tutto quanto necessita a chi vuole apprendere l’arte della scrittura (i tipi di carta e la loro preparazione, gli inchiostri, le penne e gli altri attrezzi necessari), mentre i tre libri successivi espongono le regole, esemplificate con adeguate illustrazioni, atte a tracciare i vari tipi di alfabeti e di lettere attenendosi a rigorosi procedimenti geometrici. L’importanza e il significato del trattato, che conobbe una notevole diffusione e fu da altri imitato e utilizzato (l’incisore Ugo da Carpi ne riprodusse ampie parti nel suo Thesauro de scrittori. Opera … la qual insegna a scrivere diverse sorte de littere, Roma, Blado, 1535), sono stato ben messi in rilievo dal Casamassima. In un bellissimo passo dell’introduzione al terzo libro il F. offre una suggestiva rappresentazione della propria vita. Dopo avere viaggiato e soggiornato presso diverse corti; dopo avere incontrato papi, re, principi e capitani, aver dato loro consigli “in ben et in male” e avere preso parte a diverse battaglie; dopo avere studiato un’infinità di libri di scienza e divinazione, egli si è reso conto “ogni cosa essere fantasme, bararie, finctione, tradimenti” e che “in verità ogni cosa è summa stulticia, excepto che amare il summo opifice insieme con li scientifici homini” (Casamassima, p. 24).
      Un’altra delle pochissime date sicure della vita del F. è stata appurata da Albano Biondi, che ha rintracciato nell’Archivio di Stato di Modena una lettera del F., forse autografa, e l’ha trascritta nell’introduzione premessa alla ristampa anastatica da lui curata del Triompho di fortuna (Modena 1983). Nella lettera, datata 9 dic. 1521 e indirizzata ad Alfonso d’Este, il F., pur pregando il duca di annoverarlo fra i suoi “fidelissimi vassalli e servitori”, gli chiede come gran favore e “cosa gratissima” una raccomandazione che consolidi la propria posizione presso Andrea Gritti, allora provveditore generale dell’esercito veneto, che sarà doge dal 1523 al 1538, e al cui servizio egli allora si trovava in qualità di ingegnere militare. In effetti il F., dopo una vita errabonda e travagliata (“per longo tempo sono stato infortunato et errando per il mondo”), dovette stabilirsi a Venezia ed esercitare tale attività alle dipendenze della Serenissima, secondo quanto confermano i cenni contenuti nei Diarii del Sanuto.
      Sempre in questa città, nel gennaio 1527 e stampata “per Agostin da Portese … ad instantia di Iacomo Giunta mercatante fiorentino”, vide la luce l’altra sua opera, quel Triompho di fortuna cui si accennava. Accompagnato da due privilegi decennali di stampa, uno del 3 luglio 1526 da parte di Clemente VII e l’altro accordato il 19 novembre dal Consiglio dei rogati, il libro è dedicato al pontefice. In due sonetti preliminari, indirizzati uno al F. stesso e l’altro alla città di Ferrara, Marco Guazzo tesse grandi elogi dell’autore, dicendolo un nuovo Vitruvio in architettura, un nuovo Archita in geometria e un Alchindi in astrologia.
      L’opera, nella quale si tratta “degli accidenti del mondo e di molte discipline”, è piena “de gravissime sententie e maturi documenti, sì per scienza naturale come per astrologia”, ed è presentata dall’autore come “a ciascuno utilissima e sollazzosa”, in quanto intende offrire ai lettori la possibilità di controllare la “fortuna” e la complessa mescolanza di male e di bene di cui è composta la vita umana, suggerendo “quello che fuggir e seguire per loro si debbe”. Essa è uno degli esemplari più significativi di un particolare genere letterario, i libri di “ventura” o delle sorti, che, a metà strada fra divinazione e gioco, consentivano di ottenere risposte, solitamente in versi, agli interrogativi che il lettore poteva scegliere fra quelli elencati all’inizio. Se in Italia si conoscono esemplari manoscritti risalenti già alla fine del sec. XV, e con maggior frequenza a quello successivo, il primo testo a stampa e il prodotto più fortunato di questo filone è il Libro delle sorti del perugino Lorenzo Spirito.
      Compiuto nel 1492, esso vide la luce quell’anno stesso e conobbe quindi una larghissima diffusione, venendo ristampato e tradotto più volte, e illustrato, nelle versioni manoscritte e nelle edizioni, da miniature e silografie in alcuni casi di grande suggestione. Anche il Triompho si compone perloppiù di tavole illustrate, che costituiscono una parte integrante del susseguirsi dei diversi passaggi del meccanismo divinatorio. Dopo la dedicatoria al papa, in cui l’autore ribadisce di essere “delle quadriviali dottrine sempre fedelissimo amatore e indegno matematico”, si passa alla spiegazione delle regole del gioco, rese più chiare dal ricorso ad alcuni esempi, e quindi all’elenco delle settantadue possibili domande, riguardanti sia la vita sociale (dalla pace alla guerra alla carestia) sia quella privata (dal matrimonio ai figli, dai viaggi alla salute), ognuna delle quali è commentata da un non meglio conosciuto Mercurio Vannullo Romano. Una volta scelta la domanda, ha inizio un itinerario alquanto complesso e il lettore è rinviato via via a dodici “fortune”, quindi a dodici casati nobiliari e a settantadue ruote. A questo punto può proseguire grazie al lancio di tre dadi o alla consultazione dell’ora, e giungere così, attraverso le trentasei sfere, alla tappa conclusiva, in cui settantaquattro fra astrologi e sibille comunicano la risposta al quesito iniziale sotto il triplice aspetto di una figura, un oroscopo e una quartina rimata. Gli oltre seimila versi sono del F. stesso, che si giustifica della loro qualità non certo eccelsa richiamandosi a Dante e a Cecco d’Ascoli e affermando di avere badato più al contenuto che all’eleganza dello stile.
      Il libro ha richiamato l’attenzione degli studiosi soprattutto per la sua iconografia alquanto varia. Oltre alla raffigurazione di animali e piante, virtù, vizi e arti, pianeti e costellazioni e divinità pagane, si incontrano, in un “singolare e un po’ affastellato Pantheon” (così, il Biondi, nell’introduzione citata, p. 15), personaggi antichi e moderni (fra questi ultimi ricordiamo filosofi come Ficino e Giovanni Pico, artisti come Raffaello, Mantegna e Michelangelo, nonché teologi come Savonarola, Lutero e perfino l’insigne commentatore di s. Tommaso, il cardinale Tommaso De Vio) e l’intera famiglia degli astrologi, latini, greci, ma soprattutto arabi, alcuni dei quali dai nomi quanto mai esotici e bizzarri. E si può dire che l’intera opera si può leggere come una raffigurazione di quelle parti dell’astrologia dedicate alle “elezioni” e alle “interrogazioni”, che erano state particolarmente sviluppate proprio nei testi arabi.
      Uno specifico interesse ha poi suscitato il bel frontespizio allegorico, che già in passato aveva attirato l’attenzione per la sua singolarità e che è stato studiato in connessione con la dedicatoria. L’incisione, che deriva da un disegno di Baldassarre Peruzzi, rappresenta un papa, nel quale con ogni verosimiglianza è da identificare proprio Clemente VII, che, affiancato da “Virtus” e “Voluptas”, sta in precario equilibrio sulla sfera del mondo, sorretta da Atlante e fatta ruotare in direzioni opposte da due esseri alati, una figura femminile benevola e un demone malevolo dai lunghi artigli e corna di capra. L’immagine del giovane nudo che, in primo piano a sinistra, regge un dado di grandi dimensioni è stata vista come una raffigurazione del tempo, mentre nel vecchio astrologo con l’astrolabio al centro della scena sarà probabilmente da identificare il F. stesso. Se si considera che l’opera fu stampata all’inizio del 1527, l’intera scena è davvero, come è stato detto, una sorta di presagio figurato e ben rappresenta la situazione estremamente incerta e pericolosa del pontefice alla vigilia del sacco di Roma, in un periodo cioè gravido di minacce e di oscure profezie.
      Se già il Biondi ha individuato nel testo del F. tracce di un aristocratico rimpianto del mondo feudale e dei valori legati all’onore e all’arte militare, e la conseguente denuncia di una situazione di decadenza legata all’ascesa dei mercanti e dei nuovi valori della ricchezza e del denaro, nel Triompho si possono anche intravedere cenni di critica alla corruzione morale e religiosa. Piuttosto sorprendente risulta la decima domanda (“qual fede o legge sia di queste tre la buona, o la Christiana, l’Hebrea o quella di Mahumetto”) e soprattutto significativa l’ultima (“Quai saranno i salvi e qual’i dannati”): anche l’ignoto commentatore non può fare a meno di rilevare l’importanza di un simile interrogativo, sottolineando al tempo stesso la natura seria dell’intera opera, che offre “tante lodevoli, perfette e mature sententie” e, al di là della sua apparenza di mero gioco e divertimento, “è con tanta mirabilissima arte disposta che di lei si può cavare molti vari e diversi sapori”.
      Dopo l’opera del F., non mancarono altri esempi di libri di sorti, come quello, alquanto raffinato, di Francesco Marcolini da Forlì, intitolato Giardino di pensieri (Venezia 1540 e 1550), accompagnato da terzine in rima di Ludovico Dolce. Questo particolare genere fu poi riecheggiato anche in opuscoli popolari di astrologia o numerologia, o in testi diretti a un pubblico più colto, come l’Oracolo (Venezia 1551), galante gioco di società dell’estroso poligrafo e musico Girolamo Parabosco. La proibizione da parte del concilio tridentino, e dei successivi Indici e bolle papali, di ogni genere di divinazione, e in modo specifico dei libri di sorte, rese molto rari questi testi.
      Dopo il 1527 non si hanno più notizie del F., che forse ritornò a morire a Ferrara. Il Guarini infatti lo dice sepolto nella cappella di famiglia nella chiesa di S. Francesco, accanto a un familiare di nome Gilio, che con altri aveva capeggiato un’insurrezione popolare antispagnola.

      Fonti e Bibl.: Arch. di Stato di Modena, Cancelleria ducale, Archivi per materie, Ingegneri, cass. n. 2; M. Sanuto, I diarii, XLIII, Venezia 1895, pp. 264, 421, 478, 655; M. A. Guarini, Compendio historico dell’origine, accrescimento e prerogative delle chiese e luoghi pii della città e diocesi di Ferrara, Ferrara 1621, p. 271; A. Libanori, Ferrara d’oro imbrunito. III, Ferrara 1665, pp. 171-173; Rime scelte de’ poeti ferraresi antichi e moderni, Ferrara 1713, pp. 56 s. (sono riprodotte otto quartine del Triompho), 591 s.; F. Borsetti, Historia almi Ferrariae Gynmasii, II, Ferrariae 1735, pp. 358, 444; Catal. ragionato dei libri d’arte e d’antichità posseduti dal conte Cicognara, I, Pisa 1821, p. 284, n. 1645; J.D.F. Sotzman, Die Loosbücher des Mittelalters, in Serapeum, XI (1850), pp. 53-62; S. Casali, Annali della tipografia veneziana di Francesco Marcolini da Forlì, Forlì 1861, pp. 119-129, nn. 121-22; V. Rossi, Di alcuni libri di ventura, in Le lettere di messer Andrea Calmo, App. IV, Torino 1888, pp. 460-462; (L. Baer) Die Darstellung Michelangelos in F.’s “Triompho di fortuna”, Frankfurt am M. 1908; [V. Massène d’] Essling, Les livres à figures vénitiens de la fin du XVe siècle et du commencement du XVe, Paris 1907-1909, 11, I, pp. 280-282; II, 2, p. 652; III, p. 258; R. Bertieri, Calligrafi e scrittori di caratteri in Italia, Milano 1913, pp. 353-356; G. Medri, Le opere calligrafiche a stampa, III, S. F., in All’insegna del libro, I (1928), pp. 88-103; L. Thorndike, A history of magic and experimental science, New York 1941, V, pp. 253 s.; VI, pp. 469-471; M. Sander, Le livre à figures italien, I, Milano 1942, pp. 466 s.; R. Eisler, The frontispiece to S. F.’s Trio-Pho di Fortuna, in Journal of the Warburg and Courtauld Institutes, X (1947), pp. 155-159; E. Casamassima, Trattati di scrittura del Cinquecento italiano, Milano 1966, pp. 24-26, 34-35; Astrologia, magia, alchimia, in La corte, il mare, i mercanti… (catal.), Firenze 1980, pp. 426-427; A. Chastel, Ilsacco di Roma, 1527, Torino 1983, pp. 58 s.; O. Niccoli, Gioco, divinazione, livelli di cultura. Il Triompho di fortuna di S. F., in Rivista stor. ital., XCVI (1984), pp. 591-599.

      • Grande documentazione dal files inviatomi-a comprova che davvero ci sono ciechi dissennati che rinnegano pagine di storiainconfutabili , come quel matematico impertinente anticristo – che ora fa anche da pseudo papista libelli su Ratzinger.
        A proposito la prima edizione delle Centurie a Torino – è stata riscritta in BREILLE dall’UNIONE Italiana Ciechi di Torino di allora.
        Ecco un Paradosso blindato …. che persino i ciechi hanno…visto con l’OCCHIO dello SPIRITO..

  8. Quante cose non sono scritte sui libri di Storia e Geografia o scritte male. Altre scritte in modo superficiale, per comodità o perché un tal mistero esoterico dà fastidio. Non vado oltre, ma è lunga a dirsi ed anche un maestro dell’arte del documento televisivo come è stato Piero Angela, troppo spazio non gli ha dato. È tardi, ma volevo solo ricalcare, al di là quanto giusto o sbagliato possa essere quanto scrivo, ma senza apologia alcuna di questi luoghi che sono perle immense per la loro bellezza, vanto non salernitano, ma italiano, basta citare Palinuro; qui la semantica si intreccia con il mito: abbiamo su questa scrivania un vero oceano di nomi, ce ne è per tutti!!? Ma qual è la COMPAGNIA e qual è il supposto ARCO?! Ma il rio di riferimento? Suggestione, la mia, generata dal riconoscimento superlativo per questi luoghi straordinari o realtà semantica nascosta dal genio Sigismondo Fanti trattato da Wikipedia con una LIVELLA peggiore di quella di Totò e del citato netturbino. La zona di questa Provincia da me riportata nasconde nel mito e nelle parole misteri insondabili. Il fiume Mingardo e i luoghi che esso bagna, è lui il mitico Stige da cui Dante prese spunto. Lungo il suo corso c’è la Gola del Diavolo e la Valle dell’Inferno, a forma di V, all’altezza di Celle di Bulgheria, dalla forma di quella valle il poeta fiorentino ha tratto ispirazione per il disegno dell’Inferno. Di nuovo una Buona Notte, da questo mondo e da Sal, perché l’altro mondo non mi ha voluto!!

    >

    • Angela non è stato un corretto angelo messaggero informatore– perchè mi ha allora complice altri coautori RAI – contestato – Ho dovuto andare a Roma a quel tempo (con tanto di avvocato il dottore Lattarulo nel 1980 !) per tutelare i miei diritti che lui ha sempre cassato e censurato.

      • Angela da divulgatore scientifico (titolo che si è dato) avrebbe fatto molto meglio se avesse intrapreso e continuato la carriera da musicista.Ma si sa che quando Mamma Rai chiama….cosa non si fa per non accontentarla?Si circondò di prestigiatori,maghi e illusionisti per farsi dire quello che Lui voleva sentirsi dire.
        Chi non sottostava ai suoi “voleri investigativi” veniva in modo sistematico fatto passare per cialtrone e imbroglione.( vedi il fu Gustavo Rol ).

      • Pazzia e delirio umano e ormai siamo veramente allo champagne, “la migliore bottiglia” con cui intende brindare il compagno comunista Rizzo per la morte di Gorbaciov. Ci vorrebbe une maestra per fargli capire cosa è la malattia e la sofferenza umana!!?? L’Organizzazione Scientifica del Male questa volta è entrata alla grande nel Girone della cattiveria, attendendo la morte anche di chi è stato Nobel per la Pace per esultare, DIFFICILE OGNI COMMENTO; oltre i libri di storia bisognerebbe cambiare qualche definizione di comodo politico nei dizionari, anch’essi addomesticati dagli editori per simpatia di Parte.

        >

      • Prof, senza troppe forzature semantiche, altrimenti diventa dimostrabile tutto, Leo tuonante ed una serie di scosse telluriche ad Ischia, da ricordare i file di Boscolo. Luogo misteriosissimo, da molti indicato come uno degli ingressi per Agharti, enigmatico luogo sotterraneo. Da leggere i sibillini luoghi legati al monte Epomeo, figlio di Agharti (?!) e tutta la simbologia legata al comune dell’isola compresa la numerazione 5, V e nome dove la V (5) è semanticamente in caduta?! Tutto INACCESSIBILE e nello stemma 5 i colli e 5 le punte della corona.

        >

      • Prof, senza troppe forzature semantiche, altrimenti diventa dimostrabile tutto, Leo tuonante ed una serie di scosse telluriche ad Ischia, da ricordare i file di Boscolo. Luogo misteriosissimo, da molti indicato come uno degli ingressi per Agharti, enigmatico luogo sotterraneo. Da leggere i sibillini luoghi legati al monte Epomeo, figlio di Agharti (?!) e tutta la simbologia legata al comune dell’isola compresa la numerazione 5 (V) e nome dove la V (5) è semanticamente in caduta?! Tutto INACCESSIBILE e nello stemma 5 i colli e 5 le punte della corona.

        >

      • E allora torniamo a scuola di nuovo dopo un po’ di tempo! Il Compagno è stato chiamato in tv a rispondere delle sue affermazioni o a scusarsi, stiamo centimetrando attentamente il filmato. La globalizzazione è il problema di fondo a cui si appellano lui e tutta la Compagnia! Scrisse Boscolo, pagina 82 “La chiave e la spada”: “Se cercate l’Anticristo esso si cela dietro la Stella e il ferro…”, ribadisco da anni, pagina da leggere assolutamente, 10 e lode il mio voto! Capire bene anche la bandiera della vecchia e malandata Urss che tale stella e ferro reca!! Ma capire anche la bandiera del Paese del giovane maresciallo, reca stessa stella a 5 punte inscritta anche in cerchio! Il RUFFIANO possiede yacht e vascelli e miliardi in tutte le banche del Mondo dove ha radicato il suo Capitale. L’arricchimento, secondo Marx, è fatto impossibile, che si REALIZZA solo frodando. Ho visto scriverlo alla lavagna, in quel luogo straordinario che era ed è l’Università di Salerno con il gesso: la moneta D del capitalista che uscendo dalla sua porta diventa D’, realizzando quel surplus che lo arricchisce sempre a danno di qualcuno. Il Ruffiano vende gas a mezzo mondo con guadagni stratosferici convertendo la SUA MONETA in altre MONETE, è proprio nel “soldo” che secondo Marx sono situati equivoco e furto!!!! Chiamasi Filosofia Morale, che il Carlo traeva dalle sue ottime conoscenze economiche. L’altro compagno, il Cinese, con la stessa politica del “tanto a te e tanto a me” ha globalizzato oramai tutto il mondo! Il compagno Kim invece, con la politica delle “palle di cannone” (fra poco assisteremo ad ulteriore delirio umano) ha fatto della Corea il luogo del benessere universale!!! Per dirla in breve: o miliardari o bancarottieri (si veda qualche italica Banca) o criminali. Dove sta San Francesco e la sua povertà? Che qualcuno, chiunque, mi menzioni dove è situato questo Paese della giustizia economica reale; non sono comunista, né tantomeno marxista, un po’ marxiano forse e forse è più giusto dire che una certa parte politica si è appropriata del pensiero di un filosofo senza metterlo mai lontanamente in pratica, anche perché essere una gabbia irrealizzabile che in molti luoghi del mondo ha trasformato il PENSIERO in CRIMINE. Disse allora bene Bertinotti: “…io bevo solo champagne…”.Prof, un saluto da Largo Campo in attesa della partita della Salernitana e con molta fatica, debolissimo, sto nutrendo nervi e cervello ed è meglio non spremerli oltre…a presto!

        >

  9. Prof, Buona Domenica. Francesco a L’Aquila per aprire la Porta Santa della Basilica di Collemaggio, un Papa non lo faceva da 728 anni, numero che diviso per 7 fa 104 (?). Perché in tanti secoli mai nessun papa lo ha fatto? Da capire tanto: Celestino papa ed il suo V, PENDANT?! Nello stesso momento trema la terra tra Salerno e Potenza in modo ripetuto e marcato, lì nel luogo chiamato Porta della Basilicata, Vietri di Potenza.

    >

  10. Prof. partendo proprio dall’inizio del file nel racconto di Cronos (Saturno) e Rea mi balza agli occhi sempre l’accostamento biblico e dell’Apocalisse, dove il nascituro della donna perseguitata, viene “rapito in cielo” per poi essere riportato in terra. Questi due racconti mostrano per me una analogia, sia per i tempi che per i racconti che per entrambi siano i figli di un dio padre! Senza nemmeno dover tralasciare i termini Putto, già trattato nei precedenti file. Allora non rimane che una domanda, se il putto (Putin) è ciò che nella raffigurazione del racconto oggi diremmo essere Giove, il “Dio” padre Saturno dovrebbe essere quella torcia spenta e corrotta che oggi chiameremmo USA (Us-a= NOI) che dalla pancia piena e sazia non riusciamo nemmeno a vedere la realtà sovvertita? Che spinge l’Europa apparentemente unita, ad essere slacciata nella realtà a tal punto da seguire ciecamente questi diktat senza accorgersi che il baratro è davvero ad un passo, brevissimo alle porte vi è ormai il 23esimo esagramma, le tenebre e quei cani e porci!!! Mi è meno chiaro il punto dei Pesci Samak, ma con i prossimi mondiali in terra Musulmana e precisamente in Dicembre, qualcosa mi dice che avremo altri eventi di cui parlare. Sui venti che muteranno non so dire se il link che metterò sotto sarà precursore di quei venti o meno ai posteri la sentenza, vedendo anche il T-IRANT-E vento o aria di guerra. Per quel che concerne sempre la scacchiera aggiungo un curioso modo di tradurre la parola Serpa (ser-pa dall’haitiano=Signore papà!), mentre per le possibili significazioni e allacci anche all’esempio di Caino, credo che l’attenzione debba spostarsi sull’asse Germania-Russia.

    https://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/ucraina-centottantottesimo-giorno-di-guerra-le-news-in-tempo-reale_54126254-202202k.shtml

  11. Prof, morte di Gorbaciov che avviene ad Agosto, mese del Leone: “…Leo tuonante…”. Da capire anche in questo caso l’ASSOMMATO a 7 e leggere file e testi di Boscolo.

    >

    • Parola di Nostradamus- Gorbaciev o Gorby o Gorban in ebraico la vittima dell’Offerta – Il sacrificio quello di questa lunga storia che abbiamo indicato in anteprina nell’Almanacco di Nostradamus del 1990 Da quartina celeberrima quale profezia interpretata sino dell’esatto mese di AGOSTO 1991 (5751 calendario Ebraico) D’essere l’Inconfutabile concomitanza con altra quartina quale ANTICIPAZIONE con il Leone ondeggiante di San Marco ,spiegato nei miei testi e sui quotidiani…e televisioni e persino al Festival di San Remo di quell’anno presente ARBORE (RAI diretta da Roma )!
      Tutto ipocritamente censurato purtroppo dal perbenismo mostruosamente e sia plagiato da soliti parassiti in campo di allora.

  12. Gorbaciov:Se ne andato l’uomo nato con la voglia sulla testa che ha cambiato il corso della storia,considerato come un eroe dall’ Occidente,ma rinnegato e considerato colpevole invece dai suoi.Di tutt’altra voglia ha invece l’attuale Wladimir.

  13. E la gente continua a restare ottusa ad ogni documentazione e voltafaccia russo-sovieico da allora tanto declamato- vaticinato da ancora trovare pagine sul WEB-INTERNET che mi si spaccia per falsario del giorno dopo. Sono pagine di testi che si dovrebbero farle magiare a costoro che hanno infangato l’onore di Nostradamus e il mio, agli occhi dei posteri quanti anche già morti sono i vecchi cocciuti che hanno solo seminato inette critiche a Nostradamus e per isteso al mio lavoro e mai innanzi alla profezia eclatante fatto venia o apologia ! La guerra in Ukraina insegni quanto mortificante ancora ostile sia la censura generale . Da opera estrema magnopere attuale capestro, bavaglio come ai cani museruola che strozza la libertà di espressione di questa attuale pseudo libertà a corno e grido !La peste-pestifera pestilenza e corna (coronavirus)sulla nostra Pelle .

  14. Prof. la morte di Gorbaciov rientra nel file dei tre grandi?

    PS:” Rettifica al mio precedente commento, in merito alle “vesti” di Giove e Saturno finché la fiaccola non torna a brillare, visto anche che si è già detto che dovrebbero essere sempre loro a “liberarci” quando feriti al calcagno, giusto? Se non sto facendo confusione, ovviamente”.

    • Il tallone stivale è l’ ITALIA sue rive e coste nel Mediterraneo- leggete bene NOSTRADAMUS – PRESAGI & TERZO MILLENNIO! La TORCH USA ha ancora da considerare l’avvento del LUPO RUSSIANO UNIVERSALE scenario sintetizzato da metà secolo ormai.

  15. PROF. BOSCOLO, Mikhail Gorbaciov è riuscito col miracolo Perestrojka a chiudere una parentesi di 70 anni di comunismo e di massacri, senza colpo ferire, senza morti e senza stragi. L’impero sovietico crollò sotto il peso delle sue inefficienze e della sua mancanza di libertà, i Paesi satelliti dell’Europa orientale ritrovarono la strada della libertà, le repubbliche sovietiche, dall’Ucraina alla Georgia, iniziarono un percorso, doloroso ma inevitabile, di indipendenza. E negli stessi, pericolosi, frangenti le bombe rimasero negli arsenali nucleari, mai in nessun momento con Gorbaciov si corse davvero il rischio di un confronto atomico. Oggi più che mai il mondo è in grado di apprezzarlo e di valutare i suoi meriti. Mikhail Gorbaciov pur essendo cresciuto all’interno dell’apparato comunista ed avendone raggiunto i vertici, ha avuto la lucidità, l’onestà intellettuale e il coraggio politico di porre fine al sistema totalitario sovietico e di scegliere la strada della democrazia e del rispetto della sovranità dei popoli. Anche dopo aver lasciato il potere Gorbaciov è rimasto un’osservatore lucido e autorevole della politica mondiale. La sua lungimiranza e la sua serenità di giudizio ci mancheranno sopratutto in questo difficile momento della politica internazionale. Nel 1990 fu insignito del NOBEL PER LA PACE. –

  16. Ecco così dal primario olocaustore umano (guerra mondiale) così corsi i SETTANTA anni e tot giorni e mesi dell’impero empio pire peggiore della Falce marxista anticristiana che ha fatto guerra al VIcario REale di CRisto – come era stato anticipato da grande vaticinazione- carta canta- e l’avvento in idem tempo della Grande Babilonia(IRAQ) e tutto quanto su SADDAM sin dal 1988. Le Guerre e il Crescente Lunare di tante stragi e kamikaze e terrorismo.

  17. Pazzia e delirio umano e ormai siamo veramente allo champagne, “la migliore bottiglia” con cui intende brindare il compagno comunista Rizzo per la morte di Gorbaciov. Ci vorrebbe une maestra per fargli capire cosa è la malattia e la sofferenza umana!!?? L’Organizzazione Scientifica del Male questa volta è entrata alla grande nel Girone della cattiveria, attendendo la morte anche di chi è stato Nobel per la Pace per esultare, DIFFICILE OGNI COMMENTO; oltre i libri di storia bisognerebbe cambiare qualche definizione di comodo politico nei dizionari, anch’essi addomesticati dagli editori per simpatia di Parte. gaeta6315

      • Io no….!
        Ci sarà un motivo se tutti gli atlantisti lo incensano…la sua buona fede e fiducia nella pace sono state tradite…la Russia ha smantellato la coalizione, la nato , aggresisva ed infida, l’ha ampliata con le conseguenze che vediamo…
        Queste sono le SUE parole quando ancora era nelle sue piene facoltà :“Gli americani ci promisero che la Nato non sarebbe mai andata oltre i confini della Germania dopo la sua riunificazione ma ora che metà dell’Europa centrale e orientale ne sono membri, mi domando cos’è stato delle garanzie che ci erano state accordate? La loro slealtà è un fattore molto pericoloso per un futuro di pace perché ha dimostrato al popolo russo che di loro non ci si può fidare.”

        Mikhail Gorbacev, ultimo presidente dell’Unione Sovietica, scomparso questa notte all’età di 92 anni. Intervista a “The Telegraph” del 6 maggio 2008.

        Purtroppo vedremo i terribili effetti di tutto ciò (le profezie sono lampanti), cerchiamo però di non dimenticarci le cause….

  18. Prof, senza troppe forzature semantiche, altrimenti diventa dimostrabile tutto, Leo tuonante ed una serie di scosse telluriche ad Ischia, da ricordare i file di Boscolo. Luogo misteriosissimo, da molti indicato come uno degli ingressi per Agharti, enigmatico luogo sotterraneo. Da leggere i sibillini luoghi legati al monte Epomeo, figlio di Agharti (?!) e tutta la simbologia legata al comune dell’isola compresa la numerazione 5 (V) e nome dove la V (5) è semanticamente in caduta?! Tutto INACCESSIBILE e nello stemma 5 i colli e 5 le punte della corona. gaeta6315

    • Sul tema della Terra Cava e del Regno di Agharti, dove molti esseri si sono rifugiati e vivono attualmente, ci sono molte prove dell’esistenza di città perdute, foreste, fiumi, animali di ogni tipo e un clima mite, a cui si può accedere attraverso tunnel e grotte sotterranee in tutto il mondo, con cunicoli lunghi chilometri e chilometri, dove molte delle grotte contengono tesori nascosti.
      L’esistenza della Terra Cava spiega diversi fenomeni enigmatici che la scienza non spiega, come l’origine misteriosa degli iceberg, le mareggiate al Polo, così come il fatto che il clima diventa più caldo al Nord, anche le luci delle Aurore boreali che si verificano solo ai Poli, a causa dell’esistenza di un Sole interno al nostro pianeta, avrebbero una spiegazione molto semplice da comprendere.
      E che dire delle luci perpetue scoperte in diversi luoghi nell’antichità? Che tipo di energia avanzata e attualmente sconosciuta avevano quei popoli, poi scomparsa nel corso del tempo, e quale è stata la causa? Sarà legata all’energia punto zero o toroidale, già utilizzata, per le loro costruzioni, da culture portentose come la cultura egizia e quella dell’antica India, rispetto alle quali fino ad oggi nessuno conosce l’origine di questa tecnologia avanzata?
      E qual è il mistero delle civiltà scomparse come i Maya, gli Olmechi, i Nabatei, gli Esseni, i Tiahuanacos, i Tuatha de Danann, perché sono scomparsi senza lasciare traccia, e dove sono andati? Hanno forse qualche relazione con gli esseri intraterrestri, così come con tutti questi altri esseri magici come fate, folletti, elfi, e altri tipi di razze feeriche?

  19. Mentre vorrei anche ricordare, oltre che condividere il pensiero di Trap, che i Russi hanno schierato il 19 Agosto scorso a Kaliningrad i loro missili ipersonici. Argomenti poco trattati dalla stampa se non con qualche trafiletto giusto per non sentirsi dire che non sia stata detta come notizia.
    PS:” Prof rileggerei con enorme piacere il libro… a trovarne una copia oggi… tra i libri sottratti oltre a quello di Enoch mi mancano alcuni su Nostradamus di cui quello citato!”

  20. E’ scritto- perso trovato nascosto darà Pastore….ect…..quindi infime dopo tanto smarrimento il mosaico del grande disegno del destino da qualche parte è sepolto.Cero(lume) CERcare cercare cercare sino alla fine ovvero mai scoraggiarsi o demordere.Cerrrrrrrcare nell’usato delle bancherelle.Tra poco un file per scavare dentro l’anima e l’oniricità soggettiva. La Bussola senza limiti di tempo e di spazio.

    • Tanto tuonò che piovve! Trovato! Grazie anche ai vari consigli, su Ebay acquistato, mi rimangono poche cose da ritrovare, dopo che mi furono sottratte! Tra cui Enoch!

  21. E allora torniamo a scuola di nuovo dopo un po’ di tempo! Il Compagno è stato chiamato in tv a rispondere delle sue affermazioni o a scusarsi, stiamo centimetrando attentamente il filmato. La globalizzazione è il problema di fondo a cui si appellano lui e tutta la Compagnia! Scrisse Boscolo, pagina 82 “La chiave e la spada”: “Se cercate l’Anticristo esso si cela dietro la Stella e il ferro…”, ribadisco da anni, pagina da leggere assolutamente, 10 e lode il mio voto! Capire bene anche la bandiera della vecchia e malandata Urss che tale stella e ferro reca!! Ma capire anche la bandiera del Paese del giovane maresciallo, reca stessa stella a 5 punte inscritta anche in cerchio! Il RUFFIANO possiede yacht e vascelli e miliardi in tutte le banche del Mondo dove ha radicato il suo Capitale. L’arricchimento, secondo Marx, è fatto impossibile, che si REALIZZA solo frodando. Ho visto scriverlo alla lavagna, in quel luogo straordinario che era ed è l’Università di Salerno con il gesso: la moneta D del capitalista che uscendo dalla sua porta diventa D’, realizzando quel surplus che lo arricchisce sempre a danno di qualcuno. Il Ruffiano vende gas a mezzo mondo con guadagni stratosferici convertendo la SUA MONETA in altre MONETE, è proprio nel “soldo” che secondo Marx sono situati equivoco e furto!!!! Chiamasi Filosofia Morale, che il Carlo traeva dalle sue ottime conoscenze economiche. L’altro compagno, il Cinese, con la stessa politica del “tanto a te e tanto a me” ha globalizzato oramai tutto il mondo! Il compagno Kim invece, con la politica delle “palle di cannone” (fra poco assisteremo ad ulteriore delirio umano) ha fatto della Corea il luogo del benessere universale!!! Per dirla in breve: o miliardari o bancarottieri (si veda qualche italica Banca) o criminali. Dove sta San Francesco e la sua povertà? Che qualcuno, chiunque, mi menzioni dove è situato questo Paese della giustizia economica reale; non sono comunista, né tantomeno marxista, un po’ marxiano forse e forse è più giusto dire che una certa parte politica si è appropriata del pensiero di un filosofo senza metterlo mai lontanamente in pratica, anche perché essere una gabbia irrealizzabile che in molti luoghi del mondo ha trasformato il PENSIERO in CRIMINE. Disse allora bene Bertinotti: “…io bevo solo champagne…”.Prof, un saluto da Largo Campo in attesa della partita della Salernitana e con molta fatica, debolissimo, sto nutrendo nervi e cervello ed è meglio non spremerli oltre…a presto! gaeta6315

  22. Vittorio Gassman: 1 Settembre 1922 ( Oggi il centenario )
    Il Mattatore del nostro passato cinema italiano che è stato anche l’unico attore ad interpretare il grande Nostradamus in un vecchio spot pubblicitario anni 90.
    (Matto e Mattatore ) 22^ carta dei Tarocchi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...