Musica Maestro & L’AUTOMA MUSICISTA di Leonardo da VINCI. Il Suonatore di Viola

A cura di Luca Garai

In un foglio del Codice di Madrid di Leonardo, riscoperto nel 1967, ho rintracciato il disegno per un automa musicista, ovvero il suonatore di viola, disegno ritenuto fino ad ora semplicemente lo schizzo di un musico.

La ricostruzione del primo automa umanoide di Leonardo si deve a Mark Elling Rosheim nel 1941. Non è chiaro quale sequenza di movimenti compia il robot di Rosheim. A me è parso di vedervi un guerriero simile all’amazzone robot che il nipote di Grolier, il famoso bibliofilo libraio amico di Leonardo, esibiva nella sua collezione particolare in Francia, nel 1589.

Si legge infatti a pagina 19 del libro del 1719 sulla Raccolta di Mr. Grollier de Serviere:

Su un tavolo qualunque ben pulito, si erge una figura

di Amazzone, che si muove in differenti direzioni,

che alza la sua spada e il suo scudo, come se volesse

combattere, e che gira la testa da tutte le parti2.

Il funzionamento dell’umanoide di Leonardo è stato ricostruito da Rosheim nei dettagli nel volume Leonardo’s Lost Robots. La mia ricostruzione dell’automa musico è diversa, fatta eccezione per il funzionamento dei suoi movimenti azionati da una molla, anzi da due, come l’automa di Rosheim, che ha un motore per le gambe e uno per le braccia e la testa.

Il musicista automa di Leonardo è delineato piuttosto chiaramente nel foglio 76 recto del Codice di Madrid II (Fig. 1). Si vede nel centro del foglio lo schizzo di un musico che suona un particolare tipo di viola, che può essere definito “viola organista”, della quale troviamo la prima ideazione in Leonardo. Più in basso a destra la stessa figura è schematizzata. Ritengo che essa rappresenti lo scheletro dell’automa. Vi sono appena accennati anche gli ingranaggi a rotella all’altezza delle spalle che muovono le braccia.

L’automa musicista ha una molla che muove le dita che suonano i tasti della viola, e una molla che apre e chiude i mantici dello strumento (Fig. 2), per mezzo della pressione dei gomiti. Sembra che ai gomiti dell’automa fosse collegato un dispositivo che, muovendo la manovella a lato della “viola”, aprisse e chiudesse i mantici, i quali tornano, dopo essere stati aperti, nella loro posizione iniziale per mezzo di mollette di ritorno elastiche collegate all’interno dei mantici. Ecco la trascrizione del testo scritto da Leonardo su questo foglio, al centro: “Ovvero viola menatole l’archetto come si mena il mantice colla gomita”.

Per Viola, termine che ricorre anche nel foglio 50 verso del mss B, Leonardo-Fig. 1. Leonardo da Vinci, Codice Madrid II, f. 76r qui intende uno strumento con le capacità polifoniche dell’organo, ma anche con le possibilità timbriche degli archi.

L’archetto della viola non ha nulla a che vedere con l’archetto usato per gli strumenti della famiglia dell’attuale violino: si tratta piuttosto di una cinghia, più o meno lunga, che ha un movimento alternato nei due sensi. L’archetto è formato da crini cosparsi di pece.

Quello di Leonardo viene “tirato” sulle corde da porre in vibrazione. In definitiva la “viola” è un piccolo organo da camera portatile (portativo)3.

In alto sullo stesso foglio, a fianco del disegno di un piccolo organo Leonardo scrive: “tramezo, canne stiacciate, tasti dell’organo”; poi: “per piva sia fatto il tramezo del mantice fermo ‘a’ alla cintura e ‘b’ sia fermo col braccio, il qual braccio poi movendosi in dietro e in fuori, aprirà e serrerà il mantice al bisogno. Cioè quando il mantice n aprirà, il mantice m serrerà e quando m aprirà, n serrerà, e così il vento sia continuo”. Da questo testo appare evidente che, in un primo momento, Leonardo aveva pensato di far suonare all’automa una piva. Successivamente ha pensato di far oscillare la parte centrale del mantice, mentre le altre rimangono fisse. Leonardo traccia questo pensiero attraverso il disegno. L’idea del “mantice continuo”, che eviti pause durante l’esecuzione, non è spiegata qui nei dettagli, Leonardo è più interessato al sistema che alle piccole ottimizzazioni successive. Nel secondo disegno in alto a destra, Leonardo traccia un “tramezzo” azionato da una maniglia e probabilmente dopo aggiunge le “canne stiacciate” e i “tasti dell’organo” intuendo la possibilità di applicare la sua idea ad un organo da camera particolare, la sua “viola”, appunto. La “viola organista” di Leonardo è appesa con una cinghia al collo dell’automa, e ha la tastiera in posizione orizzontale. È il primo strumento suonato con una tastiera ad archetto di cui sia rimasta memoria. L’idea originale di Leonardo è conservata nei suoi taccuini del 1488-1489 e nei disegni del Codice Atlantico, in particolare il 586 recto (Fig. 3). Prevede l’uso di una o più ruote, in rotazione continua, ognuna delle quali muove un archetto a cappio. Simile alla cinghia del ventilatore di un motore per automobile, è perpendicolare alle corde dello strumento, le corde vengono spinte verso l’archetto per azione dei tasti, il cui sfregamento fa risuonare la corda. Nei vari disegni le corde vengono toccate diversamente dall’archetto. Leonardo non sembra che abbia materialmente costruito la viola organista. Il primo strumento simile fu il Geigewerk. Nel 1575 da Hans Haiden, un inventore tedesco. Una moderna ricostruzione della viola fatta da Akio Obuchi fu usata in un concerto a Genova nel 20044. Akio Obuchi ha spiegato la singolare capacità della viola rispetto agli altri strumenti:

La viola di Leonardo non è uno strumento a corda ma a tastiera. Negli ultimi 400 anni circa 50 artisti hanno tentato di riprodurla sviluppando il progetto di Leonardo in modo diverso. Chi suona gli strumenti a tastiera che conosciamo ha una limitata capacità espressiva: una volta che la corda viene sollecitata ed emette il suono, non si può più influire su di esso. L’intuizione di Leonardo è stata probabilmente di voler superare questo limite creando uno strumento che permettesse l’esecuzione di sinfonie complesse senza sacrificare sfumature e modulazioni delle singole note, ha dato insomma più rilevanza alla capacità interpretativa del musicista 5.

(Luca Garai illustra…così)- La mia ricostruzione del meccanismo dell’automa (Fig. 4) è basata sugli schizzi di Leonardo nel foglio 76 recto del Codice di Madrid II. All’altezza della spalla un motore a molla muove il dito del braccio destro che suona i tasti. L’altro motore a molla muove una camma sinusoidale, che sposta il busto del musico a destra e a sinistra, in modo da suonare i diversi tasti. Entrambi i meccanismi comandati dai motori a molla sono rappresentati sul foglio 76 recto da Leonardo in due figure schematiche (Fig. 5).

A sinistra, sotto le figure precedenti, Leonardo scrive:

Moverassi l’archetto secondo che ssi move il braccio destro, da tasto a tasto. E così verrà a diminuire insieme con le note. Qui quando il gomito moverà due dita, la dentatura n moverà ancora lei 2 dita. E farà dare una volta intera alla rocchetta m. E similmente, la rota maggiore darà volta intera, che ffia 1/3 di braccio. E così racorrà e llascierà un braccio d’archetto sopra le corde della viola.

Fig. 2. Viola a tasti dell’automa musicista.

Fig. 3. Leonardo da Vinci, Codice Atlantico, f. 586r.

Risulta così abbastanza chiaro il funzionamento dell’automa.

Ruotando insieme con il busto, il braccio destro agisce sui diversi tasti, i quali abbassandosi azionano l’archetto, che sfrega le corde producendo il suono.

Quando il gomito gira della misura di due dita anche l’ingranaggio comandato dal cilindro programmabile si è ruotato della stessa misura. Questo spostamento di un terzo di braccio corrisponde ad un giro completo dell’ingranaggio maggiore. Il quale costringe l’archetto a sfregare sopra le corde della viola.

Il musico di Leonardo è un automa semplice che suona uno strumento sofisticato; destinato a creare meraviglia nel pubblico, era in grado di eseguire diverse melodie cambiando le piste incise sul cilindro programmabile.

Questo tipo di automa verrà ripreso soprattutto in Francia, nei secoli successivi, e realizzato in un’infinità di varianti. Ma è anche un precoce esempio di macchina programmabile concepita per l’abbellimento della vita delle corti rinascimentali e per esaltare le virtù dell’inventore.

Note al testo

1 M.E. Rosheim, Robot Evolution: The Development of Anthrobotics, New York, Wiley & Sons, 1994, pp. 12-20.

2 G. Grollier de Servière, Recueil d’ouvrages curieux de mathematique et de mechanique, ou description du Cabinet de Monsieur Grollier de Servière, Parigi, Antonie Jombert, 1751, p. 19. L’opera descrive la collezione di strumenti meccanici e scientifici di Nicolas Grollier de Servière (1593-1686), nonno dell’autore, costruttore di specchi a Lione e discendente del famoso legatore e bibliofilo Jean Grolier, amico di Leonardo.

3 Cfr. M. Carpiceci, I meccanismi musicali di Leonardo, Raccolta Vinciana, XXII, 1987, pp. 3-47.

4 Il lavoro di Akio Obuchi, dal 1967, è fabbricare modelli storici di strumenti a corda, pianoforte, arpe e clavicembali (Figura 6).

5 Riprendo dal testo usato da Obuchi per la presentazione a Genova della viola organista.Vedi Blog di Luca Garai altri post e imagews riferite tecniche su Leonardo Da Vinci.

28 pensieri su “Musica Maestro & L’AUTOMA MUSICISTA di Leonardo da VINCI. Il Suonatore di Viola

  1. Quegli automi che sono stati progettati e già in utilizzo ad alcune enti nazionali (vedi Cina e non solo) e presto portate in guerra al posto degli uomini (come le stesse Amazzoni prese in spunto proprio da Leonardo). Ma non solo, gli stessi automi che si paventano anche negli avvistamenti e soprattutto nei contatti (non tutti) con l’uomo. A tal punto da aver fatto iniziare a pensare che sia la soluzione all’osservazione su altri mondi. Andrebbe detto tantissimo, ma siamo agli albori di qualcosa che presto diverrà realtà quotidiana e visibile. Ora ancora la si vuole portare, come sempre fa l’uomo e l’essere umano, al solo scopo inutile. Ovvero contro se stesso.

  2. Prof, capisco Leonardo, ma qui le parole rimbombano come macigni! Presagio 8 scritto dal Sommo Maestro delle Parole e del Suono, parole intrecciate ad arte, inutile dire che due pazzi scatenati, a tratti anche puerili, stanno trascinando il mondo verso una tragedia infinita, la Terza Tragedia. E fortuna che il pazzo era Trump!! Febbraio difficile e forse Marzo sarà ancora peggio, Luna-MOON demoniaca e fune rotta dopo la Luna Piena nel segno crinito come predetto e Leone sotto assedio con energia marziana in arrivo in Acquario, forza devastante e Marte e Venere congiunti il giorno 6 marzo a 0° delle Onde e il MALIGNO TORNA INDIETRO e Nostradamus che, come Fanti, osserva i file del Boscolo, 2015 e 2022, il settennato del malsano Leone! Una nave va fuoco, il suo nome è FLORencia, il FUOCO a mare e altro fuoco nel Dombass. Corfù, l’isola del Leone Veneziano, l’antica Repubblica delle sette Isole, il fuoco genera grande IMPEDIMENTO. Parole affascinanti incastonate nel tempo, con logica micidiale che nessuno vuole comprendere, presagi forse arte di pochi e il Maligno che si gode lo spettacolo che la Terra sta per scatenare! E lui Cola di Rienzo che potrebbe essere arrivato al bivio con il COCCHIO che lo segue per presentargli il conto dell’algoritmo, demoniaco anche lui, numeri di una legge dannata che tanti docenti ha spedito all’inferno. Ma, a bocca chiusa, le dico sempre attenzione a Francesco, elementi semantici da mettere insieme, ne parleremo tra qualche giorno, Flora, Marte il Leone e il Drago tutti insieme!! Ma Flora chi? Flora, Cola di Rienzo o anche Flora, FIREnze!!!!!!?? Possibilità possibile per un Presagio, anche perché dopo l’8, c’è il 9 con il FRAGORE!!? Ma quali e quanti sono i Leoni a tornare INDIETRO!? Ma quale è la PORTA lasciata forse APERTA, solo la OPEN. Profonda riflessione e un saluto da Sal.

    >

  3. Prof, sempre una Buona Domenica da Largo Campo. Capisco la semantica, ma giorno 27 febbraio essere giorno astrologicamente terribile, letteralmente sotto il FUOCO, congiunzione che non si avrà per 250 anni e quindi da tenere sotto osservazione. Pianeti concentrati nel segno del Diavolo, lì dove si è scatenato il Virus. Giorno da controllare in Agenda, perché pericoloso, FUOCO ED ENERGIA ESPLOSIVA SOTTO IL SEGNO DI PLUTONE!!! Avremo Venere, Marte, Luna, Plutone e Vesta (IL FUOCO!?) congiunti in Capricorno! Il tutto vicino al Re degli Inferi e picco massimo ultima settimana di Febbraio. Non possono scrivere una filippica ad un Maestro! Da capire VESTA-DIANA e il Fuoco Sacro nel Bosco di Nemi, il Bosco di Boscolo! Il Primo di Marzo anticamente veniva rinnovato il rituale:”…grand mars feu donra emPESHement…”, Sole nei PESCI!!?

    >

    • Sole nei pesci non è male, potrebbe significare che luce viene fatta su quegli abissi ancora inesplorati o non mostrati agli occhi di tutti. Mentre i due amanti si congiungono ancora una volta, forse non è terribile finché i due sono in congiunzione e seguirne i movimenti e le direzioni e gli aspetti che formeranno in successione a questa congiunzione che sarà comunque breve. Non di facilissima interpretazione anche perché Plutone non andrà via da lì perché è epocale come significato e posizione. Perché se abbiam ole congiunzioni citate, ne abbiamo altre come quella del Sole con Giove e lo stesso Mercurio a Plutone. Il gruppone andrà ad avvicinarsi in Marzo tra l’Acquario e Pesci avvicinando anche Nettuno. Quindi non semplice caverne facili informazioni, ma ci si avvicina al periodo della fioritura della margherita bianca (Maggio). Vediamo gli accadimenti e cosa si cela sotto al vulcano che non ha ancora eruttato nulla.

  4. Prof, demenziale percorso storico all’INDIETRO-ARRIERE da parte del compagno Putin, a tratti sembra Adolf. Su Marx allora Boscolo ci azzecca di nuovo, scritto decenni fa!! La vedo mal, molto e Marte viaggiante verso l’Acquario e Onde e energia a 1000!

    >

    • “Dopo il riconoscimento formale delle repubbliche del Donbass e l’accordo di fratellanza firmato a Mosca con i leader di Donetzk e Lugansk, il presidente Vladimir Putin ha ordinato all’esercito russo di “assicurare la pace” nelle aree in precedenza considerate parte dell’Ucraina.
      Il presidente russo, riporta RT, ha incaricato il Ministero della Difesa di inviare forze di pace nel Donbass e al Ministero degli Affari Esteri di stabilire relazioni diplomatiche con le due Repubbliche.
      La mossa ufficiale del Cremlino arriva poco dopo il lungo discorso storico con cui Putin, ripercorrendo la storia dell’Ucraina, ha riconosciuto l’indipendenza che le due Repubbliche avevano proclamato dopo il golpe di Maidan del 2014 quando una giunta spalleggiata da neo-nazisti dichiarati presero il potere a Kiev.
      Fino ad oggi Mosca aveva rifiutato il riconoscimento in ottemperanza di quegli accordi di Minsk che avrebbero dovuto portare ad una tregua e al riconoscimento dell’autonomia delle due regioni. Kiev ha sistematicamente disatteso il processo di pace. ”
      Queste le ragioni sovietiche…. Putin è “arretrato” ma chi è che è “avanzato” (questa volta si in maniera folle) per mettere la Russia con le spalle al muro armando ed appoggiando gli iper nazionalisti ucraini?

      • Partiti nuovi che non vogliono continuare a vivere nel circo creato da quelli attuali, che si spartiscono la torta col benestare di altri che continuano a fare ciò che credono d’innanzi ad un popolo assordato da sirene e ignavia, se ne stanno formando non pochi. Quello che al momento sembra prendere più piede e maggiormente conosciuto al momento sembra quello di Italexit. Non so quanto sia prematuro o meno, ma non credo nemmeno che passeranno anni ancora.

  5. In attesa di una quartina specifica che parla dell’attuale crisi tra L’Ucraina e la Russia vi invito a riascoltare cosa disse Renucio Boscolo verso la fine di questo video, più precisamente dopo un’ora 4 minuti e 24 secondi.

    Approfitto di questo messaggio per invitare il prof. Boscolo a fare sempre più video da caricare su Youtube in cui spiega dettagliatamente le quartine e i grandi scenari a cui stiamo andando incontro.

    Quasi tutte le nuove televisioni ormai (Smart TV) hanno tra le varie applicazioni multimediali l’App di Youtube e si potrebbe usare come canale per diffondere lo studio di una vita che ha dedicato a Nostradamus.

  6. Prof, Presagio 8, impressionante calderone di parole, da mescolare con arte: “…verS L’AQUIlon…”, SLAQUI essere SLAVO, ma essere SLAVO-SCHIAVO-SERVO anche “vers” che anagrammato diventa SERV!! L’Aquila dei Romanov, stemma di Donetsk??!! Ma dove guarda, in quale “verso”, ha due teste, rivuole tutto quello che aveva, da est a ovest!! Marzo e Marte, dramma alle Porte!

    >

  7. Ma erro, o si era anche detto nel file precedente che Slavo era anche Gloria? Non si sta vedendo qualcosa in un modo differente? Cito dal file precedente,

    Quando i Duri Rossi della nostra Madre (Russia)

    Combatteranno, certamente credi

    Che gionto il giorno che l’Eterno Padre

    Verrà disfare quanto in Terra vedi.

    Cosa ci sfugge per vedere chiaro Prof.??? Basta riflettere certamente CERTAME- la sfida e mente ed ogni senso ad essa semantica quì racchiuso!

  8. non “slavo”, ma “slava” significa “gloria”.
    Poi, l’aquila bicipite con tre corone a significare la SS. Trinità non è soltanto riconducibile all’Impero zarista.
    le 2 teste guardano a Oriente e Occidente per la vastità sconfinata del territorio dello Stato.
    L’emblema ufficiale dello Stato (equivale al nostro emblema della stella su ruota dentata con fronde di ulivo e di quercia) o meglio, della Federazione Russa, è l’aquila predetta con al centro sul cuore uno scudo che rappresenta S. Giorgio l’Invincibile che con manto azzurro (l’origine divina) su un cavallo bianco trafigge e calpesta il diavolo a terra.
    E’ il segno della missione della Russia sulla Terra, fermare e oppoesi al male, i Mongoli orientali,
    i crociati dell’ordine Teutonico, i Francesi di Napoleone, i Tedeschi di Hitler che rinnovarono gli Orrori dell’orda d’Oro di Gengis Khan provocando 26 milioni di morti civili in 5 anni di guerra furibonda, e ora i nuovi mongoli d’occidente… che sognano…
    Effettivamente c’è certo la cupidigia di appropriarsi delle ricchezze della Russia, ma l’odio nasce da altro: Russia è Alternativa Etica al Vitello d’Oro occidentale, non si piegherà mai. Tutti gli imperi passati alla fine agonizzante divennero come l’impero Americano, sempre più furioso e irrealistico e con la continua necessità di rinnovare i bellicosi strumenti per mantenere coesi i servi..
    Il 22.02.2022 è finita l’Era della conquista materiale e morale del violentissimo razionalismo Occidentale.
    La guerra si fa in 2. L’altro dov’è?
    1. Non Kiev, ora ha perso 2 piccole e lontane provincie russofone nemmeno intere, con la guerra in 5 giorni perderebbe tutto sino al confine con l’Ungheria..
    2. Non l’Europa, senza mezzi, senza soldi, divisa e già litigiosa sulle sanzioni.
    3. Non UK.
    4. Non Francia.
    5. Non USA, non muoiono per Kiev.
    Putin con una mossa minima ha fatto crollare per sempre in una sera
    Il delirio inconsistente di un pianeta unipolare.
    Ha mosso un pedoncino, e ha messo all’angolo bloccandolo l’Occidente di fatto nudo, disarmato, livoroso sì ma impotente.
    L’effetto in IndoAsia, Africa, Sudamerica sarà devastante per l’Occidente, soltanto mal sopportato ma segretamenre da tutti odiato.
    22.02.2022 data palindroma che rimarrà nei libri di storia…
    Un Epoca finisce, ne inizia una nuova
    La prox data palindroma sarà il 30.03.3003… Buon Viaggio Russia!
    ho assistito alla fine di un’Era e all’inizio di un’Altra!
    Nel 1492 avrei capito che era finito il Medioevo e iniziata l’Era Moderna?
    E nel 1789 avrei capito che finiva l’Era Moderna e iniziava quella Contemporanea?
    Il 22.02.2022 è finita l’Era della conquista materiale e morale del violentissimo razionalismo Occidentale.
    Nessuno si chiede perchè mai l’Impero Americano e il suo strumento NATO vogliano instancabilmente espandersi a Est sino all’Oceano Pacifico.
    La dottrina morale della Chiesa cattolica ammette la guerra dei Buoni per difendersi, e addirittura la guerra preventiva. Il Bene ha il dovere di difendersi, non può sempre mostrare l’altra guancia della sopportazione.

    NESSUNA CENSURA….Ecco una lIBera non schiava-slava opinione di chi più RUSSO di così si muore. Malastoria è di turtta altra pasta. Ora è chiaro chi sia il Cavallo ROSSO dell’Apocalisse ! E tutti quanti pagherannoi le consegienze di tale GUERRA ad oltranza….ed i suoi estremi iniziati dall’UKRAINA. Leggiamo quindi sentenze che non colllimano affatto con le Pronosticazioni di Nostradamus….perchè soggettive come sempre spesso presi dlla volontà di fare vaticinazioni pro domus sua – invec ben altre sono le vaticinazioni + prossime foriere e fatali all’Occidente.

  9. PROF. BOSCOLO, E’ un momento particolarmente pericoloso per l’Europa. La Russia ha messo in campo una chiara escalation. Di fronte a questa situazione l’Europa con una risposta rapida, in 24 ore, risponde con un pacchetto che danneggerà la Russia, lo dice Josep Borrel. Le sanzioni riguarderanno anche i membri della Duma russa che hanno votato questa violazione del diritto internazionale e dell’integrità territoriale e della sovranità dell’Ucraina che hanno un ruolo nell’invasione. Altro target saranno le banche che stanno finanziando i decisori russi e le operazioni nei territori separatisti del Donbass,le cui relazioni economiche con l’Europa saranno pari oggetto di sanzioni come è stato fatto in Crimea, per assicurare che quei responsabili sentano chiaramente le conseguenze economiche delle loro azioni illegali e aggressive. Apprezzamento per la Germania per aver reso forte i messaggio unitario, decidendo lo stop all’autorizzazione di NORD STREAM 2 – Il ministro degli esteri francese Jean-Yean Le Drian: siamo d’accordo sull’analisi della situazione e sulla gravità della situazione della palese violazione del diritto internazionale e dell’integrità territoriale dell’Ucraina. Tra noi europei, spiega, c’è anche solidarietà e anche nei confronti di Kiev. Saranno sanzioni pesanti e abbiamo anche delle riserve di sanzioni se la Russia dovesse mostrare di andare ancora più lontano, nella su escalation. Finalizzeremo rapidamente il pacchetto di sanzioni alle banche che hanno finanziato l’esercito russo e l’apparato, e contribuito alla destabilizzazione. Limiteremo la capacità del governo russo di raccogliere capitali su mercati finanziari europei. Lo ha detto la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen in una dichiarazione sulle sanzioni dell’Ue nella crisi ucraina. –

    • In realtà le sanzioni si ritorceranno sui paesi più deboli dell’Europa che si indebolirà ulteriormente a tutto vantaggio degli USA ….nostri reali competitors. La Russia si appoggerà sulla Cina fino a quando quest’ultima ne trarrà giovamento. L’ ucraina è un pretesto, attaccando la Russia si vuole mettere in ginocchio l’Europa interrompendo l’approvvigionamento energetico dell’occidente.

  10. Adesso sono tutti titolati a fare scenari fantapoltici….che non collimano affatto con il Fanti, non bastano le documentazioni inconfutabili postate da decadi ????? Preparate il tappeto per l’arrivo dei Russi ?Ma almeno andate a studiare un pochino di russo! e continuate a russare e dormire ad occhi aperti ? La Russia è vicinia e l’America è lontana…questo GIOCO + da che ci parte ci vedrà abbracciare ?

  11. Al prossimo file. Ora ci sarà molta carne al fuoco che ancora i grandi Solini orgogliosi e ignoranti gettano detestano La Chiave di volta del tempo,nei rifiuti.Ma la chiave di volta ha il suo tempo sui piatti della Bilancia dei Tempi. di CronoSaturno Saturnia Tellus..

  12. Eccoci dunque arrivati a ciò che è stato indicato nel lontano 2014 da Boscolo:
    Cioè che il LUPO RUSSO che causerà la GUERRA, soccomberà a causa della “stessa” che ha provocato.
    – L’Aggressore,Assalitore che a sua volta si vedrà giocato colpito dalla stessa dura ristrettezza, avaria di viveri e rifornimenti. E’ la PREDA che farà così del Lupo* invasore di fatto intrappolato o meglio l’imprigionato…nel ventre della Balena ucraina reciprocamente.-

    Quindi anche Il LEADER RUSSO PUTIN che si credeva tanto furbo è finito nella trappola da lui stesso preparata per il nemico. Siamo di fronte alla più grande disfatta del presidente russo, tanto che i suoi stessi sostenitori, oligarchi, politici e generali sono in fuga o scomparsi (I TOPI che abbandonano la nave che affonda) mentre si vocifera che – Un golpe contro Putin da parte dei servizi segreti russi è «sempre più probabile». Intanto Putin secondo alcune fonti avrebbe incominciato una caccia alle streghe tra i suoi fedelissimi e tra i generali. Avremmo presto la CADUTA DEL NONO LEADER RUSSO?

    Intanto molti paesi dell’Nord Africa come l’Egitto o la Libia e anche la Siria la quale ora a causa della guerra in Ucraina rischia la FAME a causa dell’aumento del prezzo del grano e dal fatto che la Russia non esporta più grano, frumenti e petrolio. Un possibile nuovo incendio nel Mediterraneo?

    Speriamo solo che – Dio ci liberi dai Tiranni!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...